Esclusiva – Parola agli esperti: sette specialisti dicono la loro sul calciomercato

0
2115
Giuseppe Accardi, Dario Canovi, Alfredo Pedullà, Agostino Iacobelli, Stefan Schwoch, Gianni Di Marzio e Francesco Montervino partecipano al sondaggio di NapoliSoccer.NET.

Si è concluso da qualche giorno una delle sessioni di calciomercato più particolari di sempre, iniziato il primo settembre e terminato il 5 ottobre e condizionata non poco dalla situazione COVID-19. Per valutare la sessione estiva del calciomercato 2020, abbiamo dato voce a 7 esperti, che hanno risposto a 3 semplice domande.

Rispondono al sondaggio di NapoliSoccer.NET: Giuseppe Accardi (procuratore), Dario Canovi (procuratore) Alfredo Pedullà (giornalista), Agostino Iacobelli (allenatore), Stefan Schwoch (ex calciatore), Gianni Di Marzio (dirigente) e Francesco Montervino (dirigente).

Di seguito le interviste complete:

1) Come giudica il mercato del Napoli?

Giuseppe Accardi: “Buono. Questo problema del Covid ha scombussolato la testa di tutti ed ha stravolti i programmi di molte società. Milik, Llorente e Malcuit sono giocatori importanti e seppur il Napoli non è riuscito a cederli sono rimasti in azzurro e sono certo che daranno un grande aiuto alla squadra partenopea. È stato un mercato strano e particolare ma può succedere ancora di tutto dato, non ci dimentichiamo che c’è ancora un mercato aperto che è quello russo”.

Dario Canovi: “Ottimo, gli azzurri hanno fatto un buon mercato”.

Alfredo Pedullà: “Molto positivo! Osimhen e Bakayoko sono due colpi che consentono di far fare il salto alla squadra. Sono i colpi migliori, possibili ed immaginabili che potesse pensare di fare la squadra azzurra”.

Agostino Iacobelli: “Il Napoli si è mosso molto bene sia in entrata che in uscita. Il giudizio è molto positivo; poiché sono stati acquistati calciatori funzionali al progetto Gattuso”.

Stefan Schwoch: “Molto molto positivo, soprattutto per l’arrivo di Bakayoko, che rappresenta proprio la ciliegina sulla torta. Un giocatore che mancava alla squadra azzurra per caratteristiche fisiche, tecnico tattiche ed esperienza internazionale, che ha fatto chiudere il cerchio al Napoli. Oltre l’arrivo di Bakayoko è stato anche bravo a trattenere Koulibaly”.

Gianni Di Marzio: “Positivo. Hanno preso Osimhen che è un calciatore forte, Bakayoko è una diga ma forse manca l’esterno basso, che sarebbe potuto essere Emerson Palmieri ”.

Francesco Montervino: “Buono ma non ottimo, mi aspettavo un terzino sinistro; poiché sono anni sono anni che al Napoli manca. Quest’anno è arrivato il centrocampista che tutti decantavano da tempo, magari l’anno prossimo o a gennaio potrebbe arrivare anche questo esterno sinistro basso”.

2) Come valuta il calciomercato di questa estate, che è stato un mercato atipico rispetto alle altre annate.?

Giuseppe Accardi: “Il calciomercato quest’estate è stato difficile, stressante e stancante, non è stato brillante come quello degli altri anni. Lo stress mentale è arrivato veramente ad un livello esasperante. Stiamo vivendo una situazione più mentale che reale, che condiziona l’atteggiamento di tutti sia nel comprare che nel vendere”.

Dario Canovi: “In quarant’anni credo che sia stato il calciomercato più povero che io abbia visto, quello meno vivace ed attivo. Basta pensare quanti giocatori sono fuori rosa. Se il Genoa mette fuori lista Schone ed il Napoli Milik, fa capire come sia stato un calciomercato in cui ci sono stato pochissimi movimenti rispetto a quelli che di solito in media ci sono. Quest’anno si stanno pagando le rose sovraccariche di giocatori”.

Alfredo Pedullà: “È stato un mercato particolare per tutto quello che sta accadendo e senza grande possibilità di manovra. Anticipare l’operazione Osimhen, che il Napoli aveva programmato già in primavera, è stato un modo per portarsi avanti con il lavoro. Le due cose sono andate di pari passo. Il rimpianto può essere Milik ma non dipende dalla società azzurra, che ha venduto il polacco per ben due volte a 25 milioni prima alla Roma e poi negli ultimi giorni alla Fiorentina ma che lui ha deciso di rifiutare, per andare fino in fondo in questo rapporto con il Napoli, che lui stesso considera deteriorato. Nella situazione Milik le colpe del club azzurro sono minime. Il Napoli ha fatto bene anche nei rinnovi ed ha resisto all’offerte per Koulibaly, è stato coerente con la sua linea di pensiero; infatti, non ha ceduto il senegalese giusto per guadagnare qualcosa ma l’avrebbe ceduto solo a determinate condizioni che non sono arrivate. Tutti gli obiettivi sono stati raggiunti: Younes mandato a giocare in prestito biennale e Ounas ceduto in prestito, dato che non trovava spazio. Resta il rammarico per la vicenda Milik e Llorente, il quale ha fatto come Milik restando alla finestra e rifiutando le varie offerte che gli sono arrivate ma ripeto in entrambi i casi la colpa non è assolutamente del Napoli”.

