San Paolo, convenzione ancora a rischio. Il Napoli ha pendenze non pagate

0
1016

Secondo quanto pubblicato oggi da Il Corriere del Mezzogiorno, la convenzione d’uso decennale per lo Stadio San Paolo alla SSC Napoli sarebbe messa a rischio da un credito di circa 3.5 milioni di Euro che Palazzo San Giacomo vanta per gli affitti dell’impianto per le stagioni 2016/17 e 2017/18. Stando al quotidiano, la cifra ha obbligato il Comune all’ennesima messa in mora della società presieduta da De Laurentiis, anche per tutela nei confronti della Corte dei Conti. L’attuale stato di predissesto dell’istituzione partenopea impedisce al Comune di concedere alcunché a chi ha pendenze in corso. E quindi la convenzione potrebbe ancora saltare. 

Carmine Sgambati, Presidente della Commissione Sport Comune di Napoli, è stato intervistato sul tema oggi su Radio Crc. Queste le sue parole sintetizzate per i nostri lettori dalla redazione di NapoliSoccer.NET.

“Il Programma 100 vale per tutti i cittadini napoletani: non puoi avere concessioni dal comune se hai pendenze con lo stesso. De Laurentiis lo sa, non ha mai detto che non vuole regolare le pendenze ma ancora non l’ha fatto. Per i due anni precedenti, dove la commissione non era in essere, le partite venivano pagate volta per volta. Gli allarmi di cui si parla sono gli emendamenti che accompagneranno la convenzione in consiglio comunale. Gli agenti di polizia municipale, utili per l’ordine pubblico, vengono pagati a parte, ma è una legge dello Stato, non del Comune.

Il cronoprogramma dei lavori del San Paolo? Martedì 18 ci sarà una nuova commissione, molto ampia, che consegnerà al presidente gli emendamenti che saranno portati in Consiglio comunale. A De Laurentiis questa convenzione consente di risparmiare moltissimo. Sono sicuro che il presidente firmerà”.

Ma la “lotta” sullo stadio prende sempre più connotazioni politiche. Dopo le dichiarazioni di De Laurentiis a favore della Regione e contro il Comune, oggi arriva anche la “sponda” del commissario regionale alle Universiadi Basile, che conferma un rapporto rose e fiori col presidente della SSC Napoli proprio a Radio CRC, facendo anche il punto della situazione sui lavori.

“Con i campionati in corso, abbiamo cercato di dare poco fastidio, programmando tutto. Il 3 luglio ci sarà un grandissimo spettacolo, alla presenza del Presidente della Repubblica. Saranno coinvolti 32 siti e noi ne abbiamo messi a disposizione altri 33 per il training sparsi per tutta la regione, non solo a Napoli. Sono previste circa 8500 persone tra atleti ed allenatori: 4400 dormiranno sulle navi, altre saranno ospitate al Campus di Fisciano, campo bellissimo. È stata un’avventura difficile perchè siamo partiti tardi. La contrattazione più difficile è stata quella con De Laurentiis? Assolutamente no, è stato molto disponibile. Ho già detto al presidente che ci saranno molti altri lavori. Abbiamo creato una cabina di regia ristretta, utile per mediare tra tutti. Metteremo in mostra la nostra regione”.

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.