De Laurentiis a KKN: “Quagliarella? Dipende solo da lui. Scritte cose improprie sul contratto di Ancelotti”

0
1172

Delaurentiis-dimaro1-11.7.2018

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli nel giorno del suo 70esimo compleanno. Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate da Napolisoccer.NET: “Ringrazio i tifosi per gli auguri. Vincere uno scudetto sarebbe un’unica e fortissima emozione, però gli voglio dire che la mia festa nella napoletanità l’ho vissuta con i miei genitori, i miei zii ed i miei nonni. Ce la siamo portata dietro sempre e mi hanno lasciato indelebile l’immagine di una cultura unica al mondo. Dovremo coronare ancora di più quello che stiamo facendo, col massimo del massimo che è lo Scudetto, ma anche la Champions non sarebbe male.  

Quest’anno chiederò di giocare fuori casa la prima per dare modo di completare i lavori perché ci saranno interventi anche agli spogliatoi della squadra. Ieri abbiamo fatto un sopralluogo, il costruttore mi ha chiesto se si potevano fare due fuori, ma già sarà difficile farne una fuori.

Il campionato della Samp ha più valore per Quagliarella che per il club stesso, senza togliere nulla all’amico Ferrero. Ma non lo abbiamo comprato già. Il problema è non ingolfarsi, abbiamo 37 giocatori e dobbiamo verificare dove far andare altri. Noi sappiamo come e dove muoverci per ogni tassella. Abbiamo 6-8-10 scelte per ogni ruolo, non mi creo problemi.

Castagne? Amo quelli che sanno stare a tavola a destra e sinistra e non ti danno problemi di sedute (Castagne può giocare su entrambe le fasce – ndr -). La Trippier? C’è quella napoletana che a differenza delle altre è rigorosamente bianca, senza pomodoro. Quella londinese? Dobbiamo pensarci su quella. In altre posizioni preferisco dei giovani. Si dice ADL preferisce solo i giovani, poi ora si dice si opta per i più adulti, ma dipende dai ruoli. In alcuni ruoli voglio gente giovane, in altri come quello di marcatore si può avere anche una certa età ed una certa esperienza, non farsi bloccare psicologicamente dalle paure dell’ambiente. Noi abbiamo un attacco formidabile, con un terzo dei pali concretizzati chissà che avremmo combinato. Al di là di Quagliarella che ha un posto d’onore che si merita, da capire con l’allenatore poi perché è lui quello che ha voce in capitolo ed è quello che ha la responsabilità della rosa e che decide chi deve giocare e chi invece no. Per questo amo gli allenatori che si prendono la responsabilità anche di suggerire e di suggestioni. Dipende solo da Quagliarella che per l’età che ha sarebbe felice di fare qualche partita e non tutte. Anzi direbbe così invece di un anno ne duro anche due o tre.

De Rossi mi piace, ma ha problemi fisici e credo diventerà un bravissimo allenatore. Io piuttosto di giocare in Usa, inizierei a fare allenatore, poi magari c’è la Cina che ti ricopre d’oro. Hanno scritto cose improprie su Ancelotti e il suo contratto. Un giornale di Napoli, abbastanza importante, che ogni volta rischia la credibilità perché dice cose totalmente inesatte. Si sono messi in testa che io dovessi rinnovare il contratto, ma è un triennale ed il Napoli come abitudine inserisce sempre la possibilità di recedere con una penale per un qualsiasi motivo che non vedo esistente vista la persona Ancelotti, che ho sempre amato ed avuto conferma da quando l’ho preso.

Sarri? Quando uno esce da casa nostra non posso che augurargli successo. Tiferò per la sua squadra a Baku e se dovesse vincere sarei felicissimo, se lo sarebbe meritato. Poi se viene alla Juve sarebbe divertentissimo”.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.