Agostino Iacobelli: “Quella di quest’anno è stata un’annata anomala sotto tutti i punti di vista. Ci sono state delle società che non si sono potute muovere a causa di questo male che ha colpito un po’ tutti. Tuttavia, chi ha avuto un po’ di soldi ha fatto un buon mercato, vedi Milan, Inter e la Juve che ha preso Chiesa l’ultimo giorno. Chi ha potuto si è mosso e l’ha fatto molto bene”.

Stefan Schwoch: “Quest’anno è stato un mercato particolare, si sono mosse poche le società e ci sono stati meno trasferimenti, tuttavia mi aspetto che ci sarà un mercato di gennaio più dinamico. Sto vedendo dei colpi preparati adesso per essere perfezionati alla riapertura delle compravendite”.

Gianni Di Marzio: Essendo stato influenzato molto dal Covid abbiamo avuto un mercato molto mediocre quest’anno”.

Francesco Montervino: “Il periodo è quello che è; perciò non potevamo aspettarci dei colpi roboanti . Nonostante ciò, ci sono stati dei colpi importanti come Chiesa alla Juve e Bakayoko al Napoli, questo ci fa capire che se una squadra importante deve fare una valutazione la fa guardando la finanza propositiva e positiva, che un club deve cercare di avere. Tutto sommato, vedendo il periodo che sta vivendo è stato fatto un discreto calciomercato”.

3) Qual è la regina del calciomercato e qual è il colpo dell’ultima sessione di mercato?

Giuseppe Accardi: “Il colpo del mercato è stato Osimhen del Napoli, mentre la regina del mercato è stata l’Inter, che ha acquistato giocatori funzionali al progetto, anche se di un po’ età avanzata. Probabilmente ha acquistato calciatori utili per levigare ulteriormente il gap con la Juve, tuttavia, solo il campo ci dirà se è così oppure no”.

Dario Canovi: “I colpi sono stati due Osimhen del Napoli e Chiesa alla Juve. Non credo che quest’anno ci sia stata una vera a propria regina del calciomercato. Oltre a Chiesa ed Osimhen, aggiungerei un altro calciatore che per rapporto qualità prezzo può essere considerato un vero colpo di mercato: Lammers, centravanti olandese dell’Atalanta. Nell’ultima giornata di campionata ha fatto un gol strepitoso, l’hanno pagato 9 milione ma a fine stagione potrebbe valere tanti soldi e potremmo star qui a parlare dell’ennesimo grande affare dell’Atalanta”.

Alfredo Pedullà: “Il colpo dell’estate è sicuramente Osimhen per esborso, per com’è stato centrato, per programmazione e per com’è stato voluto. Malgrado tutti dicessero che su di lui ci fossero i club inglesi, noi abbiamo puntato subito su un suo passaggio al Napoli. La regina del calciomercato è difficile da fare un nome. A quattro squadre ho dato come voto 7,5: Juve, Inter, Napoli ed Atalanta. Il calciomercato degli orobici è stato fantastico sia in entrata che in uscita, quello della Juve è stato da 5,5 in uscita e da 7,5 in entrata. I bianconeri non hanno fatto in uscita nessuna operazione, se non in prestito secco, che non aiutano il bilancio. Il voto è diverso tra l’entrata e l’uscita ma bisogna fare un distinguo e sicuramente troveremo una grande differenza. Per me le regine del mercato sono 4 e saranno le 4 squadra che si giocheranno lo scudetto. Quest’anno non vedo una squadra superiore alle altre e ci sarà una lotta al titolo di campione d’Italia più aperta, con il Napoli in corsa per le posizioni migliori”.

Agostino Iacobelli: “La regina è stata la Juventus ma anche il Milan mi è piaciuta come si è messa sul mercato. I rossoneri hanno confermato qualche giocatore importante, mentre la Juventus non ha preso giocatori che fanno meno rumore ma tutto sommato si è mossa bene. Le squadre che lottano per il vertice e potevano fare qualcosa l’hanno fatto, anche il calciomercato dell’Inter è stato positivo ed il Napoli ha messo a segno 2/3 colpi veramente importanti. Il colpo dell’estate è stato Chiesa alla Juve, un giocatore forte che può fare veramente bene in bianconero”.

Stefan Schwoch: “La regina può essere anche considerato il Napoli ma il colpo penso sia Chiesa alla Juve, tutti lo volevano ma i bianconeri hanno piazzato la zampata l’ultimo giorno di mercato. Tuttavia, anche Osimhen può essere considerato un colpo di mercato”.

Gianni Di Marzio: ”Secondo me è stato Chiesa ma dal punto di vista tecnico il colpo è stato Osimhen al Napoli”.

Francesco Montervino:”Il Napoli ha fatto un mercato importante, il colpo resta Chiesa ma gli acquisti di Bakayoko ed Osimhen portano ad innalzare di gran lunga il livello della squadra. A mio avviso il colpo è Chiesa, mentre la regina del mercato è il Napoli”.

Ci interessa il tuo parere, commenta l’articolo su NapoliSoccer.NET ed esprimi la tua opinione alla fine della pagina oppure sulla nostra pagina Facebook (CLICCA).

NapoliSoccer.NET è stato scelto da Google News come testata giornalistica sportiva riportante notizie sul Napoli (news, calcio, calciomercato e tanto altro). Per seguirci su GOOGLE NEWS ed essere sempre aggiornato CLICCA.

 

Supporta NapoliSoccer.NET

Caro lettore, i giornalisti di NapoliSoccer lavorano con impegno e dedizione, senza scopo di lucro, per fornire notizie precise ed affidabili. Se apprezzi il nostro operato, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un contributo a piacere per supportare il nostro lavoro così da consentirci di continuare ad offrirti il meglio delle notizie.




LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.