I quadri di Napoli-Fiorentina: miglior e peggior azzurro per la redazione di NapoliSoccer.NET

0
761

QUADRI.jpgNapoli-Fiorentina 1-0: partita sofferta e dai due volti, con gli azzurri che prendono il largo nelle occasioni da rete nel secondo tempo e chiudono la gara con scarto minimo ma meritato. La gara, caratterizzata dal gran caldo, ha portato una vittoria fondamentale per il proseguimento della stagione. I nostri redattori hanno espresso il loro giudizio sul migliore e peggiore azzurro di oggi. 

Migliore: Insigne. Volitivo e pericoloso occupa l’intera zona d’attacco ed è l’azzurro che più di tutti commetterò convinzione. Il gol è un giusto premio ad una prestazione molto positiva.
Peggiore: Mario Rui. Non difende e non attacco, è poco dinamico spesso impreciso. Con la palla non sa mai cosa fare (e come lui anche Hysaj dall’altro lato).§
Gianni D’Oriano

Migliore: Insigne. Gioca in un ruolo inedito: vicino alla punta centrale e si districa bene in questo nuovo ruolo. È costantemente il giocatore più pericoloso del Napoli e segna la rete, che consente alla squadra azzurra di battere la Fiorentina. 
Peggiore: Mertens. Una prestazione sotto tono, non da lui; infatti si vede poco e non riesce ad essere più di tanto incisivo. Non è un caso, che Ancelotti lo fa uscire poco dopo l’inizio del secondo tempo.
Enzo Capano

Migliore: Hamsik. Il capitano mostra tutta la sua importanza tenendo le redini del gioco  – non così spettacolare, comunque – per tutti e 90 i minuti, crampi finali compresi. Nella linea a quattro ha forse qualche metro in più da coprire ma con Allan a campo può permettersi qualche pausa. Continua la crescita nel nuovo ruolo da inizio stagione. 
Peggiore: Hysaj. Appare davvero inadeguato: per qualcuno improvvisamente, ma i mezzi tecnici gli hanno sempre fatto difetto e i continui passaggi corti, le tante incertezze negli interventi sia aerei che sul terreno, una fisicità sempre inferiore rispetto al suo avversario, è palesemente il punto debole della squadra. 
Alberto Francesco Sanci

Migliore: Insigne. Oltre a segnare il goal della vittoria, è il calciatore azzurro che si è reso maggiormente pericoloso in avanti, con altre due conclusioni che sfiorano il palo. Evidentemente scosso dalla sostituzione di Genova e da qualche ingenerosa critica in Nazionale, tira fuori una prestazione di sostanza e priva di inutili ricami.
Peggiore: Hysaj. Soffre, soffre, soffre. E con lui la squadra e i tifosi azzurri. Il terzino mostra dei limiti che forse si conoscevano già, magari nascosti da dedizione e applicazione messi e apprezzati negli schemi sarristi (visto che Sarrismo è ufficialmente neologismo, ndr). È forse il calciatore che deve crescere di più per aiutare il salto di qualità della squadra.
Patrizio Annunziata



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.