FIGC e Lega presentano nuovo protocollo per gli allenamenti: cosa cambia per il Napoli

0
3062
mini-abbonamento nuovo protocollo

Nel pomeriggio di ieri Lega Calcio Serie A e FIGC hanno presentato al ministro dello Sport Spadafora il nuovo protocollo per la ripartenza degli allenamenti di gruppo, con delle modifiche rispetto a quello presentato un mese fa e ritenuto non realizzabile dalla Lega Serie A in una sorta di dietrofront che lo stesso ministro aveva commentato in una recente intervista: “Il protocollo è stato proposto un mese fa dalla FIGC e Lega, ma ora la Lega dice che ci sono difficoltà ad attuare il protocollo proposto e che le squadre non hanno le strutture adatte per l’auto isolamento“.

Il nuovo protocollo presentato al Dicastero dello Sport prevede delle variazioni che vengono di seguito analizzate, con particolare riferimento alla situazione in casa Napoli.

La prima modifica riguarda tempi e modi dei test sanitari per verificare la negatività dei giocatori. Il Napoli, com’è noto, ha un accordo con il Policlinico Universitario Federico II per le procedure di analisi, con due dottorandi “dedicati” alla raccolta dei campioni. Nel nuovo protocollo è prevista la ripetizione del tampone a 72-96 ore dalla partenza degli allenamenti di gruppo e di nuovo, ancora, al “tempo zero” di questi. Poi ripetizioni ogni 4 giorni. Si intensificherà ulteriormente, quindi, l’attività di screening. Che prevede, inoltre, anche test sierologici per la ricerca degli anticorpi all’inizio degli allenamenti collettivi e poi ogni 14 giorni.

Il secondo punto modificato è il rifiuto del ritiro blindato ad inizio degli allenamenti collettivi. Niente “quarantena” a Castel Volturno e all’Holiday Inn adiacente al centro tecnico per i calciatori del Napoli, che potranno quindi tornare a casa. Anche questa decisione ha impattato nell’aumento del numero dei test da effettuare. Meno spese di gestione del ritiro, più spese sanitarie per la società. Si richiede ai giocatori di utilizzare mezzi propri e senza la presenza di autisti. Mascherine per l’arrivo al centro tecnico e, ove necessario, guanti per tutti.

Il terzo e più delicato punto riguarda l’eventuale scoperta di un positivo tra i membri della squadra o dello staff dopo l’inizio degli allenamenti di gruppo. Il protocollo precedente prevedeva la quarantena per l’intero gruppo squadra con la sospensione degli allenamenti. La proposta attuale è quella di partire con la quarantena, ma proseguire gli allenamenti di squadra – con il positivo isolato e non partecipe – sotto l’attenta valutazione clinica del medico sociale e l’esecuzione di tamponi, anche rapidi, ogni 48 ore per 2 settimane, nonché esami sierologici immediati e da ripetersi dopo 10 giorni. Solo a questo punto – in caso di positivo in squadra – scatterebbe quindi il maxi ritiro. Un modo di responsabilizzare ulteriormente i giocatori nei contatti extra-calcistici, per evitare problemi anche ai propri compagni di squadra.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo su NapoliSoccer.NET ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie sul Napoli (news, calcio, calciomercato e tanto altro). Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.

Supporta NapoliSoccer.NET

Caro lettore, i giornalisti di NapoliSoccer lavorano con impegno e dedizione, senza scopo di lucro, per fornire notizie precise ed affidabili. Se apprezzi il nostro operato, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un contributo a piacere per supportare il nostro lavoro così da consentirci di continuare ad offrirti il meglio delle notizie.




LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.