I Quadri di Napoli-Udinese: miglior e peggior azzurro per la nostra redazione

1
1389
QUADRI.jpg

Napoli-Udinese è finita 4-2 e gli azzurri hanno portato sul tabellino quattro marcatori diversi. Il migliore e il peggiore in campo potrebbero, per questo, essere molto diversi tra loro. Questi i giudizi della nostra redazione per la partita di oggi.

Il migliore: Mertens.
Finalmente la prestazione del belga offre, oltre ai consueti movimenti e alla generosità, anche un goal e due assist decisivi. “Ciro” orienta la gara anche per la sua capacità di scambiarsi di posizione con Younes, anche se questo particolare tattico crea qualche scompenso difensivo di troppo.
Il peggiore: Allan.
Nonostante salga di tono nella seconda metà della ripresa, offre una prestazione molto opaca nella quale prima perde numerosi palloni in uscita, e poi non offre la giusta copertura sulle folate dei bianconeri che portano l’Udinese a pareggiare la partita. Con Zielinski, lascia la difesa scoperta.
(Alberto Francesco Sanci)

Il migliore: Milik.
La sua capocciata cambia il volto alla partita. Anche se il Napoli cresce grazie agli adattamenti tattici di Ancelotti nell’intervallo, il goal del polacco è davvero decisivo nell’economia della gara, e la sua prestazione è l’ennesima positiva, anche in appoggio e in costruzione. È vicino ai 20 goal stagionali dopo due crociati.
Il peggiore: Maksimovic.
Il goal di Lasagna è semplicemente colpa sua. Il centrale sembra soffrire sia la “marcatura a uomo” dell’attaccante avversario sia i suoi continui movimenti in profondità. Malcuit non lo aiuta, ma lui sembra meno sicuro che in altre circostanze.
(Natale Giusti)


Il migliore: Younes.
Impatta la partita nel migliore dei modi e determina il risultato positivo della prima mezz’ora, con un goal di pregevole fattura e l’assist per il raddoppio di Callejon. Non si può pretendere che faccia bene anche la fase difensiva, non è nelle sue caratteristiche.
Il peggiore: Ospina.
Lo scrivo dopo aver saputo che il suo problema non ha conseguenze: il portiere doveva uscire subito dopo la prima botta. Era poco reattivo sui tiri e, anche se l’intera difesa ha ballato, la sensazione è che una sua sostituzione avrebbe potuto dare maggiore sicurezza al reparto. In “compartecipazione” con staff sanitario e tecnico. Andava tirato fuori.
(Pino Chianese)

Il migliore: Mertens.
Finalmente il folletto belga è tornato. Due assist ed un gol sono un terno che non usciva da parecchio sulla ruota di Napoli. Oltre alla prestazione si è anche dimostrato uomo squadra mettendo in campo grinta e determinazione.
Il peggiore: Zielinski.
Una delle sue peggior partite, probabilmente ha inciso negativamente la posizione in campo. Commette errori grossolani che spesso mettono in affanno la retroguardia azzurra. È sembrato un pesce fuor d’acqua.
(Gianni D’Oriano)

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



1 COMMENTO

  1. Parecchi “pretendenti” alla palma di peggiore significa che il Napoli ha disputato una partita mediocre. Abbiamo vinto perché di fronte c’era una probabile retrocessa. E’ quanto dire

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.