Il Pocho ritorna a fare il fulmine, uno due dell’argentino ed il Napoli torna a vincere

0
110

E’ la notte del Pocho, la notte di Ezequiel Lavezzi. Si prende il suo Napoli e con due magie fa volare la squadra azzurra. Non segnava da nove partite, qualcuno cominciava a metterlo già in discussione, ma il fulmine argentino smentisce tutti. Esce dalle tenebre e come d’incanto ritorna a fare il fenomeno. Uno due micidiale e i friulani tornano a casa senza punti. Prima da fuori area e poi con un cucchiaio regala al Napoli due perle da campione. Reja al 39’ della ripresa lo sostituisce ed il San Paolo in delirio gli riserva una magica standing ovation. Cinque gare senza vittoria, l’ultima persa in malo modo al Sant’Elia. L’obbligo era quello di risalire immediatamente la china per tentare di inseguire un posto in Europa e costruire, finalmente, qualcosa di grande. Napoli si è aggrappata al suo fenomeno, quel Lavezzi che aveva incantato a inizio stagione ed era finito nel dimenticatoio, complici 76 giorni di astinenza da gol. L’argentino, come ogni genio calcistico, si è caricato la squadra sulle spalle nel momento del bisogno portandola alla tanto sospirata vittoria che rasserena gli animi in casa azzurra. La standing ovation riservata dal pubblico del San Paolo al suo talento più puro, la dice lunga sull’importanza di questo calciatore per la formazione di Reja. I tre gol partenopei portano tutti la firma dell’argentino e se il primo è stato solo causato da un suo cross, gli altri recano il marchio di fabbrica dei campioni.
Umberto Russo



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here