Gattuso alla stampa: “Non trovo la chiave della compattezza. Non siamo squadra, non ci aiutiamo”

0
1102

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli, ha risposto alle domande nella conferenza stampa dopogara di Napoli-Lecce, partita persa per 2-3 dagli azzurri. Queste le sue parole raccolte dalla redazione di NapoliSoccer per i propri lettori. 

“Nei primi 30′ la squadra non ha fatto male. Sono preoccupato per la grande fragilità venuta fuori oggi. Lapadula ha stoppato quindici palloni per far salire il Lecce.  Ho visto i miei troppi passivi, ci può stare un calo fisico, ma per 30′ la squadra mi era piaciuta. Non riesco a trovare la chiave della compattezza, basta un episodio per mandarci in sofferenza, la squadra ha fatto fatica ad aiutarsi.

Adesso è facile parlare dei centrali, ma dovevo mandare Manolas a casa per la nascita della figlia. Mi avete massacrato per Di Lorenzo centrale, ora mi chiedete questo. Dobbiamo dare minutaggio perché sono giocatori forti, si sono allenati con intensità. Ad essere onesto, per come è andata, non lo rifarei, è chiaro.

Quando fai di tutto per vincere una partita finisci per perdere un po’ d’equilibrio. A me non piace giocare con due linee da quattro, ma dovevamo fare qualcosa di diverso. Dobbiamo migliorare in compattezza. Mertens punta? Certo che lo vedo, ma ero sotto e non volevo togliere Milik. Lo reputo un numero 9, ma lo volevo con Milik. Mertens per me è più attaccante che esterno.

Dell’arbitro parlerà Giuntoli. Sapevo a cosa andavamo incontro e le difficoltà della partita. Ci hanno palleggiato in faccia. Noi ci innervosiamo, facciamo pressioni sbagliate, sbagliamo i tempi di uscita. Non so se ci hanno fatto male le tabelle, abbiamo sbagliato la partita proprio quando la classifica si poteva fare interessante. I goal si possono sbagliare, ma bisogna essere sempre una squadra e noi abbiamo dimostrato di non esserlo.

Per soffrire meno dovevamo “rompere” invece portavamo Saponara sempre negli ultimi 25 metri. Non dovevamo farci portare nella nostra area, anche sul secondo goal. Non abbiamo mai rotto la linea, dovevamo uscire con i difensori. 

Pensare ad inserire un centrocampista dopo il pareggio è una cosa giusta, ma noi la partita la dovevamo vincere. Allan è guarito ma non sta bene, Fabiàn ha avuto problemi. Ho inserito due centrali che non giocavano da tempo. Sono tutti fattori a cui ho dovuto pensare durante la gara, se fossi rimasto con un solo cambio con tante situazioni a rischio sarebbe stato un problema. Ma ci ho pensato”. 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.