Napoli-Fiorentina vista dal tifoso: Con i viola decide sempre Insigne!

0
534

passionepallone.jpgNapoli-Fiorentina 1-0 e a tutti i tifosi azzurri continuano sempre più a piacere le “griglie”. Quelle giornalistiche, si intende.

Doveva essere la giornata che consacrava l’anti Juve, con la blasonata Inter pronta a fare la voce grossa, non solo sul piccolo Parma ma anche sul povero e derelitto Napoli, specie dopo la batosta di Genova con la Samp. Ma visto che in Italia i pennivendoli sono sempre più numerosi, ecco che il piccolo Parma sbanca San Siro ed il povero e sciagurato Napoli infila la terza vittoria su quattro gare disputate. I verdetti si emettono alla fine, manca ancora una vita alla fine della stagione, però sottovalutare il Napoli in questo modo è stato un autogol che, noi tutti, speriamo possa dare grosse soddisfazioni agli azzurri.

Tornando alla gara del San Paolo, primo tempo avaro di emozioni quello tra Napoli e Fiorentina. Ancelotti cambia ancora la formazione, tenendo fuori Albiol e Milik in attesa della Champions e gettando nella mischia Maksimovic e Mertens, oltre a Karnezis tra i pali al posto di Ospina. È un Napoli non brillante, un po’ imballato nei muscoli e nelle idee ma che non soffre più di tanto la Fiorentina. Gli uomini di Pioli sono un’allegra banda di ragazzini dal grande vigore atletico e soprattutto sulla tre quarti riescono spesso ad avere la meglio sugli avversari, senza mai, però, arrivare pericolosamente al tiro. Proprio a centrocampo, invece, il Napoli continua a non trovare un proprio assetto ideale, mettendo in difficoltà sia l’attacco, poco servito, sia la difesa non sempre coperta a dovere. Zielinski, a dispetto dei tanti elogi, sembra un giocatore che si fa notare più per i gol segnati che non per il suo ruolo in un centrocampo a tre, mentre Hamsik continua (in verità con pochi progressi) il suo tirocinio da metronomo della squadra. Il solo Allan non basta, specie quando appare abbastanza nervoso. L’occasione migliore dei 45minuti è di Insigne con il pallone di poco a lato dopo un bel cross teso di Mario Rui.

La ripresa è più movimentata, complice il gran caldo che sfilaccia le squadre aprendo varchi che nella prima frazione sembravano invalicabili. È ancora il Napoli a fare la partita. Le occasioni sono più numerose, prima con Hamsik poi con Mertens, ma in entrambe le azioni, la mira è difettosa. I viola si chiudono, provano a portare a casa il punticino ed è proprio questo il loro più grane errore. Il suo voler rinunciare a giocare, galvanizza il Napoli. Ancelotti azzecca ancora una volta i cambi. Fuori Mertens, poco brillante e dentro Milik con il polacco che a 10 minuti dalla fine serve l’assist perfetto per Insigne. Stop e tiro ed il Napoli è in vantaggio. Strameritato. Sbloccato il punteggio, gli azzurri sfiorano per ben due volte il raddoppio, prima con Zielinski, poi con Milik. La Fiorentina sparisce dal campo ed al triplice fischio finale, Il Napoli esce tra gli applausi. Con buona pace delle “griglie” estive.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.