Calciomercato: Inter regina d’inverno, bene Fiorentina e Napoli. Lazio al palo: e lo Scudetto?

0
711

A qualche ora dalla chiusura del calciomercato, arrivata prima dell’inizio della giornata di campionato che si chiude stasera con Sampdoria-Napoli, analizziamo i movimenti di tutte le squadre di Serie A con i voti e un giudizio sulle operazioni. 

ATALANTA 6.5: Più che sufficiente l’operato di Sartori e della sua squadra di lavoro in questa sessione invernale di calciomercato. In entrata da segnalare il ritorno del “figliol prodigo” Mattia Caldara, desideroso di vestire nuovamente la casacca nerazzurra. Ma certamente il colpo da novanta ha un nome ed un cognome: Dejan Kulusevski, ceduto alla Juventus per 35 milioni di parte fissa più 10 di bonus (alcuni facilmente raggiungibili, altri meno). Di fatto mai impiegato da Gasperini, ma esploso a Parma, che dire, chapeau! Altra vagonata di denaro fresco è giunta da Bologna, per Barrow.
ACQUISTI: Tameze (c, Nizza), Bellanova (d, Bordeaux), Caldara (d, Milan), Czyborra (d, Heracles), Sutalo (d, Osijek). 
CESSIONI: Kulusevski (c, Juventus *da giugno), Barrow (a, Bologna), Kjaer (d, Milan), Masiello (d, Genoa), Ibanez (d, Roma), Arana (d, Siviglia, fp).

BOLOGNA 6.5  Al netto di cessioni in programma (Destro e Dzemaili su tutti), i felsinei hanno deciso di acquistare giovani di prospettiva e di indubbie qualità tecniche. Interessante il colpo Vignato (ma solo a partire da Giugno), talentino che milita nel Chievo Verona , due sono state le entrate nell’immediato: Barrow prelevato dalla Dea e Dominguez, pescato in Argentina dal Velèz, per rinforzare la mediana. Linfa vitale per il prosieguo del campionato.
ACQUISTI: Barrow (a, Atalanta), Vignato (a, Chievo), Dominguez (c, Velèz).
CESSIONI: Paz (d, Lecce), Dzemaili (c, Shenzen), Destro (a, Genoa).

BRESCIA 5: È vero che la finestra di calciomercato di gennaio è chiamata “mercato di riparazione”, ma è ancor più vero che il Brescia aveva il dovere di smuovere le acque per centrare una salvezza che appare sempre più complicata. Due gli arrivi : Skrabb e l’ex Pescara Bjarnason. Davvero poca roba, per una squadra che occupa l’ultimo posto in classifica. Contestazioni in atto per il presidente Cellino. Insufficienza meritata.
ACQUISTI: Skrabb (c, Norrkoping), Bjarnason (c, Al-Arabi).
CESSIONI: Magnani (d, Sassuolo), Matri (a, svinc.), Morosini (c, Ascoli).

CAGLIARI 6: Non c’era tanto da fare, e nulla di eclatante è stato fatto. Squadra già competitiva quella sarda, che ha badato a trattenere i big e a mettere nel motore Paloschi in luogo di uno scambio con Cerri, che ha fatto il percorso inverso, destinazione Spal. La sorpresa potrebbe essere Gaston Pereiro, prelevato dal Psv. Rientrato il caso Nandez.
ACQUISTI: Paloschi (a, Spal), Gaston Pereiro (c, Psv).
CESSIONI: Deiola (c, Lecce), Cerri (a, Spal), Castro (c, Spal).

FIORENTINA 7.5: Grande protagonista di questa sessione invernale di calciomercato è stata indubbiamente la Viola. Il patron Commisso aveva promesso ai tifosi rinforzi di qualità , e così è stato. Acquisti mirati per il presente ma anche per il futuro. Presi Cutrone, il sorprendente Amrabat (ma per Giugno), Igor, Duncan e Kouame. Che volere di più? Sul gong, dentro anche il funambolico Agudelo, prelevato dal Genoa. Bravo Pradè a liberarsi di coloro che non rientravano più nei piani tecnici di mr. Iachini come Boateng, passato al Besiktas. Forse il più grande fallimento si chiama Pedro.
ACQUISTI: Igor (d, Spal), Duncan (c, Sassuolo), Cutrone (a, Wolverhampton), Kouame ( a, Genoa), Amrabat (c, Hellas Verona * da Giugno), Agudelo (a, Genoa).
CESSIONI: Boateng ( a, Besiktas), Dabo ( c, Spal), Pedro (a, Flamengo), Eysseric (c, Verona).

