Chelsea: la FIFA conferma il blocco del mercato

0
1034
chelsea_logo.jpg

Non arrivano buone notizie dal punto di vista giuridico per il Chelsea che non potrà garantire a Sarri gli adeguati rinforzi nelle prossime sessioni di mercato.

Gli inglesi sono stati giudicati colpevoli di avere infranto la normativa sui trasferimenti internazionali dei giocatori minorenni, per questo condannati a una multa di 600 mila franchi svizzeri e al blocco del mercato fino a tutto gennaio 2020.

Il Chelsea, attraverso un comunicato, ha manifestato perplessità per la decisione della Commissione d’Appello della Fifa:

“Il Chelsea è sbalordito dalla decisione della Commissione d’appello della FIFA di non sospendere la sua sanzione in attesa del completamento del processo di appello. Il club ha agito in conformità con i regolamenti pertinenti e ha già notificato alla FIFA la propria intenzione di ricorrere contro la decisione e la sanzione della Commissione disciplinare. Per quanto riguarda l’equità procedurale e l’uguaglianza di trattamento, oltre alla legge svizzera, il diritto del Club a un processo di ricorso deve essere garantito, prima che qualsiasi sanzione irrinunciabile abbia effetto.Per quanto riguarda il Club, in tutti i precedenti casi in cui è stato imposto un divieto di acquisti da parte della FIFA, è stata anche presa la decisione di sospendere la sanzione fino al completamento del processo di appello. In questo caso, il Chelsea ritiene di essere trattato in modo incoerente rispetto ad altri club europei. Considereremo i nostri prossimi passi una volta che avremo ricevuto le motivazioni scritte di questa decisione dalla FIFA. Il Club prende atto della dichiarazione della Commissione di Appello secondo cui ha il diritto di appellarsi al TAS. Nel frattempo il Club continuerà a cooperare pienamente”.

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.