Sicula Leonzio-Juve Stabia 2-3: doppietta di Mezavilla e gran gol di Elia. Vespe ad un passo dalla B

0
672

La Juve Stabia viola il “Sicula Trasporti Stadium” in rimonta dal 2-0 al 2-3 con doppietta di Mezavilla e grandissimo gol di Elia

Al “Sicula Sport Stadium” di Lentini, la Juve Stabia cerca punti preziosi per la conquista della Serie B dopo la netta e bella vittoria conseguita contro il Trapani con le reti giunte nella ripresa di Carlini e Canotto che hanno avvicinato di molto la corazzata gialloblù al Sogno di inizio stagione. Di contro una squadra molto forte come la Sicula Leonzio che ha subito un’importante svolta con l’avvento della guida tecnica di mister Torrente che ha rivoltato come un calzino la squadra del presidente Leonardi fino a portarla, dopo l’importantissima vittoria di Reggio Calabra firmata da uno stabiese doc come Marano, ad un solo punto di distacco dalla zona playoff. Agli ordini del sig. Ayroldi di Molfetta, le due squadre sono scese in campo con le seguenti formazioni ufficiali: 

SICULA LEONZIO (4-3-3): Pane 6,5; De Rossi 6 (Gammone dal 35° s.t. S.V.), Laezza 6, Ferrini 7, Squillace 6; Marano 6,5, Megelaitis 6, Esposito 6 (Petta dal 12° s.t. 6); D’Angelo 6 (Rossetti dal 30° s.t. S.V.), Miracoli 7,5, Russo 6 (Vitale dal 12° s.t. 6)

Allenatore: sig. Vincenzo Torrente

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani 6; Vitiello 6,5, Marzorati 5,5 (Elia dal 10° s.t. 8)  Troest 7, Germoni 6,5; Mastalli 5 (Mezavilla dal 10° s.t. 8), Calò 6,5, Carlini 6,5; Melara 6 (Torromino dal 10° s.t. 6,5), Paponi 6,5, El Ouazni dal 29° s.t. 6), Canotto 6,5 (Vicente dal 29° 6)

Allenatore: sig. Fabio Caserta

Pronti, via e la Juve Stabia è subito pericolosa con Canotto che supera brillantemente un avversario in area al 5° minuto e impegna severamente Pane in una parata a terra. Juve Stabia che deve necessariamente cercare la vittoria dopo che al “Provinciale” di Trapani i granata hanno battuto per 2-1 il Potenza portandosi ad un solo punto dalla capolista Juve Stabia. 

Al 16° la gara si mette in salita per la Juve Stabia: la Sicula Leonzio passa in vantaggio sugli sviluppi di azione d’angolo battuto dai siciliani, dopo un batti e ribatti la palla resta sui piedi di Ferrini che non ha difficoltà a battere Branduani. 

Al 23° la Juve Stabia risponde con un gran tiro di Melara dalla distanza con Pane che neutralizza smanacciando. Le Vespe accusano il colpo dello svantaggio ma cercano subito di riprendere le redini del gioco in mano dopo un ottimo inizio ma soprattutto dopo aver subito il gol di Ferrini. 

Vespe troppo lente nel manovrare la palla a centrocampo che nella prima mezzora di gioco quasi mai però riescono a creare occasioni nitide in attacco. Al 33° però Juve Stabia vicinissima al pareggio: cross di Melara dalla destra con conseguente tiro di Mastalli che carambola addirittura su Paponi a pochi metri da Pane. Al 40° ammonito Marano per fallaccio su Paponi. Tre minuti dopo stessa sorte per Melara. 

Al 42° occasionissima per le Vespe: tiro dalla distanza di Mastalli che impegna severamente a terra Pane che respinge sui piedi di Carlini che però è in fuorigioco. 

La prima frazione di gioco si chiude sull’1-0 per la Sicula Leonzio con l’equilibrio rotto da un gol quantomeno rocambolesco da parte degli uomini di Torrente su azione d’angolo dove in mischia Ferrini si è trovato sui piedi la palla da mettere in rete per il vantaggio dei siciliani. Juve Stabia che ha trovato molte difficoltà per creare occasioni nitide d’attacco soprattutto per l’assetto tattico di mister Torrente che ha messo in campo un 4-3-3 mascherato che si è trasformato in una sorta di 4-4-1-1 con due linee di difesa e centrocampo di 4+4 uomini per creare densità in mezzo al campo e sporcare le linee di passaggio ai centrocampisti della Juve Stabia. 

La ripresa si apre subito con una grande occasione per le Vespe: da Carlini per Canotto che a centro area di rigore cincischia e si fa chiudere dagli avversari siciliani. 

Al 6° della ripresa importante svolta della gara: Mastalli cincischia al limite dell’area e perde una palla sanguinosa che viene sfruttata al massimo dall’attaccante Miracoli che non ha difficoltà a battere imparabilmente Branduani con un tiro angolatissimo dal limite. Nell’occasione viene ammonito Marzorati. 

Al 10° della ripresa Caserta opera un triplo cambio facendo entrare Elia, Torromino e Mezavilla e con la difesa che passa a tre dietro con l’uscita di Marzorati, Mastalli e Melara. E gli effetti si vedono subito. Al 12° da angolo battuto da Calò dalla destra arriva il colpo di testa di Mezavilla che porta il risultato sul 2-1. 

Al 22° esplode la parte del “Sicula Trasporti Stadium” occupata dai tifosi stabiesi: passaggio illuminante di Calò per Mezavilla che firma il raddoppio personale e porta le Vespe sul 2-2. 

Al 26° Juve Stabia addirittura in vantaggio: azione strepitosa di Carlini sulla sinistra con ottimo filtrante verso Elia che semina il panico in area di rigore avversaria slalomeggiando come il miglior Tomba fino a depositare la sfera alle spalle di Pane per il 3-2 delle Vespe. 

Finisce 3-2 per una vittoria importantissima per le Vespe che a questo punto vincendo domenica con la Viterbese arriverebbero alla conquista matematica della Serie B. Il Sogno è sempre più vicino….

 

 

 

 

 

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.