Benitez: “Domani Salah e Insigne decisivi. Al Napoli resiste il solco tracciato anni fa”

0
353

benitez1-22-3-2014.jpgRafa Benitez, ex tecnico di Napoli e Liverpool, ha rilasciato un’intervista pubblicata oggi dal Corriere dello Sport alla vigilia della sfida decisiva di Champions League tra le due squadre. Di seguito le sue parole sintetizzate dalla redazione di NapoliSoccer.NET per i propri lettori. 

Napoli è una città fantastica, bellissima, con un patrimonio naturale che stupisce. L’ho girata tanto, per quello che potevo, e sono stato amato al punto che mi ritenevano l’ambasciatore nel Mondo. Ho avuto rapporti straordinari con la gente. Con De Laurentiis abbiamo costruito, per ciò che era possibile, un Napoli europeo. Nacque un progetto biennale, che ha avuto risultati gratificanti. È stato tracciato un solco che, mi sembra, sia poi stato seguito e anzi resista ancora con la struttura portante di quella campagna acquisti che servì per dare un respiro più ampio a una squadra che cambiò anche metodo di gioco.

Uomo partita? Potrei dirne tanti, sia del Liverpool che del Napoli: da una parte Mané, Firmino, Sturridge; dall’altra: Callejon, Mertens, Albiol, Koulibaly. Ma lei me ne chiede uno per parte e allora scelgo: Salah e Insigne.

La delusione di uscire dalla Champions con 12 punti nel girone fu difficile da assorbire: un caso unico, non raro, in Champions. Anzi, sono sicuro: non succederà mai più una cosa del genere. Ma immagino che pure quella esperienza sia servita per far maturare quel Napoli.

C’è grande stima, da parte mia nei confronti di Ancelotti e da parte di Carlo con me. Non c’è modo di chiacchierare a lungo, ma ogni volta che ci vediamo alle riunioni tecniche avvertiamo entrambi l’ammirazione che abbiamo l’uno per l’altro”.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.