Napoli – Verona 2-0. Le pagelle di NapoliSoccer.NET: è Milik il bandido, due goal di rapina che (forse) spengono le troppe polemiche della sosta.

1
1431

LEPAGELLE.jpgQualcuno dice che le soste fanno bene ai giocatori. Non sempre. Quando la palla non rotola spesso le polemiche montano. Basta una parola fuori posto che rimbombi per giorni senza che il fischio dell’arbitro, un rigore non dato, un fallo non visto, le smontino come sarebbe giusto accadesse, come maionesse rimestata oltre il necessario. Serviva giocare. Serviva un vittoria, serviva un goal di Milik, meglio due, meglio di rapina.
Serviva. Servito.

Meret: 7,5 – Ci sono delle parate che valgono quanto un goal. Quando un portiere ne fa tre consecutive, nel peggiore momento della sua squadra, quando la pressione avversaria non permette di uscire dalla propria trequarti e ragionare, si può dire che quel portiere è un predestinato. Meret lo è

Malcuit: 6,5 – Di nuovo il bel terzino visto nella prima fase della passata stagione. Spinge con continuità e arriva con disinvoltura sul fondo dialogando con Callejon, perché difficilmente trova Insigne dalla sua parte

Manolas: 6 – Ancora qualche amnesia, una evidente proprio in chiusura di partita e una nel primo tempo.

Koulibaly: 6,5 – L’ammonizione dopo pochi minuti di gioco finisce per condizionarlo più del dovuto visto lo spessore tecnico degli attaccanti avversari

Di Lorenzo: 6 – Gioca molto più bloccato del prevedibile. Sulla sinistra,  davanti, c’è troppo traffico, con Insigne che si allarga troppo spesso e Younes che non sempre riesce a leggerne i movimenti

Callejon: 6 – Il solito Callejon, anche se ultimamente non vede più tanto bene la porta, anche se pare meno preciso nelle conclusioni. Mette il piede nell’azione del vantaggio.

Allan: 5 – Inguardabile. Se valesse solo rubare palloni, forse una sufficienza la strapperebbe pure, però nel calcio una volta rubato il pallone bisogna pure farne qualcosa.

Fabian: 6,5 – Ottimo lavoro di copertura nella prima mezz’ora, quando un Verona molto ben preparato atleticamente e ben messo in campo da Juric, nasconde tutti i suoi limiti di squadra con una granda fisicità e con un pressing asfisssiante. Quando il ritmo cala mette in mostra tutte le sue doti chiarendo, se servisse, perché club blasonati sono sulle sue tracce.

Younes: 5,5 – Poco incisivo, poco presente nelle azioni nel primo tempo per guadagnarsi una sufficienza. Va un po’ meglio nella ripresa. Dal 64′ Zielinski: 6 – Parte a sinistra e si rende subito protagonista di un paio di buone giocate. Il Napoli con lui in campo trova subito il raddoppio che chiude la partita.

Insigne: 6 – Ancora una partita al limite della sufficienza, per lui. Alla seconda punta, negli schemi attuali del Napoli viene chiesto di svariare molto. Lui tende a farlo molto di più sulla sinistra intasando la corsia e finendo spesso con il calpestare i piedi ora di Di Lorenzo, ora di Younes. Nel primo tempo è  protagonista di una magia, un assist in area che mette la palla in uno spazio strettissimo, purtroppo non sfruttato. Dal 76′  Mertens: 6,5 – Manda sul palo pieno la palla del 3-0. Giallo evitabile su Tutino proprio sotto gli occhi dell’arbitro

MIlik: 7,5 – Due goal di furbizia, di rapina, smorza polemiche. Il primo su una azione prolungata, il secondo è un tap-in su punizione. Nel primo tempo ci sarebbe un rigore perché Faraoni lo abbraccia in area senza nemmeno guardare la traiettoria della palla, non rilevato dall’arbitro. Partita incoraggiante in particolar modo perché ha realizzato due goal in movimento, entrambi d’istinto, trovandosi proprio dove serviva si trovasse. Può sembrare banale. Non lo è.  Dall’81’ Llorente: SV – Anche se forse un voto lo meriterebbe perché si fa trovare pronto, sembra nato pronto, con la testa che mette in Mertens in condizione di siglare il 3-0.

Domenico Infante – NapoliSoccer.NET



1 COMMENTO

  1. Non è con questo avversario che si misura la forza del Napoli. Il Verona sta molto bene in campo ed attua un buon pressing, ma gli interpreti sono di basso livello. Buon per noi.
    Adesso testa al Salisburgo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.