Bellinazzo: “Il Napoli squadra e il Napoli società sono come due placche tettoniche che tendono ad allontanarsi”

0
1284

bellinazzo_marco_giornalista24ore

L’analisi di Marco Bellinazzo sui dati di bilancio del Napoli: squadra e società a velocità diverse e divergenti.

Nella serata di ieri è stato pubblicato il bilancio del Napoli, da una prima analisi, chiuso con un rosso di 6 milioni di euro causato, al contempo, dai minori introiti legati ai diritti tv delle competizioni Uefa e dall’aumento del costo del personale.

Quest’oggi il giornalista de Il Sole 24 ore, Marco Bellinazzo, sul proprio blog, ha effettuato una prima analisi dei dati presenti nel bilancio della società partenopea e, pur sottolineando le capacità del presidente De Laurentiis sulla gestione del club dal punto di vista sportivo, ha espresso alcune considerazioni sulle capacità economico-finanziarie della società azzurra.

Riconoscendo i meriti di De Laurentiis, ciò che sembra emergere dall’analisi di Bellinazzo è un Napoli a due facce: da un lato, quello caratterizzato dalla crescita sportiva della squadra che “in campo ha raggiunto uno status di potenza europea” e, dall’altro, quello che “fuori dal campo non mostra segni di evoluzione significativi“.

La conclusione a cui giunge Bellinazzo è quella di un Napoli divergente, dove “lo stato patrimoniale non desta la minima preoccupazione” ma con un un conto economico da cui “si rileva la debolezza del club, riflesso del mancato sviluppo infrastrutturale e commerciale“.

Di seguito l’articolo di Marco Bellinazzo.

Il Napoli squadra e il Napoli società sono come due placche tettoniche che tendono ad allontanarsi. La conduzione del presidente Aurelio De Laurentiis finora le ha tenute insieme con sagacia, qualche colpa di buona sorte nelle scelte di tecnici e giocatori – che non guasta mai e che nel calcio rappresenta una forma di fortuna che sconfina spesso nell’ineffabile competenza del “rabdomante” – e una visione europea però sostanzialmente incapace di coniugare una vera crescita aziendale.

I numeri contenuti nel bilancio al 30 giugno 2018 (che gli altri club di norma rendono noti già in autunno) sono l’emblema di questa divergenza.
Se il Napoli in campo ha raggiunto uno status di potenza europea, fuori dal campo non mostra segni di evoluzione significativi.


A onore della gestione De Laurentiis va detto che il Napoli grazie a una lunga serie di bilanci in utile è il club più liquido della Serie A e probabilmente tra i più liquidi in Europa. In cassa ci sono 118 milioni (custoditi presso Unicredit). Non ci sono debiti finanziari. I debiti totali, pari a 144 milioni, sono per due terzi legati al calciomercato a fronte di 66 milioni di crediti totali.
Se lo stato patrimoniale non desta la minima preoccupazione (si pensi anche al valore della rosa letteralmente “esploso” in queste annate), il conto economico del 2018 rileva la vera debolezza del club causata fondamentalmente da uno stallo nella crescita dei ricavi che dura da troppi anni e che è il riflesso del mancato sviluppo infrastrutturale e commerciale dell’azienda “Sscn”. Uno stallo ancora più grave se commisurata con l’incremento del fatturato di Juve e Inter.

I ricavi da stadio sono stati pari a 19 milioni nella stagione 2017/18, così come in quella precedente. E sostanzialmente in linea con il decennio di De Laurentiis. Il settore commerciale ha prodotto poco meno di 35 milioni tra sponsorizzazioni, proventi pubblicitari e royalties. Un dato in lievissimo miglioramento rispetto all’anno prima. Lo sponsor tecnico Kappa versa 8 milioni. Gli sponsor ufficiali 8,7 milioni.

I ricavi tv pesano per 78,4 milioni (73 per il contratto collettivo di Serie A). I ricavi europei nella scorsa stagione tra Champions ed Europa League hanno raggiunto i 40 milioni (contro i 66 della stagione precedente).

Rispetto al bilancio al 30 giugno 2017 (Higuain) le plusvalenze si sono più che dimezzate da 104 a 30 milioni (circa 20 per la sola cessione di Duvan Zapata alla Sampdoria). Il fatturato “strutturale” del Napoli – escluse le plusvalenze e l’Europa – è pari 145 milioni.

Cinque anni fa, nel bilancio al 30 giugno 2013 il Napoli aveva un fatturato strutturale pari a 145 milioni. Il problema è che in questi cinque anni i costi della produzione sono saliti. Nel 2013 il Napoli pagava 67 milioni di stipendi e aveva ammortamenti (il costo del cartellino spalmato sugli anni di contratto) per 36 milioni circa. La rosa costava in altri termini poco più di 100 milioni. Nel 2018 il Napoli paga ingaggi (sempre incluse le imposte) per 114 milioni ed ha ammortamenti per 65 milioni. Fanno circa 180 milioni. Significa l’80% in più. Quasi 35 milioni in più dei ricavi strutturali. Ecco perché saltare una qualificazione in Champions mette il club nelle condizioni di dover fare plusvalenze di rilievo per non bruciare le riserve fin qui accumulate.

Il rosso di 6 milioni del 2018 non preoccupa per l’entità ma per la luce che accende sull’ineluttabile “squilibrio” dei conti partenopei. Uno squilibrio che non permette peraltro di lanciarsi in investimenti importanti né sul piano degli impianti né su quello della governance aziendale. Il Napoli tra dirigenti e impiegati conta una cinquantina di dipendenti. La Juve viaggia sui 500.

A questo punto e in vista della rivoluzione Super Champions dal presidente De Laurentiis ci si attende maggiore chiarezza sul futuro societario. Dove vuole andare il Napoli?

Ancelotti o non Ancellotti con questi ricavi sarà difficile competere ancora a lungo ai livelli a cui il nuovo Napoli ha abituato i suoi tifosi in questi anni. Senza programmazione aziendale prima o poi anche la squadra potrebbe risentire dello scarso abbrivio economico.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo su NapoliSoccer.NET ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.