Terremoto arbitrale: Gavillucci reintegrato in CAN A. Il legale: “Non è stato ancora chiamato ai raduni”

0
802
gavillucci_x600.jpg

Quello che Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, avrebbe voluto evitare a tutti i costi, sta per succedere. Claudio Gavillucci, arbitro 39enne che ha vinto il ricorso per la mancata trasparenza nei criteri di valutazione dei fischietti, sarà reintegrato nella CAN A.

Il passaggio è da non sottovalutare. Come riferisce Luca Marelli dal suo blog: oggi tutti gli arbitri di Serie A e Serie B che a fine anno non fossero confermati o promossi, potrebbero ricorrere al Tribunale Federale e vedersi reintegrati. Questo perché ancora oggi, nonostante i piccoli passi fatti, non sono chiari i parametri alla base della valutazione dei fischietti.

Marelli sottolinea anche le contraddizioni del presidente dell’AIA, che nell’annunciare il reintegro dell’associato, predice il ricorso in terzo grado, andando in pratica contro sé stesso. Un ricorso, secondo Marelli, diretto alla volontà di mantenere lo status quo, fatto di trasparenza inesistente, valutazioni formate su parametri aleatori e graduatorie segrete o quasi, invece di modificare norme ormai dichiarate illegittime. Una considerazione che, a nostro avviso, apre discussioni anche sull’impossibilità, di fronte a uno scenario del genere, di spegnere i fuochi della cultura del sospetto.

Intanto il legale di Gavillucci, Gianluca Ciotti, è stato intervistato oggi su Radio CRC. Ha annunciato che il suo assistito non è stato ancora convocato per il raduno di domani: “In merito alla sentenza della Corte federale per il reintegro di Gavillucci, abbiamo inviato una prima diffida intimando un termine a Gravina per il reintegro, predisponendo tutto il protocollo a garantire a Gavillucci l’immediata convocazione ai raduni di aggiornamento. Per noi è fondamentale partecipare al raduno di domani per il quale non è stato ancora chiamato. Qualcuno dice che pensar bene è peccato ma quasi ci si azzecca, noi non abbiamo nulla contro Nicchi e Rizzoli, abbiamo fatto una battaglia di diritto e non di merito, basata quindi sulle regole. L’accanimento contro Gavillucci nel voler impugnare questa sentenza è errato, non si capisce il perché. Previsioni sul suo ritorno in campo non mi competono. Mi compete da ribadire che non c’è nulla contro Nicchi, le norme ci hanno dato ragione: chiediamo che Gavillucci sia convocato ai prossimi raduni.”

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.