Sky “inchioda” Mazzoleni con una settimana di ritardo. Per non gettare nel ridicolo il Boxing Day all’italiana

0
2172

mazzoleni-arbitro_x600.jpgNella giornata di ieri Sky Sport ha mandato in onda una dettagliata ricostruzione di quanto accaduto sugli spalti e a bordocampo durante Inter-Napoli del 26 dicembre rispetto ai cori razzisti indirizzati verso Kalidou Koulibaly. Ricordiamo che la mancata interruzione-sospensione della gara ha portato all’emissione di un comunicato ufficiale da parte della UEFA e della FifPro in cui si stigmatizza il mancato rispetto del protocollo antirazzismo da parte del mondo del calcio italiano.

Nei giorni scorsi si sono fatte molte polemiche rispetto a chi aveva l’autorità di prendere dei provvedimenti. Perché se da parte del mondo arbitrale si è teso a ricordare che la sospensione – ovvero l’interruzione definitiva della gara – riguarda le responsabilità degli uomini preposti all’ordine pubblico, dall’altro si è ricordato come in passato altri fischietti (Irrati e Rocchi, ma anche Gavillucci ad esempio) abbiano interrotto le partite per riunire le squadre a centrocampo durante l’annuncio di una possibile sospensione per cori razzisti.

È proprio questo il punto che inchioda Mazzoleni: Sky Sport ricorda che il primo annuncio per cori razzisti verso Koulibaly a San Siro arriva al 5′ minuto di gioco, dopo i primi ululati. Altri ululati arrivano al 27′ della ripresa, quando il difensore azzurro prova la sortita offensiva: qui arriva il secondo annuncio, e in quel momento Mazzoleni avrebbe dovuto interrompere il gioco. 


Il problema ulteriore è che al momento del fallo di Koulibaly su Politano, in seguito al quale arriva l’ammonizione di Mazzoleni per il difensore azzurro, i cori razzisti ripartono ancora. Al di là del gesto plateale del difensore senegalese, che applaude l’arbitro per l’ammonizione meritandosi il rosso diretto, l’ulteriore mancata interruzione della partita crea un clima irrespirabile nell’impianto di San Siro. È l’indifferenza verso certi gesti, il continuare il gioco come se niente fosse, il problema.

C’è da sottolineare che, in ogni caso, la ricostruzione di Sky Sport arriva con un colpevole ritardo di almeno una settimana dai fatti: quanto accaduto al Meazza era già molto chiaro in presa diretta, e l’edulcorazione degli ululati e la volontà dei telecronisti presenti di sottolineare più le questioni tecniche che quelle ambientali continua ad apparire non del tutto opportuno per chi dovrebbe includere nella cronaca tutto quanto avviene, e non “selezionare” per il proprio pubblico cosa raccontare e cosa no. 

Un’abitudine che, nel tentativo di accostare il calcio italiano a movimenti dove il razzismo e la violenza negli stadi sono problemi ormai superati, fa cadere nel ridicolo chi lo mette in opera. Durante Inter-Napoli, infatti, si è ascoltato il telecronista di Sky Sport affermare: “Boxing day, che spettacolo. Chi l’ha detto che non possiamo riuscirci anche noi?”. Mentre fuori dallo stadio, poco prima, un gruppo organizzato di tre tifoserie differenti (Inter, Varese e Nizza) tentava l’assalto alla carovana dei tifosi azzurri, con la conseguente morte di Daniele Belardinelli, e le indagini che stanno portando all’arresto di alcuni degli esponenti della curva interista. Boxing day? Ritentate, magari sarete più fortunati. 

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.