Napoli-SPAL 3-1: le pagelle per gli azzurri. Bene Lobotka in regia, Younes che impatto!

0
831
LEPAGELLE.jpg

Meret 6: incolpevole sul goal, gestisce al meglio tutto il resto, anche la ripartenza bassa in palleggio. Buon intervento nel secondo tempo su un tiro da fuori di Valoti, tecnicamente impeccabile. La SPAL centra poco la porta.

Hysaj 5: saltato sistematicamente in velocità – almeno tre volte – arriva dal suo lato il goal di Petagna. Poco presente in fase offensiva, sembra paradossalmente meno sicuro ora a destra rispetto alla sinistra.

Maksimovic 6,5: il migliore della linea di difesa, oggi è portato a tamponare qualche buco del centrocampo tutto tecnica uscendo dalla linea. Su una di queste uscite, nel finale, rischia l’infortunio togliendo il fiato a Gattuso e ai tifosi.

Koulibaly 6: bene nel gioco aereo, bene in impostazione, si ritrova distante da Petagna sul momentaneo vantaggio estense. Leggermente meno sicuro del compagno serbo nelle uscite, mai state piatto forte della casa. Benissimo nei recuperi. Lascia il campo all’80’ a Manolas SV.

Mario Rui 6: gioca una partita intensa dal punto di vista della corsa e “onesta” dal punto di vista tecnico. Si sovrappone e riesce anche ad andare al tiro. All’80’ gli subentra Ghoulam SV.

Fabiàn Ruiz 7: il doppio assist, con i compagni messi davanti al portiere, decide la gara. Gioca una partita con tanta corsa, molto dinamica, cosa che lo porta a giocare poi palloni decisivi ad intermittenza e a rischiare in uscita, regalando qualche pallone di troppo. Ma resta una partita di livello alto, quello capace di indirizzare la gara.

Lobotka 7: molto bene nel ruolo di Demme, giostra il gioco alternando passaggi lunghi e corti, e facilitando gli scambi stretti in costruzione. Cresciuto moltissimo rispetto alle prime apparizioni da regista.

Elmas 6,5: l’assist per il goal di Callejon è un misto di classe e caparbietà, ma Eljif è anche il centrocampista che si è visto di meno durante la partita. Deve ancora interpretare al meglio la fase difensiva, ma ha tocco e grinta per crescere ancora.

Callejon 6,5: il ritorno al goal nella settimana che ha sancito la sua permanenza fino a fine stagione sa di premio meritato per José, che mancava al goal da diverso tempo. Trova il tempo di inserimento più volte, la giocata giusta per il momento, invece, meno. Esce al 77′ per Younes 6,5: sua la rete che chiude la gara, sfiora il raddoppio con un tiro che sfiora il palo a pochi minuti dalla fine. Ingresso di grande impatto sulla gara.

Mertens 6,5: la rete che indirizza da subito la partita è sua, poi per tutto il primo tempo è ago della bilancia dell’attacco azzurro. Serve un assist ad Insigne per un 3-1 annullato dal VAR per fuorigioco millimetrico, svaria sul fronte d’attacco, costruisce e prende qualche fallo. Lascia il posto al 65′ a Milik 5,5: più di mezz’ora nella quale non si vede molto in campo, se non per un paio di falli. 

Insigne 6,5: i compagni lo cercano e lui gioca bene. Dribbla, tenta l’assist e sfiora il goal con un destro bellissimo che coglie il palo – il trentesimo della stagione azzurra. Segnerebbe il 3-1 sul finale del primo tempo, ma il VAR gli nega la gioia. Gattuso gli risparmia 35′ in vista dell’Atalanta, mandando in campo al 65′ Lozano 6: 30 minuti discreti con un’occasione da rete creata per i compagni (Callejon alza un clamoroso campanile col sinistro, ndr) e un coast-to-coast di 60 metri di scatto che lo portano al tiro, ribattuto da un difensore estense. 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.