Champions League: Remuntada Roma, eliminato il Barcellona

0
351

Con i gol di Dzeko al 7′ e quelli, nella ripresa di De Rossi (rigore) al 58′ e Manolas all’82’ la Roma confeziona una remuntada ai danni del Barcellona che nessuno si aspettava, dopo il sonoro 4-1 della gara di andata.

Dal punto di vista tattico, al di là dell’indispensabile apporto dei giocatori in campo, per questa splendida vittoria, gran merito va riconosciuto al tecnico Di Francesco che, schierando la sua squadra con un nuovo assetto tattico, un inedito 3-4-1-2, ha letteralmente mandato in confusione il Barcellona, presentatosi in campo con il collaudato 4-4-2.

La chiave tattica della partita ha permesso ai giallorossi di assumere, fin da subito, le redini della gara anche e soprattutto grazie ad una prova superlativa di Nainggolan, che ha coperto immense parti del campo,  e di Florenzi e Kolarov sugli esterni, che hanno svolto ottimamente i compiti di ripiegamento e raddoppio nella fase di non possesso. Buona la prova del debuttante europeo Schick, senza dimenticare le ottime prestazioni dei tre marcatori di serata: Dzeko, De Rossi e Manolas. Ma è stata tutta la squadra a dar prova di enorme compattezza ed elevato spessore, anche suscitando qualche recriminazione – dopo che è passata la sbornia da vittoria – in chi ha iniziato a chiedersi – come Di Francesco – come e perchè questo standard non si stato mantenuto anche in campionato.

Dall’altro lato, invece, da segnalare la brutta gara del Barcellona e la latitanza di Lionel Messi, sceso sul prato ma assolutamente assente in campo.

Un’impresa, questa della Roma che resterà nella storia del club e della competizione, perchè rimontare da un passivo di 4-1 non è semplice per nessuno, soprattutto se di fronte hai top player di livello mondiale. La Roma ci ha creduto fino alla fine ed è riuscita nell’impresa, senza inchinarsi allo strapotere dell’avversario. 

I tifosi giallorossi, dopo la remuntada, hanno festeggiato a lungo, dentro e fuori lo stadio,  gustandosi la gioia di aver sconfitto ed eliminato il Barcellona, quest’anno imbattuta nella Liga e in Champions. E, probabilmente, pensando a chi dava per scontato l’esito finale e l’eliminazione della Roma.

Che sia chiaro: non sempre nel calcio vince il più forte! Che lo sappia anche chi, per sminuire una sconfitta, esalta oltremodo l’avversario. Non sempre buttando il cuore oltre l’ostacolo si riesce a vincere ma sul campo è possibile, sia che si giochi contro Messi che contro Cristiano Ronaldo.

foto ansa.it



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.