Roma-Benevento 5-2. Guilherme fa sognare ma Fazio, Under, Dzeko e Defrel riportano alla realtà

0
817

logo-benevento1Il Benevento perde a Roma: Guilherme fa sognare in avvio i tifosi sanniti ma la migliore qualità dei giallorossi della Roma prevale nella ripresa

Alle 20:45 Roma e Benevento sono scese in campo agli ordini del sig. Manganiello di Pinerolo con le seguenti formazioni ufficiali agli ordini del sig. Manganiello di Pinerolo:

Roma (4-2-3-1): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Gerson, Strootman; Ünder, Perotti, El Shaarawy; Džeko. A disp.: Skorupski, Lobont, Bouah, Jesus, Antonucci, Riccardi, Marcucci, Defrel, Schick. All.: Di Francesco.

Benevento (4-2-3-1): Puggioni; Venuti, Costa, Djimsiti, Letizia; Viola, Sandro; Djuricic; Guilherme, D’Alessandro, Brignola. A disp.: Brignoli, Del Pinto, Coda, Tosca, Gyamfi, Memushaj, Diabate, Parigini, Billong, Iemmello, Sagna, Lombardi. All. Roberto De Zerbi.

Il Benevento di mister Roberto De Zerbi, con circa 1.700 tifosi al seguito, cerca di ripetere la grande partita giocata contro il Napoli la scorsa domenica dove a tratti, nonostante lo 0-2 finale, ha dato filo da torcere anche alla capolista della Serie A rappresentata dal Napoli di Maurizio Sarri.

Pronti, via, il Benevento cerca subito di mettere in difficoltà la Roma con un pressing alto in ogni zona del campo che almeno nel primo quarto d’ora rende molto difficile la vita agli attaccanti di mister Di Francesco. Al minuto 7 il colpo di scena: Guilherme, autore di una buona prova anche contro il Napoli domenica scorsa, si porta a spasso tutta la difesa giallorossa prima di far partire un bel diagonale, deviato leggermente da Manolas, che trafigge imparabilmente Alisson. 

La reazione della Roma è rabbiosa ma per lunghi tratti va a sbattere contro la difesa del Benevento bene organizzata da De Zerbi. Intorno al 20° c’è la prima vera azione pericolosa della Roma: da azione susseguente ad angolo c’è un colpo dio testa di Dzeko ribattuto da un difensore sannita, la palla perviene a El Sharawy che spara leggermente alto sulla traversa della porta difesa da Puggioni. E’ solo il preludio al pareggio che arriva al minuto 26: punizione battuta dalla fascia sinistra a due tocchi tra Perotti e Kolarov che mette al centro dell’area di rigore del Benevento, dove svetta di testa Fazio che batte Puggioni per l’1-1 della Roma che rispecchia quanto in visto in campo nel corso della prima frazione di gioco. 

Al 13° della ripresa una Roma non eccezionale riesce a trovare il gol del 2-1: c’è una percussione del turco Cengiz Under che supera in corsa sullo scatto Costa, mette al centro per l’incornata senza alcun ostacolo di Dzeko che firma il raddoppio della Roma. Tre minuti dopo la Roma va sul 3-1: protagonista ancora il turco Under che è lesto ad approfittare di un magnifico assist di Diego Perotti e a battere a rete con un rasoterra basso nell’angolino alla destra del portiere Puggioni. La Roma nella ripresa riesce gradualmente a far prevalere la migliore qualità individuale dei propri singoli contro un Benevento che comunque non sfigura contro avversari molto più quotati tecnicamente come i giallorossi di Di Francesco.

Ad un quarto d’ora dalla fine, esordio nel campionato italiano tra le fila del Benevento anche di Bacary Sagna, ex Arsenal, acquisto dal passato più rilevante del mercato di gennaio dei sanniti del presidente Vigorito. Nel finale la Roma dilaga: è ancora Under alla mezzora del secondo tempo con un sinistro a giro a battere ancora una volta Puggioni per il gol del 4-1 per la Roma. Un minuto dopo però Brignola finalizza un’azione di Guilherme e Lombardi portando il Benevento sul 4-2.  

In pieno recupero c’è il tempo anche per un rigore assegnato alla Roma per netto fallo di mani di Djimsiti. Sul dischetto va Defrel che porta la Roma sul 5-2, risultato con cui si chiude la contesa tra Roma e Benevento. 

 

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.