Borussia Dortmund: cos’è cambiato rispetto all’andata?

0
748

bvb - foto tratta da internetIl Napoli affronta nel quinto turno del girone F di Champion's League un Borussia Dortmund sicuramente diverso rispetto a quello arrivato al San Paolo a Settembre: gli infortuni e le pressioni dovute a qualche sconfitta di troppo porteranno in campo una formazione rimodellata e, forse, più determinata. Anche 'grazie' al 2-1 di Fuorigrotta. Scopriamo quanto accaduto in casa BVB da quella sera a oggi insieme ai nostri lettori.

In campionato

Il BVB ha in Bundesliga lo stesso identico score del Napoli: dopo 13 partite ha raccolto, infatti, 9 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte di cui le ultime due consecutive, esattamente come gli azzurri.
Arrivò al San Paolo dopo cinque vittorie di seguito e, dopo la sconfitta sotto il Vesuvio, accusò il colpo andando a pareggiare sul campo abbordabile di Norimberga, per poi riprendersi con un sonoro 5-0 interno ai danni del Friburgo. Nel mese successivo sono arrivate la sconfitta esterna col Borussia Moenchengladbach ma anche le vittorie contro Hannover (1-0), Stoccarda (6-1) e l'importante vittoria esterna nel derby con lo Schalke 04 (1-3). A cavallo dell'ultima pausa nazionali, così come successo per i partenopei, una mini-crisi di due sconfitte. Prima in trasferta col Wolfsburg (2-1) e poi, molto più pesante, la debacle interna con i rivali del Bayern Monaco (0-3). Scavalcata in classifica anche dal Leverkusen, la truppa di Klopp viaggia con ritmi altalenanti e raccoglie meno complimenti e punti che in passato. La cosa che più preoccupa i tifosi del Dortmund, però, è che la squadra non riesce a tenere il passo, davvero impressionante, dei bavaresi che, con Guardiola in panchina, sembrano non avere più avversari.

Infortuni, mugugni e difficili conferme

Alla base del momento difficile del Borussia c'è sicuramente la sfortunata e pesantissima catena di infortuni che ha colpito molti degli elementi portanti dell'undici giallonero, sopratutto in difesa.
Subotic è fuori per tutta la stagione, Hummels dovrebbe rientrare dopo la pausa invernale (che in Germania è particolarmente lunga, ndr) e forse sarà così anche per Schmelzer. Sulla via del recupero Gundogan, infortunatosi abbastanza gravemente alla schiena a metà agosto, e Piszczek. La società è dovuta correre ai ripari tesserando l'esperto Manuel Friedrich, non utilizzabile, al pari di Reveillere nel Napoli, nelle competizioni europee. Tutti questi non saranno del match col Napoli.
La grana rappresentata poi dal contratto in scadenza di Lewandowski, sempre decisivo, pone altri problemi al gruppo, già alle prese con i delicati inserimenti dei nuovi arrivi Aubameyang e Mkhitaryan. Il trasferimento del forte attaccante polacco al Bayern Monaco a fine stagione è cosa fatta praticamente dall'estate scorsa e, per quanto la professionalità dello stesso non sia in discussione, l'incertezza sul futuro vertice alto del reparto offensivo del BVB starebbe causando più scompensi di quanto la dirigenza avesse messo in conto.
Per il Borussia Dortmund si tratta di una stagione delicata: il pubblico internazionale si aspettava e si aspetta ancora una conferma ad altissimi livelli dell'undici di Klopp. Quanto sta accadendo fino a questo momento sembra alimentare prospettive meno rosee degli anni scorsi e tutto l'ambiente si sta trovando a fare i conti con la necessità, per la prima volta dopo tre stagioni, di ritrovare equilibrio sia in campo che fuori. Per questo, oltre che per il passaggio del turno, la partita di stasera si preannuncia ancora più decisiva per il Borussia.

Prospettive europee

Il BVB si era rimesso in marcia verso la qualificazione al turno successivo di Champion's andando a vincere, sorprendentemente, sul campo dell'Arsenal. Altrettanto sorprendente ha poi subito lo smacco di perdere in casa contro i Gunners, compromettendo il cammino ed arrivando alla vigilia del quinto turno con già due sconfitte su quattro partite. Il Borussia non ha alternative alla vittoria contro il Napoli se vuole proseguire il proprio percorso nella massima competizione europea: un pareggio o una sconfitta segnerebbero l'eliminazione dei gialloneri ed il passaggio degli azzurri agli ottavi. Considerato poi che l'OM ha zero punti e praticamente nessuna possibilità di arrivare terzo, il match del Signal Iduna Park si profila come un vero spareggio tra proseguire in Champion's e 'retrocedere' in Europa League, competizione più complicata da gestire sul piano tecnico e che porta nelle casse delle società introiti decisamente minori.

Il match alla lavagna

Viste le difficoltà negli ultimi due match di campionato per entrambe le contendenti viene da chiedersi se i mister, Klopp e Benitez, decideranno di apportare correttivi tattici alla propria formazione iniziale. Soprattutto per quanto riguarda il Borussia, è probabile che l'allenatore opti per una tattica fortemente offensiva, con l'arretramento di uno degli esterni di centrocampo sulla linea dei terzini e lo schieramento contemporaneo del proprio arsenale da fuoco tra trequarti e attacco.
L'idea sarà sicuramente quella di evitare che il Napoli possa costruire molte occasioni da rete, considerato che i centrali difensivi di riserva non garantiscono assolutamente la qualità dei titolari, per altro già messa in crisi dalla buona prova azzurra dell'andata.
Non è da escludere l'inserimento di un altro uomo a centrocampo al posto del trequartista o l'arretramento dello stesso in mediana, specialmente se lo staff giallonero ha deciso di trarre spunto dalla difficoltà del Napoli ad affrontare linee più folte della propria nella zona nevralgica del campo.

Alberto Francesco Sanci – Redazione Napolisoccer.net



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.