GENOA 6: Solito show targato Enrico Preziosi. Il calciomercato è per lui sinonimo di rivoluzione, ed anche quest anno il presidente del grifone non si è smentito. Qualche acquisto interessante c’è stato: attenzione al colosso franco-maliano Soumaro, arrivato in Liguria in prestito dal Lille. Di ritorno anche Iago Falque, in cerca di minuti ma soprattutto di riscatto, in un ambiente che conosce come le sue tasche. Scellerato a nostro giudizio l’avvicendamento tra i pali : out un grande prospetto come Radu, dentro Perin di ritorno dalla Juventus dopo due stagioni da fermo.
ACQUISTI: Soumaro (d, Lille), Parigini (a, Torino), Iago Falque (a, Torino), Masiello (d, Atalanta), Perin (p, Juventus), Destro (a, Bologna), Behrami (c, svinc.).
CESSIONI: Saponara (c, Lecce), Gumus (c, Antalyaspor), El Yamiq ( d, Real Saragoza).

HELLAS VERONA 6.5: Con questa finestra invernale di calciomercato, i gialloblù hanno piazzato tre stoccatine: presi Borini dal Milan, Dimarco in prestito dall’Inter ed Eysseric dalla Fiorentina. Brava la dirigenza a consolidare il lavoro svolto in estate con alcune cessioni eccellenti, ma per la prossima stagione, ed altre sono in cantiere: ufficiali Amrabat alla Viola per 20 milioni di euro e Rrhamani al Napoli di De Laurentiis per 15. Promossi Setti e il suo gruppo di lavoro.
ACQUISTI: Eysseric (c, Fiorentina), Borini ( a, Milan), Di Marco ( d, Inter).
CESSIONI: Rhamani (d, Napoli *da Giugno), Amrabat (c, Fiorentina * da Giugno), Bessa (c, Goia), Henderson (c, Empoli).

INTER 8.5: Regina del calciomercato è stata certamente l’Inter di Antonio Conte. Superbo lavoro di Marotta e Ausilio che hanno consegnato al mister salentino ciò di cui necessitava per inseguire il tricolore. Fasce laterali totalmente mutate: Young e Moses, verosimilmente prenderanno il posto di Biraghi e Lazaro. Ma dopo quasi un mese di abboccamenti, con tanto di cene nel centro di Milano, grazie all’intervento di procuratori ed intermediari, è arrivato all’Inter Christian Eriksen. Grande investimento di Suning, voglioso di lottare sin da subito con la Juventus e di non lasciare nulla al caso. Per lui, contratto di 4 anni e mezzo con annesso stipendio da 8 milioni di euro a stagione. Degna di nota la cessione di Gabigol al Flamengo, per circa 16 milioni di euro. L’unica pecca? Probabilmente quel vice Lukaku, tanto inseguito e che avrebbe fatto rifiatare il colosso belga.
ACQUISTI: Moses (c, Chelsea), Young (c, Manchester United), Eriksen ( c, Tottenham).
CESSIONI: Gabigol ( a, Flamengo), Lazaro (c, Newcastle).

JUVENTUS 6.5: Strappato Kulusevski all’Inter, Paratici e Nedved sono stati in grado di sistemare questioni alquanto spinose come quelle di Emre Can ceduto al Borussia Dormund e Mario Mandzukic negli Emirati Arabi. C’è già chi definisce “esagerato” l’investimento per il talentino svedese, messosi in luce in questa prima parte di campionato, con la maglia del Parma. Per il classe 2000 sborsati 45 milioni di euro. Solo il tempo darà risposte a riguardo.
ACQUISTI: Kulusevski (c, Atalanta* da Giugno)
CESSIONI: Emre Can (c, B. Dortmund), Pjaca (a, Anderlecht), Mandzukic (a, Al-Duhail)

