Parma-Napoli: ciak si gira buona la prima!

1
1187
Parma-Napoli è terminata 0-2, ottima la prestazione di Osimhen.

Parma-Napoli, il debutto per la squadra partenopea nel Campionato Italiano Serie A 2020-2021, è terminata 0-2.

Una partita dai due volti in cui nei primi 45’ ha dominato la noia e la paura ha dominato su tutto e tutti, mentre nella ripresa si è vista una partita più e divertente.

Nella prima frazione di gioco, le due squadre si sono studiate, hanno tenuto il campo ed hanno creato poche, pochissime occasiono da gol, con il Napoli che non ha neanche mai tirato in porta.

Tuttavia, al 3’ la squadra azzurra ha reclamato un penalty, per un leggero contatto tra Pezzella e Lozano in area emiliana ma l’arbitro ha lasciato correre.

Al 10’ azione pericolosa del Napoli ma il velo di Mertens non ha favorito nessun compagno alle sue spalle.

Al 16’ la conclusione di Diego Demme è stata murata dalla difesa avversaria.

Al 23’ su una palla persa da Fabian, Inglese ha provato la conclusione, che è stata smorzata dalla difesa azzurra ed Ospina non ha avuto difficoltà a parare. Questo è stato l’unico tiro in porto nei primi 45’ minuti.

Al 31’ incursione di Zielinski ma la difesa emiliana ha chiuso bene.

Al 38’ altra azione pericolosa del Napoli ma sul cross di Fabian, Mertens ha colpito male la palla di testa.

Al 40’ l’ultima occasione della partita è stata del Napoli ma il tiro di Fabian dalla distanza è terminato alto.

Nella ripresa pronti via e la partita è iniziata con un duro scontro tra Ospina e Kucka il portiere azzurro è a terra per qualche minuto ma poi si è alzato senza conseguenze.

Al 55’ il primo tiro in porta del secondo tempo è stato del Parma ma il tiro di Kucka è terminato alto.

Poco dopo è stato il Napoli a rendersi pericoloso ma Zielinski, servito magistralmente da Insigne, ha controllato male la palla e non è riuscito a concludere in porta.

Al 60’ il tiro di Fabian dalla distanza è terminato fuori.

Un minuto dopo Gattuso ha fatto il cambio che l’ha portato a vincere la partita: fuori Demme, dentro Osimhen e cambio di modulo dal 4-3-3 al 4-2-3-1.

Il Napoli ha preso il pieno controllo della partita ed il Parma ha avuto difficoltà ad uscire ed al 62’ la conclusione ancora di Fabian è terminata di poco alto.

Un giro di lancette dopo, la squadra azzurra è passata in vantaggio con Mertens: sul cross di Lozano, chiusure perfetta di Iacoponi su Osimhen, la palla è arrivata a Mertens, il quale ha stoppato la palla ha tirato ed ha battuto un incolpevole Sepe.

Al 65’ ancora Napoli in avanti, incursione di Osimhen che ha dato palla al centro per Mertens ma la conclusione del belga è terminata di poco fuori.

Poco dopo, ancora protagonista l’ex Lille che di tacco ha servito Insigne, la cui conclusione ha colpito il palo.

Al 63’ la conclusione di Di Lorenzo è stata bloccata in due tempi da Sepe.

Al 70′ sul cross di Insigne, il colpo di testa di Osimhen è terminato di poco out.

Il vortice delle sostituzioni ha abbassato un po’ il ritmo della gara ma, nonostante ciò, il Napoli ha mantenuto il pallino del gioco ed al 76’ è passito in vantaggio: grave errore della difesa del Parma, Lozano ha recuperato palla, è andato al tiro, il portiere ha respinto, Insigne si è avventato sulla palla ed ha insacca a porta vuota.

Al 76’ Osihmen ci prova ma la palla è terminata di poco a lato.

All’81’ si è rivisto il Parma in avanti ma il colpo di testa di Cornelius è stato facilmente bloccato da Ospina.

All’87’ al temine di un’azione personale, Politano è andato alla conclusione ma Sepe è stato bravo sventare il pericolo.

Nei 6 minuti di recupero il Parma ha cercato il gol dell’1-2 ma sia il tiro di Kucka al 93’, che quello di Dezi al 95’ sono entrambe terminate fuori.

Al triplice fischio, il Napoli è riuscito a raccogliere i primi tre punti al debutto in Campionato.

Tre punti importanti dal punto di vista mentale ma che lasciano un po’ di dubbi e perplessità.

Con il 4-3-3 la squadra azzurra è apparsa confusionaria, senza idee e senza peso offensivo ma una volta entrato Osimhen il Napoli è passato al 4-2-3-1 ed ha cambiato completamente volto.

I partenopei sono parsi più attivo, più dinamici ed hanno iniziato a giocare facendo intravedere un po’ di bel gioco.

L’ex Lille con la sua velocità ha dato più profondità alla squadra, è riuscito ad aprire la difesa avversaria ed il Napoli è diventato più pericoloso.

Mertens, libero dalla marcatura dei centrali, ha avuto più libertà di movimento ed ha avuto modo di agire più indisturbato.

Sugli esterni invece Lozano ed Insigne hanno continuato a spingere e a muoversi senza problema.

Un plauso anche a Gattuso bravo a capire quando far entrare Osimhen e cambiare modulo.

Il peso offensivo di questa squadra sembra reggere bene il 4-2-3-1 ma attualmente a centrocampo non tutti i giocatori sembrano essere in grado di supportare questo schema.

Con la chiusura del mercato il 5 ottobre, la società partenopea dovrebbe affrettarsi a prendere qualche centrocampista in grado di giocare fin dal primo minuto nel 4-2-3-1.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo su NapoliSoccer.NET ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie sul Napoli (news, calcio, calciomercato e tanto altro). Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.



1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.