Dati spettatori Serie A: a sorpresa successo delle gare delle 12:30 e delle 18

0
457

serie a - logo - foto da internetQuando si parla di riempimento degli stadi nelle diverse fasce orarie in cui sono programmate le partite di serie A, lo scontro tra tradizionalisti (quelli del “rivogliamo tutte le partite alle 15 come ai bei tempi della tv in bianco e nero”) e innovatori si accende subito.

Nelle scorse settimane, peraltro, nel dibattito in vista della riassegnazione dei diritti tv per il triennio 2018-2021 è affiorata l’idea di una fascia protetta, ovvero niente partite in tv alle 15 della domenica.

La motivazione? Riportare più gente allo stadio.

Al di là delle legittime valutazioni di ciascuno, abbiamo provato ad indagare quali siano gli orari che hanno richiamato  mediamente più pubblico.

La fascia delle 15 domenicali è quella che riscuote meno successo. La media spettatori è di poco superiore a quella delle gare di mezzogiorno, ma il riempimento decisamente inferiore.

Il che rappresenta una anomalia se si considerano aspetti come la tradizione e l’abitudine a vedere calcio a quelle ore.

L’aspetto televisivo certamente non è l’unico competitor rispetto allo stadio, ma probabilmente è uno. E come sottolineato diverse volte, trasmettere meno partite non vuol dire per forza prendere meno soldi di diritti tv.

Il fatto quindi che rispetto all’offerta le partite di mezzogiorno riscuotano più successo rispetto a quelle delle 15 deve fare riflettere: è un dato che indica chiaramente nuove abitudini da parte degli italiani.

La fascia di mezzogiorno, insieme a quella delle 18 è considerata strategica perchè permette di proporre le gare anche nei mercati asiatici. La seconda, in particolare, lo è perchè alternativa a quella della prima serata (il famoso “la gente dopo la partita può andare a cena” di Erick Thohir).

Anche in questo caso i dati mostrano un ritorno migliore in termini di spettatori.

I dati, insomma, dimostrano che se pianificati con intelligenza i cambiamenti di orario possono non solo valorizzare il prodotto calcio per il mercato internazionale, ma vanno anche incontro alle preferenze della massa silenziosa che – con numeri incontrovertibili – risponde presente andando allo stadio.

Fonte: calcioefinanza.it



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.