LAZIO 4.5: Grave insufficienza per i capitolini in questa finestra di calciomercato. Lotito aveva il dovere morale di regalare al suo mister, uno o due innesti per giocarsela fino alla fine, con Juventus ed Inter a portata di tiro. Lo scudetto è li ad un passo, come non mai. Vano il viaggio di Tare a Londra per Giroud, oggetto del desiderio anche dell’Inter. Inzaghi reclamava rinforzi per ovviare agli acciacchi di Correa e in tutta sincerità, non è stato accontentato. Meritava indubbiamente almeno un acquisto di spessore.
ACQUISTI: –
CESSIONI: Berisha (c, Fortuna Dusseldorf)

LECCE 6.5: Non sappiamo se basterà, ma intanto il Lecce ci ha provato. Il presidente Sticchi Damiani ha regalato a mister Liverani un perfetto mix di esperienza e gioventù, per centrare la permanenza nella massima serie. Colpi Saponara e Barak in mezzo al campo per accrescerne la qualità. Deiola, Paz e Donati gli altri innesti. C’è voglia di fare a Lecce e si vede.
ACQUISTI: Paz (d, Bologna), Barak (c, Udinese), Deiola (c, Cagliari), Donati ( d, svinc.), Spaonara (c, Genoa).
CESSIONI: La Mantia ( a, Empoli), Fiamozzi (d, Empoli), Tsonev (c, Monopoli)

MILAN 6.5 : Fare calciomercato significa anche saper cedere. Bravi Maldini e Boban a disfarsi di veri e propri esuberi dall’ingaggio corposo e che ormai avevano staccato la spina mentalmente. Suso ritorna in Spagna, al Siviglia. Piatek ceduto per 27 milioni di euro all’Herta Berlino in Bundesliga. Sistemati inoltre Borini, Reina e R.Rodriguez. Boccata d’ossigeno per le casse rossonere, su cui pende la spada di damocle del FFP.
Ampia sufficienza legittimata dal colpo Ibrahimovic. Una scossa di adrenalina per tutto l’ambiente (depresso fino a quel momento). Un ritorno sorprendente quanto affascinante. Ultimo giorno di mercato nel segno di Alexis Saelemaekers, stellina ventenne dell’Anderlecht. Probabilmente però urgeva un vice Ibrahimovic, data la partenza del numero 9 polacco.
ACQUISTI: Ibrahimovic (a, svinc.), Laxalt (d, Torino), Kjaer (d, Atalanta), Saelemaekers (c, Anderlecht), Begovic (p, Bournemouth)
CESSIONI: Piatek (a, Herta Berlino), Suso (a, Siviglia), Reina (p, Aston Villa), R,Rodriguez (d, Psv), Borini (a, Verona).

NAPOLI 7: Numerosi i movimenti per i partenopei, soprattutto in ottica 2020/2021. ADL ha esaudito però anche nell’immediato, le richieste di mister Gattuso, per completare al meglio questa annata sportiva. Messi sotto contratto Diego Demme, ingaggiato dall’RB Lipsia e il tanto inseguito Lobotka per dare solidità e geometrie al centrocampo. In avanti forze fresche con Matteo Politano, calciatore in grado di dare maggiore verve e imprevedibilità alle offensive azzurre. Per Giugno invece, bloccati Rrhamani e Petagna. Soffia aria di rivoluzione in casa Napoli.
ACQUISTI: Politano (a, Inter), Demme (c, Lipsia), Lobotka (c, Celta Vigo), Rrhamani (d, Hellas Verona * da Giugno), Petagna (a, Spal * da Giugno).
CESSIONI: Tonelli (d, Sampdoria)

PARMA 6.5: Ottimo lavoro di Faggiano, pronto per il salto in un grande club. Mercato intelligente quello dei ducali, in grado di dover fronteggiare l’emergenza che li ha falcidiati sin da inizio stagione. Prelevati Kurtic dalla Spal, Radu per sopperire all’infortunio di Sepe e Caprari dalla Sampdoria, per ovviare al giallo dell’ultimo giorno di mercato, targato Gervinho. L’ivoriano è apparso all’hotel Sheraton di Milano (sede ufficiale del calciomercato), per trasferirsi negli Emirati ed in attesa del transfer. Il suo, è ancora oggi un mistero. È stato ceduto o no?
ACQUISTI: Caprari(a, Sampdoria), Kurtic (c, Spal), Radu (p, Inter)
CESSIONI: Gervinho (a, Al-Sadd da confermare).

