Bacci a #30minuticonlevespe: “Un sogno giocare contro il Lecce. I playoff non devono sfuggirci”

0
752

Alessandro Bacci, portiere della Juve Stabia, ha risposto alle domande dei tifosi delle vespe a #30minuticonlevespe sulla pagina Facebook della Juve Stabia

Alessandro Bacci, portiere della Juve Stabia e fresco di rinnovo fino al 2019, è intervenuto sulla pagina Facebook della Juve Stabia rispondendo alle domande dei tifosi gialloblù per l’iniziativa #30minuticonlevespe. Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate da Napolisoccer.Net: “Ricordo con emozione la mia prima esperienza nel calcio professionistico. Andammo a fare i playout e fu un’emozione pazzesca. Affrontare tre squadre campane per noi che eravamo una piccola realtà e riuscire a salvarci fu un’emozione bellissima. La mia dote migliore credo sia stare tra i pali mentre con i piedi devo sicuramente migliorare molto. Ormai sono due anni che sono alla Juve Stabia e conosco molto bene la città e le persone e mi trovo molto bene qui. Mi piace molto il lungomare soprattutto. 

Il mio rapporto con Mastalli è bellissimo. Grande amicizia fra noi ma non è questo il motivo per cui lui e io siamo rimasti a Castellammare.

Per me è un sogno giocare contro il Lecce. Sarà una gara bellissima con tanta gente allo stadio. Credo che ognuno lavora sempre al massimo cercando di sfruttare le occasioni che capitano e lo farò anche io ora che Branduani è squalificato per due gare. La gara più bella fu quella vinta 4-1 col Foggia lo scorso anno, quella più brutta lo 0-0 contro la Reggiana che ci ha buttato fuori dai playoff. 

Tutti gli allenatori con cui sono stato sono dei grandi allenatori. I portieri con cui ho convissuto negli ultimi anni sono tutti dei grandi portieri e il mio rapporto con loro è stato sempre stupendo. 

Bisogna continuare così come stavamo giocando. Tanta sfortuna soprattutto nelle gare in casa. Dobbiamo continuare ad allenarci così come stavamo facendo e i risultati sicuramente torneranno ad essere positivi. Nel caso di vittoria a Lecce? Mi raperò a zero. Sono toscano con la battuta pronta e mi piace tenere allegria nel gruppo. 

I rigori? Li parano i portieri. Se un rigore è tirato bene, è dura prenderlo e quindi forse è più un errore dell’attaccante. Il nostro obiettivo sono i playoff e dobbiamo riuscire ad arrivarci. La squadra che mi ha più impressionato? Ci sono tre grandi squadre, Lecce, Trapani e Catania ma se ci metti un pò di impegno in più riesci a fargli del male. 

Il giocatore a cui mi ispiro è Buffon sicuramente. Non c’è paragone. Fuori dal rettangolo di gioco, sono un ragazzo abbastanza tranquillo, mi piace vedere un bel film o una serie oppure uscire con i ragazzi a fare una passeggiata. Sono solare e abbastanza positivo per quanto riguarda i miei pregi. il mio hobby preferito è l’NBA. Il mio colore preferito è il blu. I miei numeri preferiti sono l’1 e il 25 che è il giorno in cui sono nato. I miei viaggi preferiti sono stati quelli a Londra e a Myconos questa estate. La mia città preferita è Firenze. Se non avessi fatto il calciatore avrei fatto lo stesso lavoro di mio padre: operaio in una ditta edile. Il mio rito scaramantico è dare un cazzotto sotto la traversa prima della partita”. 

 

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.