I Quadri di Napoli-Lecce: il migliore e il peggior azzurro in campo

1
1197
QUADRI.jpg

I “QUADRI” di Napoli-Lecce, il migliore ed il peggior azzurro in campo secondo i redattori di NapoliSoccer.NET: Una sconfitta che fa tornare i fantasmi al San Paolo: era fuoco di paglia! Questo Napoli è demotivante.

Gattuso lo aveva detto ma evidentemente i giocatori azzurri non ascoltano i consigli degli allenatori e anche questa volta, specchiandosi nella loro qualità, perdono contro una squadra che – compatta, precisa e qualitativamente ottima – ha dato lezioni di gioco.

I QUADRI DI Napoli-Lecce

Peggiore: Koulibaly. Torna dopo tanto tempo, ma commette gli stessi errori dell’era Ancelotti, troppo spesso cerca di forzare la giocata uscendo palla al piede, spesso mal posizionato in marcatura, sicuramente non è più quel difensore che tutti conoscevamo.
Migliore: Demme. Lui il suo lavoro lo fa e lo fa bene. Sempre attento e veloce nel decidere dove smistare il pallone. Sicuramente é lui il migliore degli azzurri. (Sandro Scetta)

Peggiore: Koulibaly. Non è più lui, ha perso sicurezze e non ne ha date alla difesa perdendo spesso duelli con Lapadula. Questo Napoli ha bisogno di lui, provasse quanto prima a smaltire ruggine e tensione.
Migliore: Politano. Col Lecce doveva essere la partita della vittoria per la definitiva riconciliazione tra squadra e pubblico. Nella debacle generale niente spicca e nessuno eccelle, se non la verve di Politano, capace a saltare l’uomo, un’arma in più per il futuro per Gattuso. (Antonello Greco)

Peggiore: Di Lorenzo. Insufficiente tutta la linea di difesa. Sull’esterno azzurro gravano in particolare le evidenti responsabilità sui primi due gol del Lecce. Inspiegabile lo spazio che lascia a Lapadula consentendogli di anticiparlo di testa nell’azione del raddoppio dei pugliesi.
Migliore: Demme. E’ il metronomo delle manovre degli azzurri. Con i gol del Lecce arrivano le solite insicurezze, le solite incertezze e nonostante tutto il tedesco cerca di metterci qualche pezza. Sua l’imbucata per Callejon che nel finale riaccende qualche piccola speranza per il Napoli. (Massimo Sergio)

Peggiore: Koulibaly. Niente da fare per Kalidu, anche oggi è tra i peggiori n campo se non il peggiore. Spesso fuori posizione non è più l’implacabile marcatore che tutti ricordiamo. Sarà l’infortuno, sarà la stagione negativa ma è palesemente regredito. Porta troppo la palla invece che appoggiarsi a Demme e spesso forza la giocata anche avventurandosi fuori dalla sua area di competenza così sguarnendo l’intera difesa.
Migliore: Demme. E’ il metronomo del centrocampo e svolge bene il suo compito. Qualche compagno (Koulibaly su tutti) non sfrutta le sue capacità di far girare la palla ma lui riesce sempre a farsi trovare libero e soprattutto a trovare la giocata esatta. (Giovanni D’Oriano)

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie. Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.



1 COMMENTO

  1. Difesa impresentabile. Colpevolmente a Gennaio non si è fatto nulla. Scontiamo la dabbenaggine di liberarsi di Albiolo senza preoccuparsi di sostituirlo. Kulibaly senza un clone di Albiol vale la metà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.