Prandelli alla stampa: “Avevamo un’idea precisa per mettere in difficoltà il Napoli, ci stavamo riuscendo”

0
890

prandelli_conferenza_7.4.2019

Cesare Prandelli, tecnico del Genoa che ha pareggiato 1-1 stasera al San Paolo contro il Napoli, ha risposto alle domande dei cronisti presenti nella sala stampa dell’impianto di Fuorigrotta. Queste le sue parole raccolte dal nostro inviato per i lettori di NapoliSoccer.NET.

“Sono veramente contento per i ragazzi, perché hanno dimostrato di avere non solo determinazione e carattere ma anche capacità di lettura. Quando abbiamo cambiato sistema di gioco hanno fatto molto bene. Nel primo tempo a parità numerica avevamo un’idea precisa di come mettere in difficoltà questa squadra e ci stavamo riuscendo, con Goran in una posizione in cui loro non riuscivano ad accorciare.

Nonostante le difficoltà abbiamo avuto il coraggio di ripartire sempre e questo è applicabile. Se questi falli col piede a martello vengono sanzionati tutti col rosso, allora vanno sanzionati tutti così. Noi abbiamo subito un’espulsione diretta su trattenuta mercoledì e oggi questo in un’altra gara non è avvenuta.


Non c’è stata metamorfosi. Contro l’Inter avevamo sette giocatori sotto i 23 anni contro campioni. Genova ha un pubblico straordinario, ma alcuni giocatori giovani non hanno la forza di reggere certe pressioni. Vincere e fare qualcosa d’importante al Genoa è come toccare il cielo con un dito.

Non dobbiamo pensare a quanti punti fare, ma andare in campo pensando che tutti i punti sono importanti per la salvezza. Dobbiamo stare sul pezzo tutti i giorni perché nessuno molla.

Da quando sono arrivato non fanno che chiedermi del derby, sono ansioso e felice di vivere quest’esperienza straordinaria. Spero che la mia squadra ci arrivi preparata e pronta. Queste pressioni ci saranno sempre, dobbiamo abituarci. Il nostro pubblico è generoso e capirà se le nostre prestazioni sono all’altezza.

In questi quattro mesi abbiamo fatto un lavoro importante, cambiando due o tre sistemi di gioco, e i ragazzi oggi hanno messo qualcosa in più, anche chi è subentrato. Li voglio tutti pronti, chi gioca e chi non gioca. I giocatori esperti sono una risorsa e devono aiutare i giovani a crescere e a capire che le pressioni si gestiscono con le prestazioni. In 11 contro 11 la squadra aveva avuto il coraggio di fare la partita.

Fortunatamente non possiamo tornare indietro con la VAR. Ma chiaramente va modificato, serve uniformità. L’importante è capire. A Roma c’era un rigore clamoroso su Pandev e l’arbitro non è stato nemmeno chiamato a vedere. Bisogna essere chiari e precisi, i giocatori si adattano subito. E’ un errore cercare di modificare in corsa. Ho preso gol su un calcio d’angolo che non c’era, contro il Sassuolo è stato annullato un goal per un fallo 80 metri prima. Il mio suggerimento è che il VAR possa intervenire sempre.

Inconsciamente noi puntavamo molto sull’aspetto che il Napoli potesse pensare all’Arsenal. Ma il Napoli è partito molto bene, generalmente quando fai una partita come l’ha fatta il Napoli contro l’Empoli la ripeti quattro giorni dopo. Invece sono partiti bene, forse non si aspettavano un Genoa che cercava di farli correre. Il Napoli è una grandissima squadra, tra quattro giorni avrà una testa e una determinazione maggiori”.

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.