Le pagelle di Milan-Napoli: Azzurri ancora una volta colpevolmente poco reattivi.

2
1042
LEPAGELLE.jpg

Le pagelle di Milan-Napoli: Termina con il pareggio per 1-1 la sfida del Meazza, con le reti di Lozano e Bonaventura.

Di seguito le pagelle di NapoliSoccer.NET su Milan-Napoli.

Meret: 7 – Sempre più convinto del ruolo, sempre più reattivo e sempre serio in campo e fuori. Il futuro del Napoli deve avere il volto di Meret

Di Lorenzo: 6,5 – Spinge molto, soprattutto nel primo tempo e si rende protagonista di una magia che fa ben sperare, un tacco con tunnel. Poi anche lui sembra perdere voglia e tempi di gioco

Maksimovic: 5,5 – Alterna errori a buoni interventi. Esce più di una volta palla al piede ma non sempre con la necessaria lucidità

Koulibaly: 6 – Anche lui colpevole sul goal di Bonaventura. Prestazione comunque sufficiente

Hysaj: 4 – Sarà pure un destro naturale portato a sinistra per necessità. Però la sua gara è stata una fiera degli orrori e degli errori. Palle perse e passaggi sbagliati in sequenza.

Callejon: 5 – Mai pericoloso. Mai in partita. Nella ripresa sparisce letteralmente dal campo. Dal 59′ Mertens: 5 – Ti aspetti freschezza e lucidità. Nessuna delle due cose. Appena entrato si sbraccia a chiedere un pressing che i suoi compagni non possono o non vogliono colpevolmente portare. Così decide scientemente di annegare con loro

Allan: 6,5 – Uno dei pochi a combattere. Il ritmo è quello che è e i giocatori meno tecnici si esprimono meglio a ritmi bassi, è vero. Però almeno la gamba la mette sempre.

Zielinski: 5 – Uno dei pochi a chiudere meglio di come aveva iniziato. Scioccante la serie di errori messa in fila nei primi 45 minuti. Nella ripresa migliora leggermente ma siamo ben lontani da quello che serve veramente al Napoli.

Elmas: 5,5 – Parte a sinistra cercando l’incursione sulle zone centrali. Non ci riesce sempre. Protagonista di un rigore non rigore che poteva essere gestito meglio.

Insigne: 4,5 – Una traversa fortunosa diventa un assist involontario per il vantaggio di Lozano. Poi anche lui protagnista di una sequenza colpevolmente lunga di errori.  Dal 65′ Younes: 5 – Contributo nullo. Corricchia di qua e di là senza riuscire mai a dare una svolta alla partita con un risultato che i suoi compagni avevano già decretato quando lui è entrato.

Lozano: 6,5 – Cinico sul goal. Da centrale non trova sempre lo spunto per la conclusione. Gioca due partite in una, volenteroso e positivo nel primo tempo, svogliato e colpevolmente poco reattivo, come tutta la squadra nella ripresa.  Dal 83′ Llorente: SV –

Domenico Infante – NapoliSoccer.NET

Milan-Napoli, oltre alle PAGELLE leggi anche I QUADRI ed il COMMENTO alla partita.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie. Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.

Condividi
Articolo precedenteMilan-Napoli: la formazione scelta da Ancelotti
Prossimo articoloMilan-Napoli 0-0: un pareggio brutto e con poche emozioni
Napoletano, scrittore, impara a leggere prima di riuscire a dire "a cuoppo cupo poco pepe cape, poco pepe cape a cuoppo cupo" e tutti gli altri scioglilingua in napoletano che gli insegnava suo padre. La passione per il calcio risale al nonno paterno del quale porta il nome.


2 Commenti

  1. È chiaro che il Napoli non c’è più. In queste condizioni fare le pagelle è solo una perdita di tempo. Lo sfascio è iniziato da quel maledetto mercato di gennaio di 2 anni fa. Eravamo primi in classifica e Sarri aveva fatto capire che con un paio di acquisti forti si poteva vincere il campionato. Non arrivò nessuno e addirittura De Laurentiis in piena lotta scudetto iniziò a remare contro il suo allenatore perché non faceva giocare i panchinari.
    Da allora De Laurentiis non ne ha azzeccata una:l’arrivo di Ancelotti, la mancata vendita di Koulibaly, di Allan e di Insigne, l’indebolimento senza senso del centrocampo, l’assenza di un centravanti serio, l’acquisto costoso e inutile di Lozano, le dichiarazioni offensive nei confronti di giocatori che fino ad allora avevano dato tutto per la maglia ecc ecc.
    De Laurentiis sognava di essere il più furbo della banda , si riscopre solo un bullo di periferia al comando di una società di provincia, con i calciatori che vogliono andar via , con un allenatore bollito e con una città contro.

  2. Perché manca il voto per Ancellotti? Sarebbe meglio giocare in dieci che vedere in campo Hysaj. Luperto avrebbe fatto miglior figura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.