Gattuso: “La squadra cresce, servono vittorie ma non guardiamo la classifica. Ospina? Ci ha fatto saltare la pressione dieci volte”

0
690

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli, è stato intervistato su Sky Sport al termine di Lazio-Napoli di stasera. La partita si è chiusa con una sconfitta immeritata per gli azzurri in seguito a un brutto errore di Ospina in fase di disimpegno. Queste le parole del tecnico.

“Oggi ci teniamo la prestazione. Bisogna guardare avanti. La responsabilità del gol preso è mia, sono io a chiedere di passare sempre dal portiere. Ci può stare, sono cose che proviamo durante la settimana. L’errore ci sta. Ho visto una squadra che ha sofferto pochissimo, che inizia a fare ciò che chiedo. Abbiamo preso gol assurdi da quando sono qui, ma fa parte del gioco. Testa su e pedalare, sempre. Ci serve un filotto di risultati. 

Sono positivo e ho il dover di far capire ai ragazzi che siamo sulla strada giusta, ma ci serve qualche vittoria, altrimenti dopo diventa difficile. È difficile quando ti senti dire ‘Bravo’ e non arriva il risultato. Io mi diverto ad allenare questa squadra, perché abbina qualità a tante altre doti. Abbiamo grandi margini di miglioramento. Bisogna dare continuità agli allenamenti e credere fortemente in tutto ciò che si fa.

Abbiamo troppe cose da migliorare, siamo indietro su certi aspetti e mi devo concentrare nel far credere alla squadra in quello che facciamo. Oggi non si può parlare di aria fritta, la classifica non si deve guardare. Si deve guardare il lavoro, e voglio vedere altri miglioramenti. Dopo bisognerà riuscire a vincere le partite. Non ci sono altri obiettivi. La squadra deve partire dal basso, tenere gli avversari nella metà campo avversario. 

Il primo responsabile della situazione sono io. Devo fare dei risultati per  rimanere a Napoli, è questo il mio obiettivo, anche il mio destino è legato ai risultati. E per arrivare ai risultati devo far vedere qualcosa di buono in campo.

Insigne ha fatto molto molto bene nel secondo tempo, nel primo non è mai venuto dentro. Bisogna migliorare il gioco di catena. Nella ripresa s’è mosso molto di più. Ma non solo Insigne, tutta la squadra è in crescita, s’è visto anche con l’Inter. Questa sconfitta ci deve bruciare.

Ospina? Ha sbagliato, ma il responsabile sono io. Io mi arrabbio se Ospina butta la palla via, sono io che chiedo determinate cose. Si vedono solo le cose negative, ma non si parlerà delle dieci volte che ci ha fatto uscire dalla prima pressione. Il portiere lo chiamo giocatore, perché oggigiorno è da considerare tale, perché gioca con i compagni”. 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.