‘Ultras’ il lungometraggio di Lettieri disponibile su Netflix

0
984
ultras

E’ disponibile su Netflix ‘Ultras’, il lungometraggio di Francesco Lettieri che racconta – dal suo punto di vista – la tifoseria organizzata partenopea, con il calcio che resta elemento di sfondo ed il tifo visto più come ‘gruppo’ (tribù) in cui le esigenze dei singoli sono influenzate da quelle del gruppo.

Ultras‘ racconta il passaggio di consegna tra tre diverse generazioni, passando dall’ideale “puro ma duro” della “vecchia” guardia, impossibilitata ad andare al San Paolo per i DASPO ricevuti, e la generazione attuale che, più violenta e meno ancorata ai vecchi ideali ultras, arruola le nuove generazioni abituandole alla violenza.

Un film – a parer mio, pertanto opinabile – dove droga e violenza sono elementi dominanti, con sullo sfondo relazioni difficili e stereotipati elementi di vita quotidiana dove emerge la figura di Sandro ‘O Mohicano, stanco storico leader  degli Apache, che ormai cinquantenne, si innamora di Terry e vuole cambiare vita, anche cercando di essere guida e protettore per il giovane Angelo. 

CAST

Oltre a Sandro ‘O Mohicano (Aniello Arena) e Terry (Antonia Truppo), gli altri protagonisti sono gli altri leader ultras del passato Barabba (Salvatore Pelliccia) e McIntosh (Gennaro Basile), i leader della nuova generazione Pechegno (Simone Borrelli) e  Gabbiano (Daniele Vicorito) che, insofferenti rispetto alle indicazioni dei vecchi ultras, formano i N.N.N. (No Name Napoli), portandosi dietro le nuove generazioni, tra cui Angelo (Ciro Nacca), orfano e fratello di un ultras morto accoltellato, che Sandro ‘O Mohicano cerca di salvaguardare.

CURIOSITA’

  • Le musiche della pellicola ‘Ultras‘ sono di Liberato, cantante napoletano dall’identità segreta, noto per l’utilizzo di riferimenti all’immaginario ultras e alla SSC Napoli.

  • Le riprese del film si sono svolte oltre che a Napoli anche in vari centri dell’area Flegrea ed a Ischia. Nell’area flegrea il principale luogo utilizzato è stato il centro storico di Pozzuoli, ed in particolare il Rione Terra e l’antica darsena puteolana (nota come o’ valione), con inizio e fine della storia nella Chiesa dell’Assunta a Mare.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie. Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.