Gennaro Gattuso alla stampa post Napoli-Fiorentina

0
963

Al termine di Napoli-Fiorentina è intervenuto il tecnico del Napoli, Gennaro Gattuso, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni alla stampa: “Ho parlato con la squadra e la squadra ha deciso di andare in ritiro ed è stata una decisione loro. Ero convinto che potessimo fare una grande partita ed invece è venuta fuori una partita imbarazzante. Il primo responsabile è il sottoscritto solo nei primi minuti abbiamo fatto qualcosa ma abbiamo fatto il solletico alla Fiorentina. Mi spiace che siamo stati saltati sistematicamente e ci è mancato il veleno e non siamo stati squadra. La squadra non ha reagito e non ha fatto nulla per essere una squadra. È difficile darmi spiegazioni. Io non mi vergogno e non ho segreti mi è capitata già una situazione del genere. Non dobbiamo andare alla ricerca di alibi né nei tifosi che non cantano né nelle multe non tolte. Non tutti hanno capito nella situazione in cui ci troviamo; poiché stimo scherzando con il fuoco. Io con alcuni compagni non sono uscito per anni ma io per loro avrei dato la vita in campo. Per uscire da questa problematica dobbiamo guardaci in faccia per 2/3 e dare tutto i compagni. Dobbiamo imparare a tenere meglio il campo, annusare meglio il pericolo e mi riesce difficile venire qui e dare spiegazioni a quello che ho visto oggi. È una squadra che da il massimo in allenamento e ci può stare che gioca male ma la squadra deve avere orgoglio ed avere una reazione diversa. Dobbiamo capire in che frullatore siamo messi ed ho la sensazione che non tutti lo abbiano capito. Non so come si sia verificata questa situazione, ieri ero convito che potevamo fare una grande partita, dobbiamo guardare tanti aspetti abbiamo parlato di tante cose ma ad oggi la priorità è avere il veleno e tenere bene il campo. In 5 partite una sola vittoria e bisogna rivedere qualcosa sia a livello tecnico tattico che a livello di squadra. Questa è una squadra che alle prime difficoltà scompare dal campo ed ha poca cattiveria. Qui si è giocato per altissimi livelli ed oggi ci troviamo in una situazione difficile. Qui si fa fatica a vincere e dobbiamo ragionare in maniera diversa. Dimissioni? Mi piace combattere ed andare alla ricerca delle soluzione ed oggi la chiave è entrare nelle testa dei miei giocatori e capire chi ha il veleno giusto per lottare. È facile dire che non ci sono i tifosi, ci sono le multe e non abbiamo i campi belli. Oggi dobbiamo andare alla ricerca di come uscire da questa situazione e non trovare alibi in queste o altre cose. Oggi potevo perdere ma volevo vedere la squadra con la bava alla bocca. La scelta di Luperto era cambiare il meno possibile ed avere una spinta in più sulla sinistra con un giocatore di ruolo. Mercato? C’è una lista e per aspettare che arriva qualche rinforzo deve uscire qualcuno. Allan? Sta dando il massimo ma ha dei piccoli problemi e sta dando il massimo per recuperare. Mi piace metterci il mio faccione, sono io che faccio le scelte ed è giusto che parlo io. A me piacerebbe venire qui e parlare di cose diverse. Mi piacerebbe recuperare i miei giocatori, vincere due/tre partite e dare continuità. Con il presidente mi sento spesso. Sapevamo che qualche giocatore non era al 100%, adesso dobbiamo giocare da squadra e non stare con la puzza sotto il naso ed adottare qualcosa di diverso. Per adesso nulla, contano i risultati e non ho dato nulla. Tante partite abbiamo fatto un calcio partendo dal basso. Mi aspetto che si faccia meglio e meritavamo sia i fischi ma anche i pomodori, spero di non dover mai più commentare una partita del genere mi aspetto che la squadra reagisca e faccia vedere voglia e appartenenza “.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.