Continua la protesta dei tifosi: invito a disertare il San Paolo

0
637

A Napoli continua forte la protesta dei tifosi dei gruppi organizzati: chi in genere occupa abitualmente gli spalti del San Paolo sta protestando vibrantemente contro i provvedimenti emanati nelle scorse settimane per le trasgressioni al “Regolamento d’uso dell’impianto” che regola l’accesso e l’utilizzo dello Stadio San Paolo.

Nel volantino diffuso si elencano una serie di motivazioni – ritenute profondamente ingiuste da chi scrive – per i quali i tifosi rischiano di essere multati per il proprio comportamento allo Stadio San Paolo. Hanno quasi tutte a che fare col mancato rispetto dal posto assegnato all’acquisto del biglietto: 
occupare un posto rimasto vuoto, aspettare gli amici sul ballatoio, cercare riparo dalla pioggia in una zona coperta, restare sempre accanto al proprio figlio, vedersi l’abbonamento sospeso per mancato rispetto del regolamento, il Daspo in occasione della seconda sanzione: sono queste le motivazioni che portano chi scrive ad invitare il pubblico a disertare il San Paolo.

Un concetto ripetuto in bella evidenza con la frase: “Tu che vai allo stadio, diserta!”, negli striscioni esposti nella scorsa notte all’esterno dello Stadio San Paolo, in Piazza del Plebiscito e in Via Marina.

Già nella partita contro il Bologna i 90′ di gioco si sono svolti in un’atmosfera surreale, dominata dalle grida dei bambini delle scuole invitate dalla società in tribuna. Un’atmosfera poi resa cupa dal risultato deludente del Napoli, che ha perso per 1-2.

C’è quindi anche l’emorragia del tifo a rendere ancora più penoso il momento del Napoli. 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.