Napoli-Inter: 3-0. Gli azzurri ritornano a brillare e sono pronti per Lisbona

0
396

zielinski_ foto tratta da internetIl Napoli ritorna ad abbagliare con il suo calcio champagne e annichilisce l’Inter venuta al San Paolo con una formazione messa in campo da Pioli con un 4-2-3-1, che ha facilitato il compito degli azzurri, i quali hanno stradominato proprio nella parte nevralgica del campo grazie al tridente Zielinski-Diawara-Hamsik.

Gli azzurri sono scesi sul terreno di gioco come assatanati per dimostrare di essere vivi nonostante il pareggio di lunedì scorso contro il Sassuolo e per proiettarsi verso la sfida decisiva di Champions di martedì a Lisbona. Pronti via e Napoli in vantaggio con un’azione spettacolare. Sponda di Gabbiadini per Insigne palla all’indietro per Hamsik che ha pescato Callejòn sulla destra, sponda di testa all’indietro per l’accorrente Zielinski, che di prima intenzione è riuscito a tenere il pallone basso calciandolo con precisione nell’angolino alla destra di Handanovic al 3′. Passano appena altri 3 minuti ed è già 2-0. Zielinski lancia in profondità Hamsik che punta verso la porta e di sinistro incrocia sul secondo palo superando ancora una volta il portiere sloveno.hamsik1-x600_3.9.2016.jpg

La gara è dominata dagli azzurri ma questa volta il possesso palla non è stato sterile, anzi, ad ogni palla recuperata si è cercata la via della rete. Un Zielinski sontuoso ha ramazzato e costruito, Diawara con la sua solita calma olimpica ha recuperato tutte le seconde palle ed impostato l’azione, Hamsik ha trasformato ogni azione in una ripartenza, il tutto con gli interisti in continuo affanno.

Come al solito però gli azzurri hanno concesso troppo in difesa rischiando di far tornare in partita gli avversari; prima al 20′ quando un disimpegno maldestro di Albiol ha permesso a Brozovic di servire Icardi e poi al 33′ ancora con l’argentino, ma in entrambe le occasione un grandissimo Reina ha chiuso la saracinesca azzurra.

lorenzo-insigne1-x600_3.9.2016.jpgDopo un primo tempo a ritmi elevatissimi era logico aspettarsi una ripresa meno spumeggiante e questo anche grazie al colpo di grazia inferto dal Napoli ai nerazzurri con Lorenzo Insigne (al 4° gol nelle ultime tre partite di campionato ndr), che al 52′ su azione d’angolo è stato il più lesto di tutti nel riprendere una sponda di Albiol ed insaccare.

Per la cronaca va registrato un altro miracolo di Reina su un tiro ravvicinato di Candreva al 68′ ed un colpo di testa uscito di un soffio di Perisic all’89’.

Tra le fila azzurre ha finalmente fatto il suo esordio al 77′ Marko Rog subentrato ad Hamsik ed il San Paolo gli ha tributato un caloroso applauso di benvenuto, così come gli applausi li ha meritati Gabbiadini, stasera molto più vivo anche se non ha trovato la via della rete. Seconda partita con Albiol titolare e seconda gara senza subire reti, questo non può essere sicuramente frutto del caso, l’assenza dello spagnolo come spesso abbiamo noi stessi riportato è stata ugualmente pesante come quella di Milik. Prima della gara è stato osservato un minuto di raccoglimento per ricordare la memoria dei calciatori e di tutte le vittime del Chapecoense.rog foto ssc napoli

Il Napoli visto questa sera può volare con estrema sicurezza a Lisbona e giocarsi le carte per il passaggio del turno in Champions contro il Benfica impegnato in campionato questa sera sul campo del Maritimo ed uscito sconfitto per 2-1.

Questo è il Napoli che vogliamo, questo è il Napoli che può vincere contro chiunque, questo è il Napoli che meritiamo. #ForzaNapoliSempre

Patrizio Annunziata



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here