Il prossimo avversario del Napoli: Il nuovo Milan di Vincenzo Montella

0
615

avversariomilan0809Il Napoli, appena alla seconda di campionato, affronterà una sfida affascinante in occasione del debutto casalingo stagionale. Il club partenopeo, infatti, affronterà il “nuovo” Milan di proprietà cinese, passaggio di proprietà ufficializzato in tempi recenti dopo una trattativa durata diversi mesi, il cui unico cambiamento significativo, allo stato attuale, è stato l’arrivo del tecnico Montella.

 

Dopo le ultime deludenti stagioni, quest’anno i rossoneri ambiscono a raggiungere un piazzamento europeo, stavolta con concrete possibilità di farcela. Il Milan contemporaneo, infatti, rappresenta meglio di ogni altra squadra il concetto di “nobile decaduta”: tra i club calcistici più titolati del mondo, negli ultimi anni ha visto un deciso ridimensionamento da ogni punto di vista.

 

L’ultimo scudetto risale alla stagione 2010-2011, successivamente, a causa di scelte non felici dovute a una competenza societaria in declino, il club non è riuscito a rinnovarsi e rifondare anzi! Dopo aver ceduto al Psg, in un sol colpo, i punti cardine della squadra, Thiago Silva e Ibrahimovic, nonostante il cospicuo denaro incassato non riesce a trovare i degni sostituti. Le annate successive, poi, risultano caratterizzate da sessioni di mercato non all’altezza e da continui cambi di allenatore, quasi tutti ex calciatori del club senza esperienza in panchina. Inesperienza e mancata programmazione che si ripercuote sui piazzamenti finali, piuttosto modesti, fino a giungere ai giorni nostri.

 

L’annata 2016/2017 sembra essere cominciata in maniera positiva: Infatti, pur non avendo fatto un mercato dispendioso, la nuova guida tecnica sembra aver trasmesso fiducia ai calciatori della rosa. Gli elementi di maggior spessore tecnico, come Bacca (al quale era interessato anche il Napoli), Romagnoli, Donnarumma e Bonaventura, sono rimasti in rosa e sono sono stati affiancati da nuovi giocatori dai profili interessanti, come VangioniGustavo GomezLapadula, oppure da giocatori esperti, come l’ex partenopeo Josè Sosa. Tutti giocatori tecnicamente capaci di adattarsi al gioco prediletto da Montella.

 

Il modulo usato nella prima partita del Milan contro il Torino è speculare a quello azzurro, ovvero il 4-3-3 che predilige il possesso palla tramite le mezzali e gli esterni offensivi: durante il primo confronto si è visto qualche sprazzo di buon gioco, intervallato dalle solite amnesie in difesa che hanno messo in serio pericolo la vittoria rossonera, arrivata poi grazie a un rigore parato da Donnarumma nel recupero, dopo che il Milan si era trovato due volte in doppio vantaggio.

 

I rossoneri per la gara contro il Napoli dovranno fare a meno di Paletta, espulso e quindi squalificato, Zapata e Bertolacci infortunati; nonostante le defezioni il nuovo allenatore probabilmente utilizzerà lo stesso modulo visto nella prima partita. E’ auspicabile tuttavia un atteggiamento più prudente da parte di Montella visto il tasso tecnico degli azzurri e la già citata emergenza in difesa, reparto già vulnerabile di suo.

 

I precedenti contro il Milan sono piuttosto positivi, tuttavia gli elementi di buon livello non mancano, Bacca in primis e, anche dal punto di vista del gioco, si è già visto qualche miglioramento che potrebbe impensierire non poco il Napoli.

 

Vincenzo Galletta – Redazione Napolisoccer.net



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.