Petagna: “Ho guadagnato questa maglia. Puntiamo a vincere l’Europa League”

0
977

Andrea Petagna, attaccante del Napoli, è stato intervistato oggi su Sky Sport e su Radio Kiss Kiss Napoli. Di seguito la sintesi delle sue dichiarazioni alle due emittenti elaborata per i nostri lettori. 

“Mi ha sempre fatto impazzire vedere il Napoli giocare. Mertens e Insigne sono due giocatori che mi sono sempre piaciuti e per me è un onore potermi allenare con dei calciatori così forti. Osimhen è fortissimo, ed è stato pagato tanto. Ha grandi qualità, fa gol, è molto veloce. Siamo tutti un bel gruppo, poi deciderà il mister come farci giocare. È bello che ci sia competizione, nelle grandi squadre è così e quando c’è competizione tutti migliorano e danno di più in campo.

Mi trovo bene in tutti i moduli. Posso giocare a tre, a due, a uno. Anche a Bergamo ho sempre cambiato modulo, mi piace giocare in qualsiasi modulo, deciderà il mister e io mi farò trovare pronto. Mi sono trovato subito bene con Lorenzo, tutti mi hanno accolto bene. Insigne è un grandissimo calciatore, spero che mi faccia tanti assist.

Spero di conquistare i tifosi nelle partite ufficiali, quando conterà qualcosa. Cavani è un campione e ha segnato tanti gol qui e al PSG. Io mi sono conquistato tutto ciò che ho fatto. Ora sono qui, voglio migliorare ancora. Ho avuto la fortuna di potermi allenare con Gattuso quand’era ancora un giocatore del Milan. È un esempio per tutti per la sua voglia di non mollare mai, lo era da calciatore e lo è da allenatore. Trasmette carica ed energie, voglio seguirlo perché con lui posso migliorare. 

Le mie caratteristiche migliori sono quelle di dialogare coi compagni, abbassarmi. Sono migliorato tanto in zona gol e devo farlo ancora perché sono giovane, ma le mie caratteristiche sono altre, come aprire gli spazi. La Nazionale è un obiettivo che passa però attraverso Napoli, devo allenarmi bene e giocare. Se farò bene, la Nazionale sarà una conseguenza.

Non ero mai stato a Napoli e non vedevo l’ora di conoscerla. Devo dire grazie a Lello, la persona che mi ha accompagnato in vari luoghi della città. Non vedo l’ora che possa venire anche la mia famiglia per girarla insieme. È la prima volta che sono lontano da casa e non mi manca casa. C’è molta energia in città. Napoli mi fa sentire a casa, inoltre ho tanti famigliari del Sud Italia e che vivono a Napoli. Sono solo da dieci giorni qui e devo dire che mi piace molto.

Il Napoli mi ha voluto, so quanto Giuntoli crede in me, me lo dice ogni giorno. Io conosco le mie qualità, sono a disposizione del mister che deciderà quanto farmi giocare. Purtroppo non sono potuto venire a gennaio, ma sono qui adesso e non vedo l’ora di cominciare.  Il Napoli è una grande squadra e deve tornare in Champions League. L’Europa League inoltre è un altro obiettivo perché è una coppa importante. Avremo tanti impegni, ma siamo attrezzati per giocare tutte le competizioni. I tifosi sono super-calorosi, la piazza è bella. Spero che possano tornare allo stadio. Mi riconoscono subito, mi hanno chiesto di far gol e di far gol anche alla Juve”.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.