Scugnizzeria: Valerio Labriola, ecco chi è il giovane centrocampista andato a Dimaro

0
1885

scugnizzeria.jpgEcco chi è Valerio Labriola il centrocampista della Primavera aggregato alla Prima Squadra per il ritiro di Dimaro.

Valerio Labriola è senza dubbio uno dei prospetti più interessanti del settore giovanile azzurro. Labriola è un classe 2001, che ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile del Napoli e ha vestito la fascia di capitano sia nelle nazionali giovanili che nel Napoli Under 17. In questi giorni tutta Ercolano – sua città natale – è in festa perché Valerio è stato aggregato, fino a poche ore fa, alla prima squadra per il ritiro di Dimaro, ed ora il ragazzo sogna il suo debutto in prima squadra.

Nella passata stagione, durante il ritiro Primavera di Roccaraso, ha subito un grave infortunio al legamento crociato anteriore, che lo ha costretto a stare lontano dai campi di gioco per 6 mesi.

Al ritorno dall’infortunio Valerio Labriola ha stupito tutto e tutti, per voglia, garra e per il fatto che fin da subito dal suo ritorno in campo non ha mai avuto paura e non ha mai tirato indietro la gamba durante i contrasti. Per questo motivo ed anche per le ottime prestazioni si è guadagnato i complimenti di mister Baronio ma soprattutto è riuscito a catturare l’attenzione di Carlo Ancelotti, che lo ha convocato per il ritiro di Dimaro.

Labriola fa del carattere il suo punto di forza, è un ragazzo tenace e che non si arrende mai; infatti da quando è arrivato nel settore giovanile, oltre alla rottura del crociato, ha subito anche la rottura del malleolo e da entrambi gli infortuni è uscito più forte di prima. Nonostante i due infortuni le doti balistiche e tecniche sono rimaste immutate, così come la destrezza e la fermezza nel calciare le palle inattive, dove può rendersi pericoloso sia se calcia per favorire i compagni sia se calcia direttamente per far gol.

È un centrocampista offensivo, che adora giocare tra le linee e si esalta molto quando gioca trequartista alle spalle delle punte, ricordando nelle dovute proporzioni, quegli enganche argentini che hanno incantato ed esaltato le platee calcistica. Tuttavia per arrivare a quei livelli deve fare ancora molta strada, deve continuare a lavorare con l’abnegazione di sempre ma soprattutto deve restare ancorato con i piedi per terra.

Solo continuando ad allenarsi bene, può migliorarsi e non perdersi nei meandri del calcio, e diventare un giocare degno di nota. Da qualche anno noi di NapoliSoccer.NET seguiamo da vicino le vicende del Napoli Primavera e negli anni ci sono stati tanti giocatori che hanno dimostrato grande potenziale, tuttavia una volta finito il percorso nel settore giovanile in tanti si sono persi e non sono riusciti a dimostrare il loro valore.

Valerio Labriola è senza dubbio un calciatore di talento, che lavorando per migliorandosi può diventare un punto di riferimento per il Napoli del futuro. Nella prossima stagione sarà lui il giocatore di riferimento del Napoli Primavera e su cui Roberto Baronio punterà fortemente, anche se bisognerà capire in che ruolo lo farà giocare.

Labriola si esprime meglio come trequartista ma, nella passata stagione e nei mesi in cui l’ha avuto a disposizione, Baronio gli ha affidato le chiavi del centrocampo, facendo di lui il centrocampista di qualità nei due che giocavano in mezzo al campo. In questo modo Roberto Baronio è riuscito a far convivere con ottimi risultati Valerio Labriola con l’altro talentino della Primavera azzurra: Gianluca Gaetano.

Nella passata stagione giocando come centrocampista di qualità nei due di centrocampo Labriola si è esaltato molto, ha messo in mostra tutte le sue geometrie e con la sua buona visione di gioco riusciva sempre a sfornare giocate utili per i compagni. È stato un importante punto di riferimento per i compagni, specie quando Gianluca Gaetano veniva braccato dagli avversari e la squadra non riusciva a trovare spunti.

Labriola si muoveva tanto  per smarcarsi e i compagni si appoggiavano spesso su di lui, facendo passare il gioco attraverso i suoi piedi con buoni risultati. Giocando in un centrocampo a due, molte volte ha dovuto accantonare il fioretto per prendere la sciabola dimostrando di essere bravo anche in fase passiva.

La sua buona struttura fisica, oltre a consentirgli di proteggere il pallone quando gli avversari lo pressano, gli permette di andare in pressione sui calciatori avversaria con buoni risultati, dimostrando così discreta abilità difensive.

Chissà se Carlo Ancelotti nel corso della stagione gli darà una possibilità con i grandi qualora il centrocampista azzurro si dovesse conferma ad alti livelli. Intanto, in attesa dell’inizo della prossima stagione, Valerio Labriola ha lasciato il ritiro di Dimaro cosciente di aver dato il massimo ed ora aspetta che parta il ritiro della Primavera.

Napolisoccer.NET è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie CLICCA QUI.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.