Mister Ancelotti e le dichiarazioni criptiche: rassegnazione o asso nella manica?

1
1881

ancelotti-dimaro1-11.7.2018.jpgMister Ancelotti ieri sera al termine della gara contro il Chievo ha rilasciato alcune dichiarazioni che possono nascondere rassegnazione o un asso nella manica

Mister Ancelotti al termine della gara di ieri sera ha rilasciato alcune dichiarazioni che hanno lasciato interdetti tifosi e addetti ai lavori.

Il tecnico del Napoli si è detto molto soddisfatto della rosa attuale, specificando anche che per lui non esiste nessuna emergenza nel reparto difensivo.

Possibile che per un tecnico vincente come lui Tonelli e Luperto siano “terzini affidabili“?.

Qualcosa di certo si cela dietro queste frasi criptiche del tecnico e le possibilità da prendere in considerazione sono due: o rassegnazione per una campagna acquisti in tono minore oppure il depistaggio perchè sà di avere un asso nella manica.

Il calciomercato chiude il 17 agosto e quindi non è ancora il momento di tirare le somme, perchè ancora tutto ed il contrario di tutto può accadere, ma è giusto fare delle considerazioni.

La scelta di Ancelotti come allenatore ha portato in città una ventata di ottimismo, perchè il suo arrivo doveva essere il segnale per una campagna acquisti altisonante.

Al momento però le attese sono state disattese, perchè i pur bravissimi Verdi e Fabian Ruiz possono dare un buonissimo contributo alla causa ma di certo non aumentare il livello della rosa.

La scelta del portiere è poi stata una vera scommessa, perchè puntare su un giovane come Meret per disputare la Champions sembra essere più che un azzardo, nonostante sia un prospetto interessantissimo.

La rosa del Napoli è ancora monca per competere con la Juventus, inutile nascondersi dietro ad un dito, ancor di più dopo l’arrivo a Torino di Cristiano Ronaldo.

C’è bisogno assolutamente di due terzini, perchè i tempi di recupero di Ghoulam si stanno allungando; un portiere che dia sicurezza in Champions; un centrale difensivo che possa far rifiatare i titolari e poi ci sarebbe il botto, il colpo da 90 che potrebbe essere una punta da almeno 25 gol e non ci lanciamo sul fare nomi, perchè sarebbe inutile.

Quello che fa riflettere è un’altra cosa; si nota un Ancelotti fin troppo tranquillo nelle sue dichiarazioni rilasciate fino ad ora e siamo certi che anche lui saprà benissimo che questo Napoli è molto simile a quello che lo scorso anno ha dato filo da torcere e spettacolo senza però vincere alcun trofeo.

Perchè mister Ancelotti è allora così tranquillo? Avrà avuto rassicurazioni da De Laurentiis su innesti di valore assoluto? Ha sposato la politica societaria e si adatterà a tirare fuori il meglio dalla rosa attuale?

Conoscendo il suo curriculum e le sue ambizioni sembra più probabile prendere in considerazione la prima ipotesi, ma al momento trascorrono i giorni e nulla cambia.

Si spera solo che Ancelotti non sia stato scelto per far ingoiare la pillola amara dell’addio di Sarri, perchè un allenatore seppur bravissimo non potrà mai vincere senza calciatori e in questo Napoli sono tutti forti ed è risaputo, come è risaputo che manca qualcosa per il definitivo salto e anche un leader in campo che fino allo scorso anno si chiamava Pepe Reina.

Il mercato è ancora aperto, tempo davanti c’è, tutti aspettiamo a giudicare, ma intanto era giusto fare il punto alla fine del ritiro in Trentino.

Patrizio Annunziata



1 COMMENTO

  1. Trovo molto discutibili i contenuti di quest’articolo, a partire dal ritenere “terzini affidabili Tonelli e Luperto”, non è certo ciò che intende Ancelotti, sapendo che il Napoli è alla ricerca di un terzino destro o ambidestro, certo poteva chiudere prima, tra l’altro Luperto probabilmente andrà andrà in prestito,
    e Tonelli rientra in un’altra parte discutibile dell’articolo, quando si dice di comprare un centrale per far rifiatare i titolari, io credo che il Napoli I centrali per far rifiatare i titolari già li abbia e stia decidendo quale dei tre cedere, tra Tonelli, Maksimovic e Chiriches, io terrei Tonelli.
    Attaccante da 25-30 gol, io sinceramente a Higuain, Benzema, e altri over 30 da più di 40 milioni, preferisco Milik, che non ha mai sfigurato e potrebbe espoledere, e Mertens che 25 gol li ha già fatti, inolotre appoggio la politica italiana della società, con Meret, Inglese, prenderei Darmian e terrei Tonelli.
    Reina, grande carisma ma non un fenomeno, è stato allontanato da Dela, così come Cannavaro e altri per le le loro amicizie non limpidissime.
    Ovvio che se arrivasse Neymar saremmo tutti felici, ma io penso che il Napoli dell’anno scorso fosse forte e che quest’anno sia ancora più forte. Per chiudere secondo me Verdi alza il tasso tecnico della squadra!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.