Gennaro Gattuso alla stampa post Napoli-Lazio

0
458

Il tecnico del Napoli, Gennaro Gattuso, ha risposto alle domande della conferenza stampa dopo gara di Napoli-Lazio. Queste le sue parole raccolte da NapoliSoccer per i propri lettori. “È stato un buon in vista del Barcellona, è stata una partita vera, in cui nel primo tempo abbiamo giocato alla pari ma nel secondo siamo stati più bravi noi. Meritavo l’espulsione, entrambe le panchine hanno accesi i toni. Lazio e Barcellona sono due partite diverse, la Lazio è molto fisica ma ha anche qualità, mentre il Barcellona ha molta più qualità e noi per fare risultato dobbiamo giocare da squadra, anche se sappiamo che servirà un’impresa. Insigne? Ho parlato con lui prima di venire qui, è preoccupato un po’, ha sentito fastidio all’adduttore ed entro 48 ore farà un’ecografia e vediamo se sarà a disposizione. Abbiamo avuto dei numeri importati nel girone di ritorno, giocare 12 partite in lockdown non è stato facile, sapevo che potevamo perdere qualcosa per strada ma alla fine i ragazzi mi hanno seguito, anche se abbiamo lasciato per strada punti che non dovevamo perdere. Era difficile non era facile farli stare sul pezzo ma tutti noi ci porteremo dentro questi 45 gironi in cui abbiamo fatto un altro sport, difficile e faticoso. Ho capto che non può esistere il gioco del calcio senza atmosfera, quando viene a mancare quest’atmosfera viene meno l’essenza del calcio. La Juve ha perso le ultime due partite? Anche questo fa capire cosa vuol dire essere sul pezzo e collegati. Bisogna andare alla ricerca dello stimolo, se si dovesse spegnere l’interruttore è un casino. Non c’è un interruttore che spegni e riaccendi, stare sul pezzo non è facile. Io marcare Messi? Nei miei sogni posso, oppure se accendessi la palystation di mio figlio e gioco quando indossavo la maglia del Milan”.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.