Monopoli-Juve Stabia 0-0: vespe che mantengono l’imbattibilità nonostante l’espulsione di Troest nella ripresa

0
869

La Juve Stabia bloccata sullo 0-0 a Monopoli: nella ripresa espulso Troest ma vespe che mantengono l’imbattibilità

Allo stadio “Vito Simone Veneziani” di Monopoli la Juve Stabia alla ricerca di tre punti importanti che renderebbero ancora più prezioso il pareggio per 0-0 conseguito nel big match col Catanzaro di mercoledì scorso, caratterizzato dal clamoroso errore dal dischetto di Giannone a pochi minuti dalla fine, che ha permesso alle Vespe di mantenere inalterato il distacco dai calabresi (+9 con una gara da recuperare per il Catanzaro) che nel turno odierno di campionato riposano, mentre il Trapani che mercoledì ha battuto per 1-0 il Catania si è portato a 6 punti di distacco (con una gara in più giocata in quanto i siciliani non hanno ancora riposato). Di contro un Monopoli che col suo 3-5-2 ben organizzato dall’ottimo tecnico Scienza subisce pochissime reti e che nel girone d’andata ha conteso proprio alla Juve Stabia per lungo tempo il primato di migliore difesa del campionato. Di seguito le formazioni ufficiali con cui le due squadre sono scese in campo alle 16:30 agli ordini del sig. Matteo Marcenaro di Genova: 

MONOPOLI (3-5-2): Pissardo 6; Ferrara 6, De Franco 6,5, Bastrini 6 (Berardi dal 30° s.t.); Rota 6, Zampa 6,5, Scoppa 6 (Maimone dal 30° s.t. 6), Paolucci 6,5, Mercadante 6,5; Mangni 6,5 (Mariano dal 38° s.t. S.V.), Mendicino 6,5 (Sounas dal 19° s.t. 6)

Allenatore: sig. Giuseppe Scienza

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani 6; Vitiello 6,5, Marzorati 6, Troest 6,5, Allievi 6; Mastalli 6, Viola 5 (Carlini dall’8° s.t. 6), Vicente 6,5 (Calò dall’8° s.t.,); Melara 6 (Torromino dal 19° s.t. 5,5), Paponi 6 (Mezavilla dal 25° s.t. 6), Canotto 5,5 (El Ouazni dal 19° s.t. 6)

Allenatore: sig. Fabio Caserta

Fabio Caserta fa scendere in campo una formazione formata da nove undicesimi dello scorso anno con i soli Vitiello e Troest novità in campo rispetto alla formazione dello scorso anno. Esclusioni a sorpresa sicuramente quelle di Calò e Carlini, assoluti protagonisti nel girone di andata. Nel Monopoli assenza a sorpresa quella di Sounas che va in panchina anche se nella conferenza stampa di vigilia il tecnico Scienza aveva fatto capire l’esclusione a sorpresa. 

Inizio a spron battuto del Monopoli che schiaccia subito la Juve Stabia, guadagnando subito due calci d’angolo. Le vespe ci mettono addirittura cinque minuti per uscire dal loro guscio e imbastire un’azione di rimessa con Melara che non sortisce alcun effetto. 

Col passare dei minuti la Juve Stabia, dopo un inizio arrembante del Monopoli, avanza il proprio baricentro sul terreno di gioco e la gara si assesta sui binari di un maggior equilibrio. Particolarmente interessante la posizione di Mastalli più avanzata nel centrocampo gialloblù quasi a ridosso delle punte, praticamente alla Carlini, oggi in panchina.

Al 29° da una palla persa da Canotto parte un pericoloso contropiede concluso da Paolucci con parata in bello stile di Branduani. Al 34° ammonito Scoppa per un’entrata in gioco pericoloso su Viola. 

Al 40° errore della retroguardia stabiese che libera al tiro Paolucci il cui tiro termina di pochissimo fuori alla destra di Branduani. Nel finale di gara l’inerzia della partita sembra di nuovo passare dalla parte del Monopoli. 

Finisce 0-0 la prima frazione di gioco, risultato giustissimo per quello che si è visto nel primo tempo. Un Monopoli che si è fatto preferire alle vespe soprattutto nella fase iniziale e nella fase finale della gara con la Juve Stabia che non ha praticamente mai tirato in porta nel primo tempo. La mossa di Vicente a centrocampo è riuscita soprattutto nella fase passiva di filtro in mezzo al campo ma la prova pessima di Viola e appena sufficiente di Mastalli hanno fatto sì che palle giocabili dalle parti del trio di attacco Canotto-Paponi-Melara ne arrivassero veramente pochissime. 

La ripresa si apre con lo stesso canovaccio del finale di primo tempo: supremazia del Monopoli a centrocampo e Juve Stabia che non riesce a ripartire, con Vicente che non sembra più il baluardo insormontabile della prima frazione di gioco. 

Caserta immette forze fresche in campo al fine di dare più fantasia al centrocampo gialloblù e i risultati si vedono subito: al 12° da Canotto apertura per Melara, bel cross al centro e colpo di testa di Paponi che sfiora la rete del vantaggio. 

Al 23° della ripresa, episodio che rischia di cambiare l’esito della partita: errore di Torromino, ripartenza di Paolucci che viene falciato da Troest con l’arbitro che estrae il cartellino rosso lasciando le vespe in 10. Decisione apparsa assolutamente eccessiva da parte del sig. Marcenaro che dirige la gara. Subito dopo tiro dal limite di De Franco e grande parata di Branduani. 

Torromino al 34° della ripresa tenta lo shoot da lontano e la palla termine di pochissimo oltre la traversa. Finisce 0-0: un buon punto per le Vespe soprattutto per l’inferiorità numerica nel secondo tempo per l’espulsione di Troest per fallo su Paolucci. Domani però il Trapani vincendo a Rieti potrebbe portarsi a soli 4 punti dalla Juve Stabia. Domenica prossima al “Menti” arriverà la Reggina di mister Drago. 

 

 

 

 

 

 

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.