Giocatori del Benevento in coro: “Non meritiamo l’ultimo posto”

0
624

logo-benevento1.jpg

Dopo la vittoria per 3-0 contro il Verona di oggi pomeriggio, diversi giocatori sanniti sono stati intervistati. Queste le loro parole sintetizzate dalla redazione di NapoliSoccer per i propri lettori. 

Djuricic: “Sono felice perché non è facile vincere in questo modo. Onestamente sono anche un po’ triste perché non meritiamo l’ultimo posto. L’atteggiamento è stato più che positivo, giocando bene la palla. Il mister ha preparato la partita in maniera straordinaria. È il Benevento che vogliamo vedere ogni giorno. Non esagero se dico che se questa squadra fosse partita dall’inizio, avrebbe lottato per l’Europa League. Il futuro? È ancora troppo lontano. Il mio obiettivo è quello di tornare in Nazionale e vorrei parlare con tutte le persone che mi sono vicine prima di prendere la migliore decisione possibile”.

Del Pinto: “C’è un pizzico di amarezza per la classifica, soprattutto perché le prestazioni non sono mai mancate. Oggi abbiamo vinto, ma ci manca sempre quel pizzico in più in fase conclusiva considerate le numerose occasioni create. La squadra ha giocato un bel calcio, eccetto i primi dieci minuti del secondo tempo dove ci siamo abbassati un po’ troppo. La prestazione è stata più che positiva: siamo soddisfatti. È chiaro che dovevamo fare più punti nel girone di andata, ma con il senno del poi non facciamo nulla. Guardiamo avanti e pensiamo solo alla Juventus. Sarà importante capire il vero senso di queste ultime partite e se tutti andremo nella stessa direzione potremmo dire la nostra. Pensate, verso il 20′ i nostri avversari non si capacitavano della nostra classifica. Lavoriamo molto in settimana e la qualità non manca. Il mister ci mette nelle migliori condizioni di lavorare. Il ritiro? A mio avviso può essere un’arma a doppio taglio. Nella scorsa stagione la fine del ritiro ci ha permesso di cominciare la scalata verso la serie A, mentre quest’anno abbiamo capito che può servirci al meglio. La Juve? Vivo questa gara con serenità e con la felicità di affrontare i campioni d’Italia. Per me è una grande soddisfazione. Il futuro? Sono felice di stare a Benevento. Guardo sempre gli interessi della squadra. Vediamo cosa succederà nelle ultime partita e poi sono certo che la società programmerà il futuro”.

Viola: “Questa vittoria è importantissima anche per il morale. C’è un po’ di rammarico perché se vedi la partita di oggi non riesci a capacitarti della classifica. Dobbiamo continuare così a partire dalla sfida di sabato contro la Juve. Stiamo dimostrando da tempo di non avere nulla da invidiare a molte squadre di serie A e quella di oggi credo sia stata la gara più bella della stagione. Ce la teniamo stretta e ripartiamo proprio da qui. Vigorito? Siamo contenti di vederlo in tribuna, vuol dire che sta in forma. Dopo la vittoria di oggi non può che farci piacere. Il pubblico è fantastico e credo che oggi abbia dato un’altra grande dimostrazione di affetto.

In passato di ritiri ne abbiamo fatti tanti, ma oggi c’era tanta voglia di vincere. Siamo stati a Venticano a Pasqua: onestamente non avevamo nulla da festeggiare a causa dei risultati e per tale motivo abbiamo pensato solo al Verona. Aspettiamo con umiltà la Juve, ma non abbiamo paura di nessuno. C’è consapevolezza di stare giocando bene, anche perché stiamo dimostrando con i numeri di essere una squadra che non merita l’ultimo posto.Oggi abbiamo sofferto pochissimo per merito nostro perché eravamo sempre in vantaggio sulla palla. Il mister l’ha preparata così e ci siamo riusciti alla perfezione. Per la posizione che abbiamo, in cui siamo sempre costretti a vincere, c’è sempre il rischio di concedere qualcosa. Adesso guardiamo in avanti”.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.