Napoli-Genoa 1-1. Il Napoli arranca in undici. Sturaro, entrata killer su Allan e cartellino rosso.

1
777

LEPAGELLE.jpg

Il Napoli in undici non riesce a battere un Genoa ordinato nonostante l’espulsione per una entrata Killer di Sturaro.

Karnezis: 6,5 – Sul goal le colpe sono di altri. Buona prestazione anche se nell’occasione del palo preso da Gunter non sembra piazzato a dovere. Reattivo, al limite dello spettacolare sul tiro violentissimo di Biraschi.

Hysaj: 5 – Ancora una gara, l’ennesima, sotto la sufficienza. Sembra sempre non sapere cosa fare del pallone e non riuscire a capire quando è il momento di restare in copertura e quando di appoggiare l’azione. Spesso resta dietro, non fare per non sbagliare, ma è rimedio peggiore del male. Dall’86’ Ounas: SV –

Maksimovic: 5 – Preoccupantemente lento di pensiero. Pandev se lo beve due volte nel primo tempo.

Koulibaly: 6 – Kouamè lo scavalca in occasione del pari genoano. Si vendica nella ripresa sradicandogli la palla dai piedi in attacco e andando al tiro che un miracolo di Radu neutralizza.

Ghoulam: 5 – Un po’ meglio delle altre partite, in fase di costruzione. Pessimo in difesa. Lazovic attacca gli spazi alle sue spalle e si presenta solo davanti a Karnezis in occasione del goal del pari. Dal 76Mario Rui: SV –

Callejon:

Fabian: 6 – Ancelotti mischia le carte e serve l’inversione tra i due centrali per dare a Fabian la possibilità di inserirsi centralmente da destra. Buona gara in cui mette in mostra corsa e facilità di palleggio. Qualche disattenzione in uscita. Nella ripresa sembra soffrire la mancanza di spazi giocabili.

Allan: 6 – Solito lavoro. Sturaro gli fa un intervento killer nel primo tempo e si merita un cartellino rosso netto che Pasqua sanziona prima con il giallo e poi, con l’ausilio del Var, giustamente, in rosso. Anche lui soffocato dalla densità creata da Prandelli dopo l’espulsione di Sturaro. Dal 67′ Insigne: SV –

Zielinski: 6 – Buon primo tempo. Poi con l’uscita di Sturaro Prandelli stringe ancora di più le maglie del gioco e infittisce la mediana con il risultato che anche i pochi spazi del primo tempo finiscono per chiudersi.

Mertens: 7 – Con un tiro da 25 metri, preciso in buca d’angolo, là dove Radu non poteva arrivare, raggiunge Cavani a quota 104. Radu gli nega la gioia del sorpasso al campione uruguaiano nel finale.

Milik: 6,5 – Di testa le prende tutte e Radu gliele toglie tutte. In questa frase la gara di Milik di stasera.

Domenico Infante – NapoliSoccer.NET

 



1 COMMENTO

  1. La difesa del Napoli è fatta da giocatori mediocri, se si tolgono Kulibaly e Albiol. E senza una ottima difesa non si va lontani. Adesso è l’assenza di Albiol a pesare di più. Con l’Arsenal che gioca con una velocità doppia rispetto a noi sarà durissima

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.