Un podio a colori: il cammino cromatico di Napoli e Roma in questo finale di stagione

0
277

squadra_dic-2015.jpgQuando mancano sei giornate alla fine della stagione 2015-2016, sembrano quasi certe le squadre che andranno ad occupare i posti sul podio. La sola incertezza è sull’ordine d’arrivo. Si accende sempre più il duello per il secondo posto che regalerebbe l’ingresso diretto alla manifestazione europea di calcio per eccellenza. Considerata l’ultima prestazione in campionato, una rimonta con sorpasso da parte della compagine viola guidata da Sousa e dell’undici di Mancini ai danni di Napoli e Roma ed un loro eventuale inserimento per staccare un biglietto di accesso alla Champions diventa sempre più improbabile.

 

 

Tenendo d’occhio le prime classificate attualmente, in queste ultime giornate, è curioso notare come per Napoli e Roma il cammino verso l’Europa è indicato dagli stessi colori. Al di là dell’incontro in cui le due squadre si troveranno di fronte a Roma nell’ultima domenica di aprile, la prima indicazione ha i colori rossoblù del Bologna. Furono i felsinei il 6 dicembre scorso ad imbrigliare il Napoli ed a “scippargli” tre punti in un match che, nell’economia generale alla fine del torneo, avrà un peso specifico maggiore di quello che possa sembrare. Sempre ad opera degli stessi rossoblù è arrivato lunedì sera, quanto mai inatteso, il pareggio per 1-1 all’Olimpico con i capitolini. Due punti questa volta portati via alla banda Spalletti, quasi a compensazione del torto fatto ai partenopei. Saranno sempre gli emiliani ad essere di scena questa volta al San Paolo nel turno infrasettimanale di martedì prossimo, dove Hamsik e compagni dovranno riprendersi il maltolto. Un rossoblù con un dialetto diverso, quello ligure ed alla luce della lanterna di Genova, ospiterà la Roma il 1 maggio. A Marassi, il Napoli era inciampato a novembre in un amaro pareggio a reti inviolate.

 

 

Ancora artefice un ironico destino, domenica prossima i colori saranno sempre gli stessi per entrambe le contendenti al secondo posto: il nero e l’azzurro. Per Sarri ed i suoi, saranno le tinte delle maglie dell’Inter in quel di San Siro. Per la Roma, sarà l’accostamento cromatico che avrà di fronte a Bergamo, dove troveranno anche un altro tipo di incrocio: Edy Reja.; ex allenatore del Napoli ma anche tecnico in passato della Lazio, si tratterà di un avversario davvero particolare per Florenzi e compagni. L’Atalanta (guarda che caso!) farà poi una scampagnata all’ombra del Vesuvio nel giorno della festa dei lavoratori. Nero e azzurro, di nuovo.

 

 

E’ la tinta granata la penultima di questo particolare percorso. Il Torino di Ventura farà visita ai giallorossi nel prossimo infrasettimanale per poi accogliere all’Olimpico di Torino, nella penultima di campionato, i partenopei. Chiudono il cerchio i colori gialloblù del Chievo e del Frosinone che rappresentano rispettivamente il penultimo ostacolo per i capitolini e l’ultimo dei napoletani.

 

 

Da questo “colorito” raggruppamento resta fuori solo il Milan. I rossoneri del neo allenatore Brocchi saranno gli ultimi avversari della Roma. Un altro personale derby con un tecnico, dopo Reja, considerati gli anni trascorsi con la Lazio da parte del nuovo mister milanese, meneghino anche di nascita.

 

 

Rossonero e gialloblù all’ultima giornata risvegliano un dolcissimo ricordo, allorquando nel campionato 1989-90 un famoso Verona-Milan alla penultima di campionato vide la disfatta del Milan di Sacchi che contendeva al Napoli di Maradona il titolo di campione d’Italia. Anche allora, il Napoli affrontava nelle ultime giornate l’Atalanta (che sconfisse per 2-0 a tavolino causa la monetina lanciata contro Alemao) ed il Bologna (strapazzato da Diego per 4-2). Corsi e ricorsi storici. Quando si dice “non è vero ma ci credo”

 

Francesco Maraucci – Redazione NapoliSoccer.net



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here