Gattuso alla stampa post Napoli-Torino: “Vorrei più cattiveria, gara da chiudere. Il campionato è falsato”

2
3470

Il tecnico del Napoli, Gennaro Gattuso, ha risposto alle domande della conferenza stampa dopogara di Napoli-Torino. Queste le sue parole raccolte da NapoliSoccer per i propri lettori. 

“Nessuna svolta. Bisogna essere contenti. C’era paura da parte mia, ai giocatori sarà venuto il mal di testa. Li ho martellati con le difficoltà di questa partita. Abbiamo iniziato molto male i  primi 5 minuti. Ci spiace aver tenuto in vita la partita prendendo goal nel finale.  Io e il mio staff e le persone che sono state con me sappiamo tutti cosa abbiamo rischiato. I miei giocatori non devono dimenticare le figuracce, quando non riusciva nulla. Ora c’è una strada precisa: lavorare con serietà. Poi ognuno tirerà le somme e sceglierà la via migliore per sé e per tutti.  Ora abbiamo l’Inter, partita importantissima. Poi il Barcelona, tutti ci danno per spacciati. Giocheremo con grandissima voglia tutte le partite che ci mancano.

Si deve vivere alla giornata, è obbligatorio. Il campo dirà chi giocherà, chi sta meglio, perché oggi ho bisogno di tutti. E le partite serve prepararle a Castel Volturno. Domani si allenano in 4 o 5, gli altri riposano. Da lunedì si ricomincia.

Deve finire la discussione della fiducia, i ragazzi sono grandi professionisti. Si diventa più tranquilli con prestazioni come oggi, ma non siamo comunque stati bravi abbastanza. Bisogna arrabbiarsi perché non l’abbiamo chiusa prima. Abbiamo dominato, ma c’è sempre un però. Portare la partita di oggi al 94′ sinceramente mi scoccia, è qualcosa che dobbiamo migliorare. Non dobbiamo andare solo sotto la curva. Dobbiamo fare il giro di tutto lo stadio. In questo momento tutti ci hanno dato qualcosa per portare a casa la partita oggi. In questi casi bisogna salutare tutti. 

La cosa più importante della fase difensiva sono i benefici che ci dà la linea se si muove in un certo modo. Gli attaccanti del Torino erano sempre in affanno. Vorrei rivedere spesso i movimenti di oggi, ci fanno rimanere corti, ci fanno giocare sui 30 metri ma 20 metri più avanti sul campo. Non sono gasato per come usciamo, ma per come si comporta la linea. Ho la sensazione che certe volte sotto la porta cerchiamo il sette invece di buttare giù la porta. Poi ci sono scelte migliori da fare a campo aperto, ma vorrei vedere più cattiveria negli ultimi metri, sopratutto a livello di balistica.

Innanzitutto rispetto per le vittime e per le persone che soffrono per il coronavirus. Però non sono d’accordo coi rinvii. O si fermano tutte o nessuna. Voglio vedere le partite coi tifosi. Ma o si gioca o non si gioca. Per me il campionato è falsato. Le partite tra uno o due mesi sono completamente diverse. Giocare contro squadre che non giocano da due settimane è diverso. Ci sono tanti soldi in ballo, le società di calcio sono aziende, bisogna fare le cose fatte bene. Non è polemica, lo penso veramente. 

Lobotka aveva bisogno di tempo per trovare il ritmo del nostro campionato, deve ambientarsi. È un giocatore che può fare ancora meglio. Politano può fare molto di più, mi aspetto di più da lui. Ha inciso negli ultimi due o tre anni, può farti vincere le partite. L’asticella nei suoi confronti da parte mia è alta. 

La partita di giovedì mi dà tanta preoccupazione. Non penso all’Europa. Voglio passare il turno per giocarmi una finale con i miei giocatori. Vorrei passare dal campionato per andare in Europa, ma una finale è un’occasione per alzare una Coppa. Non possiamo fare calcoli. Vogliamo vincere contro l’Inter e passare il turno, non dobbiamo pensare che è un passaggio per l’Europa”. 



2 Commenti

  1. Caro Gennaro, stai vendendo dell’aria fritta. Abbiamo preso un gol, contro il Torino, che fa ridere i polli.
    Ma hai visto come era piazzata la difesa in quella occasione? Abbiamo avuto l’abilità di fra segnare a Edera un gol di testa (secondo me Edera non ha mai segnato di testa neanche quando giocava tra i dilettanti). E, caro Gattuso, ringrazia Dio che di fronte avevamo il Torino (con tutto il rispetto) altrimenti avremmo vissuto ancora dei momenti amari avuti contro il Lecce e la Fiorentina. A proposito ricorda ad Insigne che lui è un giocatore di pallone e non un ballerino della Scala. Non parliamo di Hisay… un vero comico.

  2. il napoli ha giocato bene contro il torino e una grande squadra e gattuso e un grande allenatore ma spero che faccia giocare qualche volta anche lozano che e un vero campione e siccome ha solo 24 anni ha tante energie da spendere spero che il napoli non cedera mai lozano se lo facesse commetterebbe un grosso errore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.