Sassuolo-Napoli 1-1 (52′ Berardi, 86′ Insigne): brutta prova, arriva un pareggino. Serve di più

1
629

Comincia con ancora un po’ di luce naturale, segno delle giornate che si allungano, la sfida tra Sassuolo e Napoli. Ancelotti sceglie la coppia leggera Mertens- Insigne supportata da Verdi e Ounas. C’è poi Chiriches accanto a Koulibaly a cercare minutaggio in vista di giovedì prossimo. Per De Zerbi nessuna novità sostanziale rispetto alle aspettative della vigilia.

La gara inizia con qualche folata ma a ritmi sostanzialmente non sostenuti. Nei primi cinque minuti è Ounas a tentare il dribbling: ne supera tre ma sbatte sul quarto. Poco dopo il Sassuolo risponde: Berardi supera Insigne ed apparecchia per Djuricic, che viene però anticipato da Chiriches.

Al 9′ prima palla goal per il Napoli: Mertens viene servito in profondità e sembra in vantaggio su tutti gli avversari, ma perde il tempo del tiro e si fa anticipare da un clamoroso intervento di Demiral. Al 16′ nuova risposta del Sassuolo: Duncan e Boga scambiano, ma Ospina mette il pugno sul tiro cross sventando la minaccia.

Al 20′ la partita resta equilibrata con occasioni da una parte e dall’altra, ma proprio a metà frazione si scatena Boga: al 22′ dribbla Chiriches e tira di pochi centimetri a lato, al 25′ riceve, supera Malcuit e Chiriches, ma sul suo tiro è provvidenziale la deviazione di Diawara. La doppia occasione scuote il Napoli, che al 29′ porta Insigne al tiro, centrale, e poco dopo combina meravigliosamente portando al tiro Verdi, che conclude alto su assist di Ghoulam.

Nei 10′ conclusivi il Sassuolo torna ad essere pericoloso: al 38′ Rogerio tira di sinistro incrociando di poco a lato, allo scadere Malcuit è decisivo con una diagonale a chiudere su Djuricic.

Il primo tempo si chiude con 3 azioni nitide da rete per gli azzurri, e almeno un altro paio anticipate dai difensori neroverdi all’ultimo momento. Il Sassuolo è andato al tiro solo una volta pericolosamente ma ha messo in difficoltà gli azzurri in velocità. Le giocate rapide tra i quattro attaccanti leggeri, nate da un maggior controllo, possesso e dominio a centrocampo, non sono riuscite per poco.


A inizio ripresa Ancelotti toglie Chiriches e inserisce Luperto per far trovare anche a lui minutaggio in vista di giovedì. Il Napoli spreca prima un pallone con Insigne, e poi un angolo con Ghoulam. Al 53′ arriva la punizione per la leggerezza dimostrata, il Sassuolo va in vantaggio: segna Berardi, approfittando di un traversone di Lirola fermato da Allan, ma col pallone che resta tra tre azzurri immobili: Sassuolo-Napoli 1-0.

Ci si aspetta una reazione e invece il Napoli non alza i ritmi. Koulibaly colpisce di testa su angolo, ma la palla è difficile da indirizzare. Si arriva al 66′, quando Ancelotti fa la doppia sostituzione conclusiva, senza note di cronaca sui taccuini. Escono Verdi e Ounas, ed entrano Milik e Younes. L’attaccante polacco colpisce subito di testa, ma centrale per Pegolo.

È il momento di maggiore pressione del Napoli: ci sarebbe un fallo da rigore di Rogerio su Milik, non visto. Ci prova poi Diawara al 75′: il suo destro da fuori viene ben respinto da Pegolo. Al 76′ primo cambio per De Zerbi: fuori Djuricic e dentro Bourabia. Al 78′ il Sassuolo ha la palla per raddoppiare, ma Magnanelli, che sfugge a Milik a centrocampo, tira alto sulla traversa di Ospina.

Il Napoli sembra non riuscire davvero ad alzare i ritmi, ma trova il pareggio praticamente nella prima azione della ripresa in cui lo fa. È Younes a prendersi il pallone, e a giostrarlo di prima sulla sinistra con i suoi compagni. Magnanelli sbaglia l’intervento e la palla finisce ad Insigne, che batte abbastanza facilmente Pegolo. È l’85’ e Sassuolo-Napoli è sull’1-1. De Zerbi reagisce spedendo dentro Babacar per Berardi.

Il Napoli fa capire agli avversari di credere alla vittoria. All’88’ Insigne tenta lo slalom in area. Allo scoccare del 90′ De Zerbi fa il terzo cambio: dentro Locatelli per Duncan. Vengono concessi 5′ di recupero.

Al 91′ Milik tira debolmente su Pegolo dopo un controllo molto difficile. Nonostante gli sforzi degli uomini di Ancelotti, il recupero non porta altre occasioni di rilievo. La gara termina 1-1.


Il Napoli si ferma nuovamente in campionato pagando un atteggiamento poco incisivo e determinato in tanti, troppi dei suoi uomini partiti dal 1′. Le esigenze legate all’Europa League, con i centrocampisti più tecnici in panchina, e la staffetta Chiriches-Luperto, hanno limitato le possibilità.

Il Napoli ha giocato sopratutto la ripresa come se il risultato gli fosse dovuto, e non riuscendo ad alzare i ritmi con i centrocampisti schierati. Il pareggio è meritato, ma arriva dopo una partita brutta della squadra azzurra, forse la peggior prestazione in trasferta dopo la brutta sconfitta di inizio campionato contro la Sampdoria.

Tenuto in considerazione il ritmo tenuto alle spalle, se il Napoli non vuole rischiare di ritrovarsi invischiato nella lotta per il quarto posto, deve fare molto meglio, e ancora molti punti. Il campo del Sassuolo resta difficile per la formazione azzurra.

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



1 COMMENTO

  1. Il ” Re Carlo” ne ha combinata un’altra delle sue. Ma mi raccomando non ditelo a ADL. (a proposito lui, ADL, è a conoscenza che il Napoli si trova a meno 18 dalla Rubentus) Certo che “Re Carlo” sverna molto bene a Napoli. Sono sicuro che usciremo dalla EL e che il Milan ci soffierà il secondo posto in classifica. In tale modo l’opera di “Re Carlo” sarà completata. E con enorme piacere di ADL. e noi tifosi gabbati per l’ennesima volta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.