ROMA 5.5: Insufficienza anche per l’altra sponda della Capitale. Un colpo al cuore l’addio di Florenzi, in prestito per sei mesi al Valencia. Trattamento non particolarmente fortunato (per usare un eufemismo), quello riservato al 24 giallorosso. Petrachi ha dovuto fare i conti con le solite difficoltà, complici rubinetti chiusi da Boston. Riescono però i dirigenti nell’intento di strappare al Barcellona il canterano Carles Perez, che ha castigato l’Inter in Champions League. Di ritorno Bruno Peres, ma a dirla tutta, sa tanto di minestra riscaldata.
ACQUISTI: Bruno Peres (d, Recife), Carles Perez (a, Barcellona), Villar (c, Elche).
CESSIONI: Florenzi (d, Valencia).

SAMPDORIA 5.5: Occorreva altro per la Doria in questa sessione di calciomercato. Fuori Murillo, preso Tonelli dal Napoli. Samp sempre nei bassifondi della classifica. I tifosi sono legittimamente preoccupati anche per la questione societaria. Ferrero pare aver perduto quell’euforia che lo aveva caratterizzato e non è un mistero il desiderio dell’imprenditore romano, di voler cedere il club. Prima però c’è da scacciare lo spettro retrocessione.
ACQUISTI: Yoshida (d, Southampton), Tonelli (d, Napoli)
CESSIONI: Caprari (a, Parma), Murillo (d, Celta Vigo)

SASSUOLO 5.5: Non da Sassuolo la cessione di Duncan alla Fiorentina e nessun acquisto degno di nota. La certezza si chiama però Roberto De Zerbi, su cui ha scommesso e intende ancora scommettere la proprietà. Certo è, che questa finestra invernale di calciomercato, non andrà ad intaccare quanto di buono fatto la scorsa estate. Squadra giovane, fresca, e di qualità quella neroverde.
ACQUISTI: Haraslin (c, Danzica)
CESSIONI:  Duncan ( c, Fiorentina)

SPAL 5.5: È vero, ha pur perso Igor e Kurtic e se vogliamo anche Petagna (ma solo per Giugno), ma la società ha piazzato dei colpi interessanti per coltivare quel sogno, complesso, chiamato salvezza. Dentro Castro, Dabo e da segnalare il ritorno di Bonifazi. Scambio “insipido” di prestiti con il Cagliari : parte Paloschi, arriva Cerri. Basteranno?
ACQUISTI: Castro (c, Cagliari), Cerri (a, Cagliari), Dabo (c, Fiorentina), Bonifazi (d, Torino)
CESSIONI: Kurtic (c, Parma), Petagna (a, Napoli *da Giugno), Paloschi (a, Cagliari).

TORINO 5.5: Confermata essenzialmente in blocco la squadra granata. Si dice che sia un bene non toccare nulla, ma in questo caso sarà proprio così? Il detto recita: “squadra che vince non si cambia”. Ecco appunto, il Toro è davvero in difficoltà, questa stagione. Era lecito attendersi qualche operazione in più, in grado di scaldare i tifosi e aumentare il tasso tecnico, soprattutto nel pacchetto arretrato, che mai come quest anno ha denunciato gravi lacune.
ACQUISTI: –
CESSIONI: Laxalt (d, Milan), Bonifazi (d, Spal), Iago Falque (a, Genoa)

UDINESE 6: Mai come in questa sessione di calciomercato non erano necessari grandi stravolgimenti, in casa bianconera. L’Udinese naviga in acque abbastanza tranquille, motivo per cui è stato fatto il minimo indispensabile. Trattenuto De Paul che pareva dover lasciare i friuliani, ceduti Pussetto al Watford (seconda squadra della famiglia Pozzo) e Barak al Lecce.
Stretto indispensabile.
ACQUISTI: Zeegelaar (c, Watford)
CESSIONI: Pussetto (a, Watford), Barak (c, Lecce)

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie. Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.