“Duttilità utile per il turnover, ma le lacune vanno colmate con gli acquisti giusti”. Lo dice il Forum di Napolisoccer.net

0
231

lodiceforum

Dopo la prestazione di domenica contro la Fiorentina, abbiamo chiesto agli utenti del nostro forum cosa pensassero della duttilità tattica evidenziata da molti giocatori azzurri. La prova di Callejon come esterno basso, già schierato in quella posizione negli ultimi minuti contro il Chievo, ma anche le ultime partite di Henrique, utilizzato in tre ruoli diversi, e la capacità di Insigne e Hamsik di non perdere la posizione, hanno sollecitato l'idea che questa rosa possa riservare sorprese e offrire alternative tattiche utili per il finale di questa stagione. Abbiamo chiesto agli utenti del nostro Forum cosa ne pensassero. Sintetizziamo per i nostri lettori quanto emerso dalla discussione.

 
Sery69
esordisce con sicurezza: “la duttilità tattica è quello che cerca Benitez. Avere alcuni giocatori del genere aiuta nel turnover e in caso di emergenza”.
E' però l'unico ad esaltare con fermezza questa caratteristica. Gli altri utenti preferiscono distinguere tra l'utilità in rosa di Callejon e Henrique, sottolineandone i valori decisamente diversi.
Silk dice che : “Callejon ha offerto un'ottima prova, anche Henrique ha giocato bene, ma per quello che ha dimostrato negli altri ruoli forse non farebbe parte della rosa ideale di un Napoli da Scudetto”. Blueangel risponde affermando che è normale che Henrique vada in panchina l'anno prossimo ma che il suo ingaggio è stato “tutto tranne che una marchetta. Fa tutto e lo fa anche diligentemente, è un'ottimo rincalzo. Callejon invece è stato pazzesco!”
Marcosoccer concorda con Sery69 sull'utilità generale dell'avere giocatori duttili in rosa per poi entrare anche lui nello specifico: “Callejon è veramente qualcosa di impressionante, riesce a fare qualsiasi ruolo senza perdere in qualità: ci manca solo che fa il portiere. Henrique mi è piaciuto molto, ha fatto una grande partita e alla fine è normale qualche errore con la squadra totalmente sbilanciata. Come terzino ha fatto vedere una buona intesa con Mertens, faceva sempre gli inserimenti con i tempi giusti, però non ha una corsa molto fluida. Come centrocampista sembra invece svolgere il compitino senza esagerare, bene nelle emergenze. Ovviamente abbiamo ancora visto troppo poco per rendere definitivi questi giudizi.”
Anche O'maletiempo ha qualche remora, sopratutto rispetto all'utilizzo di giocatori forti come Callejon fuori posizione: “secondo me c'è duttilità e duttilità, Henrique terzino destro e centrocampista di contenimento si può fare. Callejon da attaccante esterno a prima punta rapida o a esterno alto di centrocampo pure, ma senza esagerare con gli spostamenti in ruoli completamente diversi dalle caratteristiche del giocatore”.
E così, mentre c'è chi dice che il discorso non è di suo interesse, come Camiseta Azul che afferma “preferisco quelli che sanno fare bene una sola cosa a coloro che non sanno far bene un po' di tutto”, proseguiamo questo breve resoconto con l'intervento di Benji76: “La duttilità tattica di molti giocatori ha permesso a Benitez di fare un turnover quasi sistematico. Questo è fondamentale per una squadra che ritiene di dover lottare su più fronti. E questo è un altro aspetto che deve essere valutato quando si ragiona sul lavoro svolto da Benitez: la capacità di garantire un buon minutaggio a tutta la rosa e di sopperire alle assenze senza far scendere troppo il livello della squadra. Fino all'anno scorso c'erano solo i titolarissimi e poi il resto. Oggi abbiamo un organico molto più completo, certo da migliorare, ma che ci offre una dimensione di squadra totalmente diversa, da grande squadra. Henrique mi pare un onesto giocatore, però sono d'accordo con Silk, può tappare qualche buco per questa stagione, ma non mi pare adatto per una squadra che punta al vertice.  Riguardo Callejon, c'è da dire che è come se si fosse trasformato dopo l'espulsione. È come se, sentendosi in colpa per la palla persa che ha generato il rosso a Ghoulam, abbia iniziato a correre il triplo per farsi perdonare. Ciò mi fa venire in mente quello che sosteneva qualcuno ad inizio stagione: ch'era bravo, ma svogliato. Molte volte mi ha dato l'impressione, durante altre partite, che potrebbe dare molto di più se solo lo volesse. Sono convinto che sia solo una questione di tempo, ma alla fine, anche con qualche ulteriore rinforzo, i risultati arriveranno”.
Hedonism smorza un po' gli entusiasmi: "Ritengo che i giocatori debbano giocare nel proprio ruolo e che la società ad inizio stagione debba costruire la rosa in base al ruolo effettivo. Poi che alcuni calciatori, come Callejon ed Henrique, si prestano a ricoprire anche altri ruoli senza sfigurare ben venga, ma solo in caso di emergenza. Spesso negli anni scorsi ci siamo trovati a valutare il fatto che nella rosa del Napoli ci fosse sempre qualche buco, qualche lacuna, magari non nei titolari, ma comunque qualcosa di importante nell'equilibrio della squadra. Le lacune vanno colmate se non vogliamo sentirci, ed essere, sempre l'eterna incompiuta!"
 
 
Trascrizione e adattamento a cura di Alberto Francesco Sanci – Redazione Napolisoccer.net



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.