I Quadri di Napoli-Inter: il migliore e il peggior azzurro in campo

1
961
QUADRI.jpg

I “QUADRI” di Napoli-Inter, il migliore ed il peggior azzurro in campo secondo i redattori di NapoliSoccer.NET: Difficile trovare il migliore, al massimo il meno peggio!

Sempre peggio il Napoli in campionato. Gli azzurri neanche questa volta riescono a trovare gli stimoli giusti per dare una svolta ad una stagione abbondantemente compromessa. L’ennesima pessima prestazione di un’insieme di persone che indossano la stessa maglia azzurra ma che non sono una squadra non può che concludersi con l’ennesima sconfitta. 

Di seguito i “QUADRI” dei redattori di NapoliSoccer.NET, che hanno scelto il migliore (meno peggio) ed il peggiore azzurro in campo della partita Napoli-Inter. 

Migliore: Milik. Sfrutta l’unica vera occasione che gli capita tra i piedi siglando la rete della bandiera. Sfata però il tabù di segnare solo con le provinciali e mai con le big.
Peggiore: Insigne. Ha la piena fiducia di Gattuso che lo rimette al centro del suo progetto. Non ha carisma né carattere per guidare i suoi né per essere il leader di questa squadra. Delude ancora una volta per inconsistenza e per errori di impostazione: il tiro a giro, poi, con tutto il ripetitivo rituale della preparazione non solo ha stancato ma è del tutto inefficace da tempo immemore. (Antonello Greco)

Migliore: Callejon. Correre è da sempre la sua prerogativa migliore ma oggi a tratti si è rivisto il Callejon dei giorni migliori. Rispolverati i tagli che lo hanno reso famoso e riproposti molti smarcamenti che per lo più non sono stati premiati dai compagni.
Peggiore: Di Lorenzo. Fuori ruolo e con compiti proibitivi considerando la coppia d’attacco che deve fronteggiare. L’intera difesa azzurra oggi non merita la sufficienza e lui ne paga le conseguenze più degli altri. (Pino Chianese)

Migliore: Milik. Deve lottare da solo contro tre centrali molto forti, consueto lavoro di sacrificio e qualità. Sfrutta da centravanti vero l’occasione che gli offre Callejon, fallisce successivamente un colpo di testa semplice per lui. Nell’aridità offensiva del Napoli il polacco emerge con i suoi gol.
Peggiore: Insigne. Non è il peggiore del Napoli (Hysaj e Manolas fanno disastri) ma risulta tale in relazione allo stipendio ed alla sua centralità nella squadra partenopea. Gioca nel suo ruolo preferito, dovrebbe essere il trascinatore sia emotivo che tecnico. Fallisce nel primo tempo un controllo in corsa che gli avrebbe consentito di presentarsi davanti al portiere. Prova il tiro una decina di volte, spesso non trova la porta. (Manuele Morra)

Migliore: Milik. Sicuramente il meno peggio, primo perchè segna e secondo perché non è dannoso per la squadra, a differenza di tanti suoi compagni che si impegnano a fare fesserie.
Peggiore: Meret. Scelgo il portiere perché è goffo in più di un’occasione ma è in buona compagnia perchè Di Lorenzo e Manolas lo affiancano meritatamente. Non è la prima papera della stagione e probabilmente non sarà l’ultima vista la giovane età. Deve svegliarsi al pari degli altri e soprattutto tenere le “cosce” chiuse! (Gianni D’Oriano).

Oltre a I QUADRI leggi le PAGELLE di Napoli-Inter.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie. Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.



1 COMMENTO

  1. Nelle prossime tre partite incontreremo Lazio e Juve.
    Pensare di recuperare la stagione è da folli.
    Si dovrebbe invece programmare per il futuro, cominciando dall’allenatore.
    Se sarà Gattuso bene, altrimenti il primo tassello da sistemare è proprio la guida tecnica.
    Poi con lui sistemare la squadra.
    Ma ADL che si crede un grande competente di calcio non farà così.
    Peccato per quel codazzo di giornalisti e telecronisti totalmente schierati, capaci di definire futuro campione ogni giovanotto arrivato da queste parti.
    Fare nomi è inutile, ognuno ricorda bene la frotta di “campioncini” ingaggiati negli anni.
    Tutti scomparsi.
    La stessa squadra primavera è ultima in classifica, vero termometro della nullità del settore giovanile del Napoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.