La Juventus ci ripensa: nessun divieto ai nati in Campania

0
1098
juventus_2017-18.jpg

La Juventus ha ritrattato la modalità di vendita dei biglietti ai tifosi napoletani: nessun divieto a chi è nato in Campania ma solo ai residenti nella regione. Un provvedimento dal quale si era dissociato la Questura di Torino.

Questo è il comunicato della società bianconera: 

A seguito disposizioni del Gruppo Operativo di Sicurezza (GOS) riunitosi in data odierna, sono state definite le seguenti misure organizzative riguardanti la vendita dei biglietti per il Match Juventus—Napoli del 31 agosto 2019.  

Le misure sotto elencate riguardano tutti i settori ad esclusione del settore ospiti per il quale l’Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive (ONMS) si esprimerà nelle prossime settimane con una determina specifica.

Dalle 16:00 di oggi sarà possibile acquistare biglietti per la partita Juventus-Napoli del 31 agosto 2019, ore 20:45.

– presso le ricevitorie abilitate Lis dietro presentazione del documento d’identità per la verifica della residenza.  Il tagliando non sarà acquistabile da residenti nella Regione Campania, anche in possesso di fidelity card, ad eccezione della Juventus Card o tessera del tifoso Juventus.  Le ricevitorie della Regione Campania non sono abilitate alla vendita di questo match. 

Apprezzabile il dietrofront della società bianconera resta però indelebile negli occhi di chi vede il calcio semplicemente come uno sport, il primo comunicato della Juventus.

Decidere autonomamente di non far accedere allo stadio le persone nate in Campania ha scatenato un terremoto mediatico. Immediato l’effetto negativo determinato dall’indignazione dei napoletani e di chi ama lo sport e crede che vada vissuto come una festa alla quale molto spesso partecipano anche i bambini che vanno educati secondo principi di aggregazione e non di esclusione. 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.