Passaggio dell’Inter a Thohir: è fatta. Si attende solo il comunicato ufficiale.

0
276

avversariointer0809

 

E' notizia di stamattina l'avvenuto passaggio di consegne del pacchetto di maggioranza delle azioni dell'Inter. Lo ha annunciato poche ore fa Massimo Moratti alla stampa presente agli ingressi degli uffici della Saras, a Milano. Il patron nerazzurro ha avuto modo di esprimere la propria soddisfazione per la conclusione di una trattativa da lui stessa definita 'lunga ma equilibrata'.
I beneinformati parlano di un incasso di circa 250 milioni di Euro, più o meno un quarto di quanto investito dalla famiglia Moratti nei diciotto anni di presidenza della società nerazzurra.
Sembra manchi soltanto il comunicato ufficiale che, però, potrebbe arrivare anche a inizio novembre se i tempi tecnici dovessero impedire la formalizzazione della cessione all'interno dell'Assemblea dei soci programmata per il 28 Ottobre prossimo. Il nuovo consiglio d'amministrazione della società dovrebbe vedere riportate, in proporzione, le nuove percentuali di divisione del totale del pacchetto azionario: cinque posti riservati al gruppo indonesiano e tre assegnati ai Moratti.
Questo elemento rende ancora possibile la permanenza di Massimo Moratti sulla poltrona di presidenza dell'Inter. Non è da escludere che Thohir voglia puntare sulla continuità nella gestione aziendale e su un'interfaccia pubblica idonea ed espertissima, oltre che avvezza alle dinamiche mediatiche italiane come lo storico presidente. Lo stesso ha annunciato che è probabile che la cosa dipenda da una propria scelta personale, lasciando intendere che il magnate indonesiano si è già espresso, in maniera confidenziale, in tal senso.
 

Ancora non è dato di conoscere, invece, se il passaggio di mani ai vertici significherà ricerca del cambiamento anche per quanto riguarda il progetto tecnico e le ambizioni dei nerazzurri.
Non si può prevedere se il lavoro di Mazzarri e del suo staff, partito in concordato con i Moratti e volto alla riduzione degli ingaggi, alla 'normalizzazione' della rosa e alla ricerca di un impronta di gioco efficace e foriera di punti, verrà valutato compatibile con le idee degli indonesiani.
Già in passato altri tecnici hanno visto la propria panchina 'scippata' dalla nuova dirigenza portatrice di capitali e ambizioni da raggiungere in fretta e attraverso il bel gioco: si pensi al Chelsea di Abrahmovic, al Manchester City e al Psg degli arabi, alla 'meteora' Malaga. 
Ricordando poi alcune difficoltà del tecnico livornese nella sua esperienza napoletana, manifestatesi in massima parte nell'inserimento dei giocatori provenienti dai campionati esteri e nella comunicazione a livello internazionale con media e direttori di gara, ci chiediamo se un'eventuale internazionalizzazione societaria possa significare qualche inaspettato grattacapo per Mazzarri e tutto il suo staff.
Tutto dipenderà, probabilmente, da quanti e quali investimenti confluiranno nelle casse societarie e dai tempi di realizzazione di un progetto che i tifosi nerazzurri sperano possa riportare la società meneghina ai vertici del calcio europeo.
 

Alberto Francesco Sanci
Redazione Napolisoccer.net

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.