Bologna – Napoli 2-2: limiti tecnici o mentali? Risponde il nostro Forum!

0
278

lodiceforumIl pareggio di Bologna ha lasciato tutti i tifosi con una bella dose di rabbia e scontento da digerire in questo terzo lunedì di Gennaio che, secondo gli studi dell'università di Cardiff sarebbe già per proprie motivazioni intrinseche (meteorologiche, economiche e lavorative) il più triste dell'anno.
Un bel da fare, quindi, per provare a mantenere le proprie opinioni lucide senza lasciarsi andare allo sconforto.
Al netto di quest'ultimo, proviamo a raccontare ai nostri lettori la discussione – molto animata – che ha preso piede sul nostro forum a partire dall'immediato dopopartita: il risultato deludente del Napoli è figlio maggiormente di limiti tecnici oppure mentali?

Peppe68
è sicuro che si tratti dei secondi: “questo pareggio che sa di sconfitta è figlio di poca concentrazione e sottolineo il poco timore reverenziale che il Napoli riesce ad incutere in un avversario di minore levatura tecnica ed in inferiorità numerica. Gli avversari ci percepiscono abbordabili. Quale motivazione tecnica si può trovare quando subisci gol da una squadra in inferiorità, di levatura minore, e nell'ultima azione utile della partita? Nessuna. E' solo questione di mentalità e concentrazione.”
Linus69 concorda: “oggi abbiamo buttato via punti per la medesime ragioni per cui ciò è accaduto in passato. C'è un problema di mentalità, lo ripeto; non siamo capaci di tenere alta la concentrazione, sostenere la tensione, e questo può accadere con qualunque squadra perché ogni competizione ha una sua storia e sempre ha le sue insidie.”
Anche Francesco1950r è laconico: “Nel pareggio di oggi c'è un po' di tutto, primo tempo da schiaffi. I giocatori molli e svogliati, lenti come tartarughe. Albiol ha sbagliato, ma è qualche partita che perde colpi. La scarsa qualità di certi nostri elementi, oggi non può essere una scusa perché si giocava contro una squadra che deve salvarsi!”

Sui limiti tecnici emersi negli episodi e nella gestione della palla si concentra invece l'altro 'fronte' d'opinione, Camiseta Azul e Cooper in pratica sono una sola voce che esclama: ”non è che a causa della non vittoria bisogna ridiscutere moduli e allenatore. Il problema è sempre e soltanto la solita carenza di uomini: due a centrocampo e almeno uno in difesa. Già dalla prossima andremo meglio con Jorginho al posto di Inler. Lui, Fernandez, Britos, Maggio e Armero hanno qualità insufficienti al gioco richiesto da Benitez, al punto che il solo Reveillere è già sembrato adattarsi meglio. I primi sono giocatori che in una squadra di vertice potrebbero al massimo essere schierati da riserve.”

C'è poi chi, con maggiore moderazione, vede nell'incrocio dei due temi la giusta espressione di quanto avvenuto al Dall'Ara. Irondel79 è tra i primi ad esporsi: “Probabilmente la verità è sempre nel mezzo. Oggi abbiamo assistito a una prestazione indecorosa di Pandev, praticamente un uomo in meno fino all'ingresso di Hamsik. Sotto tono in maniera evidente anche Albiol, che ormai da un po' pare non ne abbia più, e inler, ormai un costante. Per quanto riguarda la mentalità, si evince che è identica agli altri anni nel momento in cui, in vantaggio di una rete e con superiorità numerica, invece di dare il colpo di grazia si giochicchia facendo melina con estrema superficialità”.
Anche I Love Napoli_95 riassume così l'andamento della gara: “Principalmente il problema è stato l'atteggiamento, è mancata intensità nel primo tempo e dopo il secondo gol. A questo aggiungiamo un fisiologico calo di Albiol e Inler, che stanno giocando sempre, nonché l'inadeguatezza di Pandev. Dice Benitez che il campionato è una corsa di resistenza e se abbiamo un terzino che gioca tutte le partite, tre centrali e tre mediani per due posti – e giocano quasi sempre gli stessi due – i giocatori finiscono per essere spremuti. Mancanza di intensità, un po' per atteggiamento, un po' per flessione fisiologica”.

C'è poi chi vede nella mancata attuazione delle indicazioni di Benitez dopo l'espulsione di Kone un punto di snodo centrale negli ultimi minuti di Bologna-Napoli. Malatoazzurro è esplicito in tal senso: “Le parole di Benitez sono state chiare, dovevamo fare possesso palla tentando di fare il 3° gol, invece i nostri, oltre a sprecare qualche ripartenza in modo ingenuo, hanno fatto solo uno sterile possesso palla su un campo viscido, senza essere veramente pericolosi dall'espulsione di Kone. Perché non è stata attuata la volontà dell'allenatore? Forse è la poca e incostante concentrazione che non ha permesso di portare a casa i 3 punti. Peccato”.
Ma così come c'è chi crede che sia la squadra a non riuscire a tradurre in campo i dettami di Benitez, parimenti c'è chi crede che siano questi ultimi a non essere sempre adatti alle situazioni che si verificano in campo. Il Barese Napoletano è convinto che ci sia qualcosa da rivedere nella fase difensiva e che le reti subite finora fanno una proiezione di circa 40 gol incassati dal Napoli a fine stagione. Chiude esprimendo qualche dubbio sulla gestione tecnica, pur riconoscendo attenuanti dovute all'inizio del progetto: “è impossibile, con questa squadra, credere di perdere punti contro Sassuolo, Parma, Udinese in casa e Cagliari e Bologna fuori. Qualche critica la vogliamo dare allo spagnolo?”

Chiudiamo con l'intervento di Giubilator che, con un po' di consapevole disillusione e più di un pizzico di amarezza, cerca di ricordare a tutti che forse era il caso di volare bassi anche in estate: “Non possiamo permetterci di giocare un solo tempo, e nemmeno di giocare in dieci. Le performances della difesa sono strettamente legate al singolo di maggior valore, e questo non è ammissibile per una squadra che ambisce a certi traguardi. E sono dell'idea che se non è possibile comprare in questa finestra giocatori di spessore che possano rimediare queste mancanze, allora bene non spendere appresso ad altri giocatori mediocri solo per sedare una piazza isterica. Penso che nonostante tutto, con la rosa attuale il terzo posto è comunque mantenibile, è la nostra dimensione, quindi se non è possibile spostare gli equilibri meglio 'accantonare'. Tutto ampiamente previsto, tra l'altro, certo bisognava non sognare ad Agosto…”

Alberto Francesco Sanci – Redazione Napolisoccer.net

Vuoi commentare anche tu la prestazione degli azzurri?
Rispondere a qualche opinione in particolare dei nostri utenti?
Iscriviti al nostro Forum e partecipa alla discussione!
Il link del topic da cui è tratto quest'articolo è il seguente:

https://www.napolisoccer.net/public/forum/index.php?showtopic=37822&st=0



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.