Il Real Madrid batte al Camp Nou il Barcellona riaprendo i giochi della Liga a 7 gare dalla fine

0
277

barcellona-real-madridAl Camp Nou il Real Madrid tenta l’impresa di battere il Barcellona e ridare un senso alle restanti 8 gare che mancano alla fine della Liga.

E’ un “Clasico” forse dall’importanza ridimensionata quest’anno a causa della distanza siderale tra le due squadre in classifica, ma è una partita che mantiene intatto il suo fascino in ogni sua edizione e che soprattutto garantisce sempre il massimo dello spettacolo visti i protagonisti in campo in ambedue le compagini.

Di fronte ad uno stadio completamente esaurito, Real e Barcellona scendono in campo con le seguenti formazioni:

BARCELLONA (4-3-3): Bravo; Alves, Piqué, Mascherano, Alba; Busquets, Rakitic, Iniesta; Messi, Neymar, Suárez. All.: Luis Enrique.

REAL MADRID (4-3-3): Navas; Carvajal, Pepe, Ramos, Marcelo; Casemiro, Kroos, Modric; Bale, Benzema, Cristiano Ronaldo. All.: Zidane.

Dopo il toccante omaggio e il minuto di raccoglimento in memoria di Cruyff l’incontro parte subito con una intensità notevolissima da ambo le parti.

All’11’ Suárez si divora un gol a porta vuota su assist di Neymar. Nella prima fase di gioco si nota subito un netto predominio in termini di possesso palla da parte dei blaugrana. La partita si scalda quando il Barcellona reclama un rigore per fallo di Ramos su Messi: il fallo è fuori area, ma ci sarebbe tutta l’ammonizione per il centrale difensivo del Real Madrid peraltro già ammonito. L’arbitro Hernandez sorvola facendo infuriare il pubblico del Campo Nou.

Al minuto 25 Cristiano Ronaldo tira di sinistro e impegna Claudio Bravo in una difficile respinta con i pugni. Al 43′ bella azione ancora una volta del Real: Carvajal dalla destra crossa per Benzema, che però colpisce male da posizione ottima sparacchiando alto.

La prima frazione di gioco si chiude con un nulla di fatto: tanto possesso palla del Barcellona ma le azioni più pericolose della gara sono capitate sicuramente al Real Madrid pur senza riuscire a concretizzare. Segno premonitore di quello che accadrà nel secondo tempo.

Al minuto 11 della ripresa, il risultato finalmente si schioda: il croato Rakitic batte un angolo dalla destra della fase di attacco dei blaugrana, la palla spiove sulla testa di Piqué che, lasciato solo colpevolmente da Pepe, batte Navas nell’angolo alto.

Passano solo nove minuti e arriva subito il pareggio della Casa Blanca. La rete è di Karim Benzema, ma tutta l’azione è di pregevole fattura. Dalla fascia destra Toni Kroos crossa in area di rigore mettendo un bel pallone al centro per Benzema che in mezza sforbiciata mette la palla alle spalle di Bravo.

A 10′ dalla fine l’arbirto Hernandez sceglie di diventare protagonista in negativo della partita e annulla abbastanza inspiegabilmente un gol regolare di Gareth Bale, poi Cristiano Ronaldo dai venti metri pizzica la traversa subito dopo. All’83’ altra svolta della partita: l’ennesimo fallaccio di Ramos che costa al difensore madridista il secondo cartellino giallo e quindi l’espulsione.

All’86’ la rimonta viene completata: Gareth Bale mette in mezzo un bel pallone per Cristiano Ronaldo, che con lo stop di petto buggera completamente Dani Alves e di destro mette la palla tra le gambe del portiere del Barcellona. I blaugrana tentano di reagire nei quattro minuti finali ma è troppo tardi per poter riagguantare il risultato. El Clasico va ai madridisti che si prendono una bella rivincita dopo la cocente sconfitta dell’andata al Bernabeu addirittura per 4-0. E ora a 7 gare dalla fine della Liga si riapre un piccolo spiraglio in vetta alla classifica con l’Atletico Madrid che guadagna tre punti sul Barca portandosi a -6, tallonato proprio dal Real Madrid ad una sola incollatura di distanza.

 

 

Natale Giusti – Napolisoccer.Net



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here