Salisburgo-Napoli 3-1. Le pagelle di NapoliSoccer.NET: Milik qualifica gli azzurri. Le nuvole sopra Salisburgo

0
760

LEPAGELLE.jpgServiva qualificarsi. Non era facile, lo aveva già detto Ancelotti, sopratutto senza tre dei cinque centrali in rosa. Se poi il quarto si infortuna durante la partita, ecco che la sconfitta (a tratti ignominiosa) prende comunque il sapore dell’impresa sportiva. Il Salisburgo non è il Barcellona. Ma il Napoli di stasera ha rischiato ben oltre le attese.

Meret: 6 – Un paio di parate le fa. Sul goal di Dabbur non sembra reattivo a dovere e anche in un paio di altre occasioni finite fuori appare leggermente in ritardo. Salva sopra la traversa un tiro maligno e sugli sviluppi dell’angolo blocca alto sopra la traversa come non si vede più tanto spesso.

Hysaj: 5 – Il goal del 2-1 nasce da un cross che lui non riesce a tenere. Alza la “gambetta” senza convinzione almeno due metri dietro l’avversario in una piroetta che avrebbe del ridicolo. Chiude la gara da difensore centrale dopo l’uscita di Chiriches.

Chiriches: 5,5 – Dabbur lo manda ai matti e sul goal dell’israeliano ha più di una responsabilità. Dal 77′ Malcuit: SV – La palla del 3-1 passa in mezzo tra lui e Meret.

Luperto: 6 – Non ha l’esperienza per tenere una gara del genere e si vede. Sul finire della prima frazione di gioco Wolf lo aggira con estrema facilità e sulla rete del vantaggio austriaco ha non poche colpe.

Rui: 6 – Un buonissimo primo tempo. Lainer non riesce a esprimere tutta la sua esuberanza atletica che invece verrà fuori nella ripresa, quando il portoghese finisce per arretrare il suo raggio d’azione per dare più copertura.

Callejon: 6,5 – Tatticamente ineccepibile. Nel primo tempo serve palloni preziosi e aiuta a tenere Ulmer e Szoboszlai. Nella ripresa Ancelotti lo sposta più al centro per arginare le ripartenze per vie centrali e sposta Mertens sulla destra, in un sorta di 4-5-1 e finisce per vedersi meno.

Allan: 5,5 – E’ molto grave l’errore che regala la palla a Szoboszlai che poi determinerà il pareggio austriaco. Sembra spaesato, confuso.

Fabian: 6,5 – Prova a tenere palla alta ed evitare il pressing austriaco. Centra un palo nel primo tempo con un tiro che, avesse avuto maggior fortuna, avrebbe fatto gridare di gioia i muti. Se il Napoli si qualifica gran parte dei meriti sono pure suoi.

Zielinski: 6 – Fa tutto quello che ci si aspetta da lui. Serve buoni palloni, contrasta e corre. Perde via via un po’ della lucidità che sarebbe indispensabile. Quella lucidità che si attende invano da Diawara: SV – In crisi profonda tecnica e tattica. Nemmeno gli appoggi semplici ormai gli riescono più. Ha perso quella incoscienza sbarazzina degli esordi senza riuscire a trovare la necessaria maturità. 

Mertens: 5,5 – Il tiro altisssimo sulla traversa è lo specchio della sua situazione attuale. Cerca il goal con nervosismo, ossessionato da un digiuno che dura da tanto, troppo tempo. Eppure come assistman anche questa partita non è stata male.

Milik: 6,5 – Ammonizione ingenua e qualche fallo al limite del secondo giallo non ne limitano l’irruenza. Ha il merito di regalare il goal che chiude la pratica qualifica per i quarti di finale. Non riesce a sfruttare bene almeno altre due occasioni ghiotte, e non è da lui.

Domenico Infante – NapoliSoccer.NET



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.